Novembre 30, 2020 0

Coronavirus: Più di UN TERZO dei bambini con coronavirus NON ha sintomi di infezione

Coronavirus: Più di UN TERZO dei bambini con coronavirus NON ha sintomi di infezione

Più di un terzo dei bambini che contraggono il coronavirus sono asintomatici, suggerisce un nuovo studio.

I ricercatori hanno scoperto che circa il 36% dei bambini non ha manifestato i classici sintomi del COVID-19 come tosse, febbre o mancanza di respiro.

Inoltre, mentre i segni più comuni tra i bambini sintomatici risultati positivi erano la tosse e il naso che cola, erano comuni anche tra quelli con risultati del test negativi.

Ma sintomi come la nausea o la perdita del gusto e dell’olfatto erano fino a sette volte più comuni nei bambini con il virus.

Il team, dell’Università di Alberta, in Canada, afferma che i risultati forniscono ulteriori prove che gli screening potrebbero non essere di alcuna utilità e che l’unico modo per verificare quanto sia diffusa la malattia è attraverso i test con tampone nasale.

Un nuovo studio dell’Università di Alberta in Canada ha rilevato che il 35,9% dei bambini risultati positivi per COVID-19 erano asintomatici. Nella foto: l’immigrato guatemalteco Junior, 7 anni, riceve un tampone COVID-19 da un’infermiera mentre suo padre Marvin lo tiene fermo in una clinica a Stamford, Connecticut, maggio 2020

“La preoccupazione dal punto di vista della salute pubblica è che probabilmente c’è molto COVID-19 in circolazione nella comunità di cui le persone non si rendono nemmeno conto”, ha detto il dott. Finlay McAlister, professore di medicina presso l’Università di Alberta.

“Quando vediamo rapporti di 1.200 nuovi casi al giorno nella provincia di Alberta, questa è probabilmente solo la punta dell’iceberg: probabilmente molte persone non sanno di avere la malattia e la stanno potenzialmente diffondendo”.

Per lo studio, pubblicato su Giornale della Canadian Medical Association, il team ha esaminato quasi 2.500 bambini sottoposti a test tra aprile e settembre.

Tutti avevano almeno cinque anni e sono stati testati a causa del tracciamento dei contatti, indipendentemente dal fatto che fossero sintomatici o meno.

Dei bambini, 1.987 sono risultati positivi per COVID-19 e i restanti 476 hanno avuto un risultato negativo.

Tra i bambini che hanno contratto il virus, 714 di loro, il 35,9 per cento, hanno riferito di essere asintomatici.

Naturalmente, i bambini corrono il rischio di contrarre molti virus diversi, quindi i sintomi specifici di COVID sono in realtà più cose come perdita di gusto e olfatto, mal di testa, febbre, nausea e vomito, non naso che cola, tosse e mal di gola, ‘Ha detto McAlister.

La tosse è stato il sintomo più sperimentato dai bambini, comparendo nel 24,5% di coloro che sono risultati positivi.

I successivi più comuni erano naso che cola e mal di gola, con il 19,6% e il 15,7%, rispettivamente, che riportavano i sintomi.

Tuttavia, erano in realtà leggermente più comuni tra quelli con risultati negativi del test COVID-19 con il 25,5% di tosse e il 22,1% di naso che cola.

“Mal di gola e naso che cola significa che hai una sorta di infezione del tratto respiratorio superiore”, ha detto McAlister.

“Ma febbre, mal di testa e perdita del gusto o dell’olfatto sono i fattori principali che indicano che si può avere COVID-19 piuttosto che un’altra infezione virale del tratto respiratorio superiore”,

Tuttavia, i sintomi tra cui anosmia / ageusia (perdita del gusto e dell’olfatto), nausea e / o vomito e mal di testa erano molto più predittivi del coronavirus.

I bambini con coronavirus avevano sette volte più probabilità di riferire di aver perso il senso del gusto o dell’olfatto rispetto ai tubi flessibili risultati negativi.

Nausea o vomito erano tre volte più probabili in quelli con coronavirus e il mal di testa era più del doppio dei bambini con COVID-19.

McAlister ha detto che se qualcuno si sente male dovrebbe rimanere a casa e anche coloro che sono caduti bene dovrebbero praticare misure come l’allontanamento sociale, il lavaggio delle mani e indossare una maschera.

“Alcune persone con COVID si sentono bene e non si rendono conto di averlo, quindi socializzano con gli amici e diffondono involontariamente il virus, e penso che questo sia il grosso problema”, ha detto.

‘Parla ai programmi di sicurezza scolastica. Possiamo fare tutti i questionari COVID-19 che vogliamo, ma se un terzo dei bambini è asintomatico, la risposta sarà no a tutte le domande, eppure sono ancora infetti ‘.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.