Gennaio 7, 2021 0

Coronavirus: Più della metà di tutta la diffusione del coronavirus proviene da persone che non sviluppano mai sintomi

Coronavirus: Più della metà di tutta la diffusione del coronavirus proviene da persone che non sviluppano mai sintomi

Più della metà di tutta la trasmissione del coronavirus proviene da pazienti asintomatici, rivela un nuovo rapporto.

I ricercatori dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno esaminato un modello in cui le persone con COVID-19 erano più contagiose il quinto giorno della loro malattia.

Hanno scoperto che un totale del 59% della diffusione proviene da coloro che sviluppano tosse, febbre o mancanza di respiro dopo essere risultati positivi o mai del tutto.

Il team afferma che i risultati rivelano che la semplice identificazione e isolamento degli americani sintomatici non è sufficiente e che è necessario porre maggiore enfasi sulle misure di mitigazione come indossare la maschera, allontanamento sociale e tracciamento dei contatti.

Arriva mentre gli Stati Uniti, per il secondo giorno consecutivo, hanno stabilito un numero record di morti per coronavirus a 3.865, battendo il precedente record di 3.775 stabilito mercoledì.

Un nuovo studio del CDC ha rilevato che il 59% di tutta la diffusione del coronavirus proveniva da pazienti asintomatici con il 35% da persone presintomiche e il 24% da coloro che non hanno mai avuto segni di malattia (sopra)

Quando il modello è stato spostato in modo che i pazienti fossero più contagiosi il giorno 4, i ricercatori hanno scoperto che il 67% di tutta la diffusione era asintomatica.  Nella foto: una persona viene sottoposta a test per COVID-19 prima di lavorare all'opera Seven Deadly Sin" a Lincoln Road a Miami Beach, Florida, 23 dicembre

Quando il modello è stato spostato in modo che i pazienti fossero più contagiosi il giorno 4, i ricercatori hanno scoperto che il 67% di tutta la diffusione era asintomatica. Nella foto: una persona viene testata per COVID-19 prima di lavorare all’opera teatrale Seven Deadly Sin “a Lincoln Road a Miami Beach, Florida, il 23 dicembre

Per lo studio, pubblicato in JAMA Network Open giovedì, il CDC ha utilizzato un modello per misurare la proporzione di trasmissione da tre gruppi di pazienti.

Ciò includeva coloro che sono presintomatici o che inizialmente non sviluppano sintomi; asintomatico; e sintomatico.

Utilizzando i dati di una meta-analisi di otto studi dalla Cina. il periodo di incubazione è stato fissato a una mediana di cinque giorni con il 95% delle persone sintomatiche che hanno sviluppato sintomi entro il giorno 12.

Inoltre, i ricercatori hanno ipotizzato che una persona sia in media più contagiosa contemporaneamente al periodo di incubazione mediano.

I risultati hanno mostrato che circa il 59% di tutta la trasmissione di COVID-19 proveniva da pazienti senza sintomi.

Di quel 59 percento, il 35 percento proveniva da individui presintomatici e il 24 percento da coloro che non sviluppano mai sintomi.

Quando i ricercatori hanno cambiato il modello e hanno reso un paziente con coronavirus più contagioso un giorno prima, il quarto giorno, queste cifre sono aumentate.

In totale, hanno scoperto che il 67% di tutta la diffusione era asintomatica con il 43% proveniente da persone che sviluppano sintomi più tardi nella loro malattia e il 24% da chi non lo fa mai.

In un terzo scenario, in cui una persona era più contagiosa il sesto giorno, il 51% di tutta la trasmissione era asintomatica con il 27% proveniente da individui presintomatici.

Il CDC ha anche esaminato il valore R0 (R-nought), un termine matematico che indica quanto sia contagiosa una malattia infettiva.

Il numero che segue una “R” rivela il numero medio di persone che contrarranno la malattia da una persona infetta.

Poiché così tanti casi derivano da una diffusione asintomatica, il team ha concluso che se il numero è R2, è necessaria una riduzione di almeno il 50% della trasmissione per portare il numero al di sotto di R1.

Arriva quando gli Stati Uniti hanno riportato un numero record di morti per coronavirus per il secondo giorno consecutivo a 3.865

Arriva quando gli Stati Uniti hanno riportato un numero record di morti per coronavirus per il secondo giorno consecutivo a 3.865

“Sulla base di una serie di ipotesi … il modello presentato qui stima che più della metà della trasmissione proviene da individui asintomatici”, ha scritto il CDC.

L’agenzia ha osservato che, poiché i vaccini non sono ancora disponibili per la popolazione generale, l’approccio alla salute pubblica deve estendersi oltre l’identificazione dei casi sintomatici.

“Questi risultati suggeriscono che un controllo efficace richiede anche la riduzione del rischio di trasmissione da persone con infezione che non presentano sintomi”, hanno scritto.

“Misure come l’uso di maschere e l’allontanamento sociale consentono alle persone di proteggersi e, se infette, di ridurre il rischio per le loro comunità.”

Inoltre, il CDC raccomanda test regolari su persone identificate attraverso il tracciamento dei contatti o ad alto rischio di esposizione, come quelle che entrano frequentemente in contatto con il pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.