Dicembre 15, 2020 0

Coronavirus: Una persona su 11 ha ora il Covid: almeno l’8,9% dell’Inghilterra ha anticorpi contro il coronavirus

Coronavirus: Una persona su 11 ha ora il Covid: almeno l’8,9% dell’Inghilterra ha anticorpi contro il coronavirus

Almeno una persona su 11 in Inghilterra ha avuto il coronavirus, suggerisce uno studio di sorveglianza condotto dal governo.

L’Ufficio per le statistiche nazionali ha rilevato che l’8,7% degli adulti aveva anticorpi Covid-19 nel sangue entro novembre.

Gli anticorpi sono proteine ​​che combattono i virus prodotte dal sistema immunitario in risposta a un’infezione virale e immagazzinate in modo che il corpo sappia come difendersi da un’esposizione futura.

Se qualcuno ha gli anticorpi Covid-19 significa che ha precedentemente contratto la malattia e si è ripreso o è stato vaccinato.

La scoperta suggerisce che più di 3,9 milioni di persone in Inghilterra sono state infettate da Covid-19, che è più del doppio del numero ufficiale di 1,5 milioni del governo britannico.

Il numero del Dipartimento della Salute è significativamente inferiore perché molte persone non vengono mai testate per la malattia, o perché non hanno sintomi o perché l’hanno contratta durante la prima ondata quando i test pubblici non erano disponibili.

Le stime dell’ONS si basano su decine di migliaia di esami del sangue effettuati da un operatore sanitario qualificato a casa delle persone ogni settimana e rilevano anche persone che non si sono mai ammalate di virus e lo hanno portato senza saperlo.

Include solo persone di età superiore ai 16 anni e non prende in considerazione le case di cura e gli ospedali, il che significa che è probabile che sia una sottostima.

Gli statistici di un corpo numeroso stimano che 4,4 milioni di adulti in tutto il Regno Unito (6,6%) hanno catturato e battuto il Covid-19.

Almeno una persona su 11 in Inghilterra ha avuto il coronavirus, suggerisce uno studio di sorveglianza condotto dal governo

Hanno scoperto che circa 326.000 persone in Scozia avevano anticorpi (7,3%), 140.000 in Galles (5,5%) e 49.000 in Irlanda del Nord (3,3%).

I risultati rivelano che il paese non si è mai avvicinato al raggiungimento della cosiddetta “immunità di gregge”, una politica considerata dai politici all’inizio della crisi.

Si pensa che Boris Johnson abbia gettato il suo peso dietro la controversa strategia di marzo, che richiederebbe che almeno il 70% delle persone venisse infettato di proposito.

L’immunità di gregge si verifica quando così tante persone in una popolazione diventano immuni a una malattia infettiva da impedirne la diffusione.

Londra potrebbe essere inserita nel Tier 3 OGGI

I ministri potrebbero portare avanti la decisione di immergere milioni di londinesi nel Tier 3 fino ad oggi, mentre i casi di coronavirus nella capitale salgono “ fuori dal grafico ”.

Con una mossa che potrebbe devastare le aziende pochi giorni prima di Natale, la città potrebbe vedere la chiusura dei suoi settori dell’ospitalità e della cultura, con acquirenti delle zone di livello 2 al di fuori dei limiti vietati allo shopping nei suoi principali centri commerciali come Oxford Street.

I parlamentari sono stati avvertiti questa mattina che c’è stata una “crescita esponenziale” nei casi nei distretti di Londra e in alcune delle principali aree di pendolari come Hertfordshire e Bedfordshire.

Il segretario alla sanità Matt Hancock aggiornerà i parlamentari sugli ultimi sviluppi nella lotta contro il Covid-19 oggi alle 15.30.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha affermato che è “possibile” che una decisione, prevista per mercoledì, possa essere anticipata già oggi, con una riunione del comitato di gabinetto chiave questa mattina.

Ha avvertito che il Tier 3 sarebbe stato “catastrofico” senza ulteriore aiuto per le imprese della città, arrivando in quello che dovrebbe essere un “quarto d’oro” dell’anno prima di Natale.

Ha detto a Sky News che è ‘possibile’ che una decisione su un cambio di livello possa essere presa oggi, aggiungendo: ‘Se il governo decide di farlo, deve fornire ulteriore supporto oltre a quanto è stato offerto per assicurarsi che queste attività falliscano, ‘ha detto a Sky News.

‘Se falliscono, non solo centinaia di migliaia di londinesi saranno disoccupati, ma la nostra capacità di riprenderci da questa pandemia sarà resa molto più difficile. Non è nell’interesse di nessuno che queste attività falliscano, dicembre è un mese cruciale per molte di queste attività “.

L’ONS invia circa 20.000 kit di anticorpi, che richiedono un campione di sangue con la puntura del dito, a famiglie casuali in tutto il Regno Unito, indipendentemente dal fatto che le persone abbiano sintomi.

I ricercatori quindi estrapolano i risultati alla popolazione nazionale per dipingere un quadro più chiaro di come il virus si è comportato nel Regno Unito.

La cifra dell’8,7 per cento in Inghilterra è la più alta dall’inizio dello studio ONS a maggio, al culmine del primo picco della crisi.

Il numero di persone con anticorpi in quel mese era del 7,4%, l’equivalente di 3,3 milioni, o uno su 14.

I livelli sono poi scesi al 5,9% a giugno e al 6,3% a luglio prima di oscillare intorno al 5,5% fino a ottobre, quando sono saliti al 6,9% durante la seconda ondata dell’epidemia.

Non è chiaro per quanto tempo gli anticorpi Covid-19 rimangono nel sangue o quanto dura l’immunità contro il virus, anche se gli scienziati sospettano che sia la parte migliore di un anno.

A novembre, la prevalenza di anticorpi Covid-19 era più alta a Londra, dove il 12,8% delle persone è risultato positivo, l’equivalente di 911.000 persone.

La capitale è stata l’hotspot Covid del paese durante la prima ondata del virus quando i casi importati dall’Europa e dall’Asia sono arrivati ​​nei suoi aeroporti e nei centri di trasporto trafficati.

Londra sta ora registrando i tassi di infezione più elevati del paese ancora una volta dopo una pausa nella trasmissione all’inizio dell’anno e sembra pronta per un blocco di livello 3 questa settimana.

L’ONS ha rilevato che l’11,1% delle persone nello Yorkshire e nel The Humber aveva anticorpi, proteine ​​che combattono le malattie prodotte dal sistema immunitario in risposta all’infezione.

È stato seguito dal Nord Ovest (10,9%), dal West Midlands (10,6%) e dal Nord Est (10,1%).

Il virus era meno diffuso nel sud-ovest (3,9%), nell’est (5,5%) e nel sud-est (5,9%).

Lo studio suggerisce che il virus uccide circa l’1,6% delle persone che infetta, che è di gran lunga superiore all’influenza stagionale, che ha un tasso di mortalità dello 0,1%.

Gli esperti hanno stimato che il Covid-19 uccide tra lo 0,5% e l’1% dei pazienti.

Nel frattempo, il sondaggio ha rilevato che le minoranze etniche avevano circa il doppio delle probabilità di avere anticorpi Covid rispetto ai bianchi nelle East Midlands, nel nord-ovest e nel sud-est.

Ciò è in linea con una vasta gamma di studi che hanno dimostrato che i britannici neri, asiatici e delle minoranze etniche (BAME) si ammalano e muoiono a causa della malattia a un ritmo sproporzionato.

L'Ufficio per le statistiche nazionali ha rilevato che l'8,7% degli adulti aveva anticorpi Covid-19 nel sangue entro novembre

L’Ufficio per le statistiche nazionali ha rilevato che l’8,7% degli adulti aveva anticorpi Covid-19 nel sangue entro novembre

È stato rilevato che 140.000 in Galles (5,5%) erano stati precedentemente infettati dalla malattia virale

È stato rilevato che 140.000 in Galles (5,5%) erano stati precedentemente infettati dalla malattia virale

Gli statistici del corpo numeroso hanno stimato che 326.000 persone in Scozia avevano anticorpi (7,3%)

Gli statistici del corpo numeroso hanno stimato che 326.000 persone in Scozia avevano anticorpi (7,3%)

La prevalenza era più bassa nell'Irlanda del Nord, dove solo il 3,3% mostrava segni di infezione precoce

La prevalenza era più bassa nell’Irlanda del Nord, dove solo il 3,3% mostrava segni di infezione precoce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.