Ottobre 5, 2020 0

Coronavirus: Più dell’80% dei pazienti con coronavirus ospedalizzati presenta sintomi neurologici, secondo lo studio

Coronavirus: Più dell’80% dei pazienti con coronavirus ospedalizzati presenta sintomi neurologici, secondo lo studio

Più dell’80% dei pazienti ricoverati con coronavirus ha sintomi neurologici, lo studio rileva – ma il medico della Casa Bianca insiste che Trump NON abbia nebulosità mentale da COVID-19

  • I ricercatori hanno esaminato più di 500 pazienti con COVID-19 in 10 ospedali per sintomi neurologici
  • Circa il 42% aveva sintomi neurologici all’inizio dei sintomi, il 63% li ha sofferti mentre era in ospedale e l’82% li ha avuti a un certo punto mentre era malato
  • I sintomi più comuni sono stati dolori muscolari e mal di testa, rispettivamente con il 45% e il 38%
  • Quasi un terzo dei pazienti ha manifestato encefalopatia, che è uno stato mentale alterato che li lascia confusi
  • I pazienti con encefalopatia hanno una degenza ospedaliera media che è stata tre volte più lunga e un rischio di morte sette volte superiore

La maggior parte dei pazienti ricoverati con coronavirus soffre di sintomi neurologici, suggerisce un nuovo studio.

I ricercatori hanno scoperto che oltre l’80% soffre di mal di testa, vertigini, dolori muscolari, encefalopatia nota anche come funzione mentale alterata.

Inoltre, la degenza ospedaliera media per i pazienti con questi sintomi era tre volte più lunga e il rischio di morte era sette volte più alto.

Il team, del Northwestern Memorial Hospital di Chicago, afferma che il suo studio è il primo del suo genere negli Stati Uniti e potrebbe aiutare a identificare e curare le persone ricoverate in ospedale con COVID-19 prima di manifestare tali sintomi.

Arriva quando un medico della Casa Bianca ha insistito sul fatto che il presidente Donald Trump non ha nebbie mentali dalla sua battaglia con il virus.

Un nuovo studio della Northwestern Medicine ha rilevato che quasi un terzo dei pazienti COVID-19 ospedalizzati ha manifestato encefalopatia, che è uno stato mentale alterato che li lascia confusi. Nella foto: un’infermiera si prende cura di un paziente con coronavirus in terapia intensiva presso il Regional Medical Center di San Jose, California, 21 maggio

Per lo studio, pubblicato in Annali di neurologia clinica e traslazionale, il team ha esaminato i dati di oltre 500 pazienti con COVID-19 in 10 ospedali del sistema sanitario della medicina nordoccidentale.

I dati hanno mostrato che il 42% aveva sintomi neurologici all’inizio dei sintomi e il 63% li ha sofferti mentre era in ospedale.

Tuttavia, un sorprendente 82% ha affermato di aver sperimentato almeno un sintomo durante il corso della malattia.

I sintomi più comuni erano il dolore muscolare, sofferto da circa il 45% dei pazienti, e il mal di testa, che sono stati segnalati da circa il 38%.

Circa un terzo dei pazienti ha riferito ciascuno di capogiri ed encefalopatia, che si verifica quando un paziente sperimenta uno stato mentale alterato lasciandolo confuso.

Circa il 16% aveva disturbi del gusto e l’11% riferiva disturbi dell’olfatto.

Meno del due percento dei pazienti ha avuto gravi complicazioni come convulsioni, ictus o disturbi del movimento.

Dopo essere stato dimesso, più di due terzi dei pazienti con encefalopatia non erano in grado di prendersi cura di se stessi a casa.

In confronto, i quasi 90 pazienti che non hanno sviluppato la condizione sono stati in grado di prendersi cura di se stessi dopo la dimissione.

Inoltre, il tasso di mortalità era più alto tra i pazienti con encefalopatia. Circa il 22 per cento con la condizione muore rispetto al tre per cento senza di essa.

“Stiamo ora cercando di caratterizzare gli effetti neurologici a lungo termine di COVID-19 e gli esiti cognitivi nei pazienti con encefalopatia associata a COVID-19”, ha affermato il dott. Igor Koralnik, capo delle malattie neuroinfettive e neurologia globale presso la Northwestern Medicine.

‘Stiamo studiando questo in pazienti che vengono dimessi dall’ospedale, così come in COVID-19’ a lungo raggio ‘, che non sono mai stati ricoverati in ospedale ma soffrono anche di una gamma simile di problemi neurologici, tra cui la nebbia del cervello.

Attualmente, il presidente Trump è ricoverato in ospedale per coronavirus a Walter Reed National Military Medical Center a Bethesda, nel Maryland.

Tuttavia, il dottor Sean Conley, medico di Trump dal 2018, afferma che Trump non ha mostrato alcun effetto collaterale neurologico né dal virus né dai farmaci

‘Penso che tu abbia visto i video, e ora i tweet, e lo vedrai a breve. Sai è tornato “, ha detto Conley in una conferenza stampa lunedì.

Annuncio pubblicitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.