Settembre 23, 2020 0

Coronavirus: Regole più severe funzionano DAVVERO? L’epidemia di coronavirus di Glasgow è rallentata notevolmente

Coronavirus:  Regole più severe funzionano DAVVERO?  L’epidemia di coronavirus di Glasgow è rallentata notevolmente

Le regole di blocco più severe potrebbero funzionare, suggerisce che i dati ufficiali che mostrano il picco di Glasgow nei casi di coronavirus sono stati controllati entro pochi giorni dalle nuove restrizioni.

Ai residenti della città, che ospita circa 600.000 persone, e due zone limitrofe è stato vietato di visitare altre famiglie all’inizio di settembre, nel disperato tentativo di frenare la diffusione del Covid-19.

La decisione, annunciata dal primo ministro Nicola Sturgeon, è stata motivata da cifre che rivelano che l’epidemia a spirale di Glasgow era la causa di quasi un terzo dei nuovi casi in Scozia.

Circa 37 persone sono risultate positive al test per l’infezione pericolosa per la vita ogni giorno il 2 settembre, il giorno in cui sono entrate in vigore le restrizioni.

Questo dato era aumentato di sei volte dalla metà di agosto, quando una media di sei persone veniva diagnosticata ogni giorno, ed era notevolmente aumentato sulla media mobile di una sola infezione al giorno a luglio.

Ma le statistiche del governo mostrano che la curva di infezione della città ha iniziato ad appiattirsi solo cinque giorni dopo l’imposizione delle misure, mostrando che la media mobile aveva raggiunto i 52 il 7 settembre e da allora è appena aumentata.

I dati di Public Health Scotland, l’agenzia sanitaria del paese che aggiorna quotidianamente i dati Covid-19, mostrano un piccolo aumento dei casi negli ultimi giorni, con la media mobile che si attesta a 64 il 20 settembre.

Dati più aggiornati non sono ancora disponibili perché si basano su quando sono stati prelevati i campioni e non su quanti sono stati effettivamente registrati in un dato giorno. Possono essere necessari diversi giorni prima che i pazienti recuperino i risultati.

Questo aumento nelle ultime due settimane è in linea con il resto del Regno Unito, che è stato accusato di bambini e adulti che tornano a scuola e al lavoro, e ora sembra che stia di nuovo immergendosi.

Sir Harry Burns, professore di salute pubblica globale presso l’Università di Strathclyde, ha detto che i dati mostrano che le misure di blocco nella Scozia occidentale stanno funzionando.

Per questo motivo, ha sostenuto la decisione della signora Sturgeon di imporre un divieto assoluto di mescolanza sociale nelle famiglie da oggi.

E si afferma che il professor Chris Whitty, ufficiale medico capo dell’Inghilterra, è fermamente convinto che l’Inghilterra abbia bisogno del proprio divieto di visita alle famiglie.

La media mobile di sette giorni di Glasgow dei casi di Covid-19 (linea blu) si è appiattita da quando ai residenti è stato vietato di visitare altre famiglie il 2 settembre

Un modello simile è stato mostrato nel West Dunbartonshire

Un modello simile è stato mostrato nel West Dunbartonshire

Nell'East Renfrewshire, i casi hanno continuato a crescere (linea blu) dopo che le restrizioni sono state imposte il 2 settembre. Ma da allora, i casi sono nuovamente diminuiti

Nell’East Renfrewshire, i casi hanno continuato a crescere (linea blu) dopo che le restrizioni sono state imposte il 2 settembre. Ma da allora, i casi sono nuovamente diminuiti

Nicola Sturgeon ha imposto un divieto assoluto alla mescolanza sociale nelle famiglie da oggi in Scozia

Nicola Sturgeon ha imposto un divieto assoluto alla mescolanza sociale nelle famiglie da oggi in Scozia

Circa 1,7 milioni di scozzesi sono ora soggetti a restrizioni locali più severe, quasi un terzo (31%) dei 5,4 milioni di abitanti del paese.

Aberdeen, che ospita 208.000 abitanti, era stata precedentemente sotto stretta sorveglianza dal 5 agosto al 23 agosto, che includeva la chiusura di pub e ristoranti, un divieto di mescolanza domestica e una restrizione di viaggio di cinque miglia.

Glasgow, West Dunbartonshire e East Renfrewshire sono stati poi schiaffeggiati con nuove misure di controllo Covid-19 il 3 settembre.

Doveva essere in vigore per due settimane, tuttavia il governo scozzese non le ha ancora revocate.

Sono state applicate restrizioni alla visita di altre famiglie perché “la trasmissione sembra avvenire principalmente all’interno delle case delle persone e tra le famiglie, piuttosto che nei pub e nei ristoranti”, ha detto la signora Sturgeon.

La media giornaliera dei casi a Glasgow all’epoca era di 36,6. I casi hanno continuato a essere diagnosticati, raggiungendo una media di 52 cinque giorni dopo l’annuncio delle misure.

Ma poi, una settimana dopo che le restrizioni sono state introdotte, i casi si sono stabilizzati a 44,6, suggerendo che il picco era stato fermato.

Un modello simile è stato mostrato nel West Dunbartonshire, che ospita 89.000 persone.

La media è passata da sette il 2 settembre a nove il 6 settembre, prima di stabilizzarsi tra i cinque ei sette casi al giorno.

Sembra che sia Glasgow che West Dunbartonshire abbiano assistito a un improvviso aumento dei casi a metà settembre. Ma i dati degli ultimi due o tre giorni mostrano che questo potrebbe risolversi.

Nell’East Renfrewshire, circa quattro persone al giorno sono risultate positive al test per il coronavirus quando l’area è stata messa sotto “ blocco locale ”.

La cifra ha continuato a crescere drasticamente, raddoppiando fino a otto entro l’11 settembre. Ma da allora, i casi sono tornati a quattro al giorno.

Sebbene sia allo stesso livello di quando sono state imposte le misure, i dati mostrano che il risultato è ancora migliore di quello che avrebbe potuto essere se il virus avesse potuto continuare a diffondersi.

Il 7 settembre, la signora Sturgeon ha “purtroppo” esteso le misure all’East Dunbartonshire e al Renfrewshire, che ospitano circa 286.000 persone messe insieme.

Entrambi hanno visto uno stallo significativo nei casi di Covid-19 a spirale.

Il South Lanarkshire sta iniziando a mostrare miglioramenti, essendo stato aggiunto all’elenco dei luoghi in Scozia colpiti con misure più dure il 12 settembre. Ma i casi del North Lanarkshire sono ancora in aumento.

East Dunbartonshire ha visto diminuire i casi di Covid-19 (linea blu) da quando le restrizioni sono state messe in atto il 7 settembre (nella foto)

East Dunbartonshire ha visto diminuire i casi di Covid-19 (linea blu) da quando le restrizioni sono state messe in atto il 7 settembre (nella foto)

Renfrewshire ha visto casi di Covid-19 bloccarsi (linea blu) da quando le restrizioni sono state messe in atto il 7 settembre (nella foto)

Renfrewshire ha visto casi di Covid-19 bloccarsi (linea blu) da quando le restrizioni sono state messe in atto il 7 settembre (nella foto)

Il South Lanarkshire sta iniziando a mostrare miglioramenti nei casi di Covid-19 (linea blu), essendo stato aggiunto all'elenco dei luoghi in Scozia colpiti con misure più dure il 12 settembre (nella foto)

Il South Lanarkshire sta iniziando a mostrare miglioramenti nei casi di Covid-19 (linea blu), essendo stato aggiunto all’elenco dei luoghi in Scozia colpiti con misure più dure il 12 settembre (nella foto)

Il North Lanarkshire ha visto i casi scendere leggermente (linea blu) prima di risalire dopo che il 12 settembre è stato imposto un `` blocco '' (nella foto)

Il North Lanarkshire ha visto i casi scendere leggermente (linea blu) prima di risalire dopo che il 12 settembre è stato imposto un “ blocco ” (nella foto)

Chris Whitty “dice al Primo Ministro Inghilterra potrebbe aver bisogno di seguire la Scozia e vietare alle famiglie di mescolarsi in casa”

L’Inghilterra potrebbe aver bisogno di seguire l’esempio della Scozia e vietare alle famiglie di visitarsi, Boris Johnson è stato detto dal suo ufficiale medico capo.

Si ritiene che Chris Whitty, che lunedì ha minacciato di rompere “ legami inutili tra famiglie diverse ”, abbia raccomandato al Primo Ministro l’approccio duro di Nicola Sturgeon al coronavirus.

Secondo quanto riferito, l’ufficiale medico capo dell’Inghilterra ritiene che ulteriori restrizioni siano inevitabili quest’inverno e che nuove misure draconiane – tra cui un coprifuoco alle 22:00 nei pub e nei ristoranti – non porteranno il virus sotto controllo.

Il primo ministro scozzese ha affermato che il consiglio del suo ufficiale medico capo e direttore clinico nazionale era che il programma del signor Johnson “da solo non sarà sufficiente a ridurre il numero R”.

Secondo quanto riferito, i direttori medici di tutte e quattro le nazioni di origine si sono incontrati lunedì per concordare un consiglio a ciascuna delle amministrazioni devolute I tempi. Resta inteso che il professor Whitty era d’accordo con la sua controparte scozzese, Gregor Smith.

Si pensa che Jonathan Van Tam e Jenny Harries, i deputati del Prof Whitty, credano che le nuove e dure restrizioni in Inghilterra non siano andate abbastanza lontano, ma hanno accettato che il Primo Ministro avrebbe dovuto provare prima misure meno rigide per salvare l’economia.

Una fonte ha detto al giornale che il piano era un “approccio graduale”, aggiungendo: “Siamo ancora all’inizio dell’autunno e non dovremmo essere ottimisti sul fatto che le cose non peggioreranno”.

È arrivato quando la signora Sturgeon ha ammesso che vietare agli scozzesi di visitare le case gli uni degli altri è un “passo indietro”, ma impedirà al coronavirus di “sfuggire al controllo”.

La signora Sturgeon ha ora portato la risposta al Covid-19 un ulteriore passo avanti in Scozia, dimostrando di muoversi ancora una volta con maggiore cautela rispetto alla vicina Inghilterra.

Agli scozzesi è vietato visitare altre persone nella propria casa – con alcune eccezioni – ufficialmente da venerdì. Ma le persone vengono incoraggiate a conformarsi da oggi. La signora Sturgeon ha anche confermato che la Scozia avrebbe seguito l’Inghilterra imponendo un coprifuoco alle 22:00 nei pub e nei ristoranti.

È arrivato come parte di un pacchetto di misure per cercare di impedire al coronavirus di “sfuggire al controllo” in Scozia.

Sir Harry ha detto a The Nine della BBC Scotland: “Posso capire le ragioni delle decisioni prese dal Primo Ministro.

“Questo è fondamentalmente perché i dati sull’andamento del blocco parziale nella Scozia occidentale mostrano che è stato efficace, quindi lo sta estendendo al resto della Scozia.

‘Non credo che possiamo farlo troppo presto, ad essere onesti. Penso che siamo arrivati ​​un po ‘in ritardo al primo blocco e questo potrebbe essere il motivo per cui abbiamo avuto un impatto così significativo. Ma penso che stiamo assistendo a un aumento dei casi quotidiani.

‘Inizialmente il numero più alto di casi era tra i 20-40 anni. Stiamo ora iniziando a vedere aumentare i casi negli ultrasessantenni e le ospedalizzazioni.

Penso che se non andiamo ora, vedremo un numero significativo di ricoveri, di nuovo una tensione significativa sul sistema ospedaliero e un numero significativo di decessi “.

La signora Sturgeon ha accettato le nuove restrizioni “dure” che sembravano un “passo indietro”, ma non erano state introdotte alla leggera.

Ha anche difeso la sua decisione di introdurre restrizioni più severe sul coronavirus rispetto all’Inghilterra.

Il primo ministro scozzese ha insistito sul parere degli esperti che ha ricevuto era che un coprifuoco solo nei pub, come nel caso dell’Inghilterra, non sarebbe sufficiente per fermare l’aumento del numero di casi.

Ha rifiutato di criticare direttamente il primo ministro britannico Boris Johnson per non aver intrapreso azioni per impedire alle famiglie di mescolarsi all’interno, come ha fatto.

Ma ha affermato di ritenere che i governi dovrebbero “cercare di coordinare il più possibile in tutto il Regno Unito”.

Parlando al programma Good Morning Britain di ITV, ha detto che la Scozia e il Regno Unito si trovano in una “situazione difficile”.

Avvertendo che “siamo di nuovo a un punto di svolta con Covid”, la signora Sturgeon ha aggiunto: “Se non agiamo ora, con urgenza e decisione, potremmo scoprire che Covid sta di nuovo fuori controllo.

‘Il giudizio che ho espresso, e non è facile, è che se intraprendessimo un’azione dura ora potremmo effettivamente riuscire a essere soggetti a queste restrizioni per un periodo di tempo più breve, quindi finiremmo per esserlo se ritardassimo tale azione.

‘Quindi questi sono giudizi duri ma penso che, data la perdita di vite umane che sappiamo che Covid può causare, i danni alla salute che provoca, dobbiamo essere preparati in momenti come questo, persone come me, a prendere decisioni difficili e di essere pronti a fare le cose anche se sono impopolari, per il bene superiore.

‘Posso solo guardare la situazione in Scozia e posso solo parlare per i giudizi che sto facendo.

‘E i miei consiglieri mi dicono, sì, il coprifuoco nei pub è certamente qualcosa che dovrebbe essere fatto e abbiamo preso quella decisione, ma di per sé non sarà sufficiente per arrestare questo aumento di casi Covid e portare la Abbassa il numero della R e riporta l’epidemia sotto controllo.

“Ecco perché ieri ho espresso il difficile giudizio di andare oltre.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.