Dicembre 22, 2020 0

Coronavirus: NIH lancia uno studio sulle reazioni allergiche causate dal vaccino contro il coronavirus di Pfizer

Coronavirus: NIH lancia uno studio sulle reazioni allergiche causate dal vaccino contro il coronavirus di Pfizer

Il National Institute of Health (NIH) degli Stati Uniti sta pianificando di esaminare il motivo per cui alcune persone hanno sofferto di reazioni allergiche al vaccino contro il coronavirus di Pfizer.

Sebbene lo studio sia ancora nelle sue fasi iniziali, si prevede che lo studio arruolerà “ diverse centinaia ” di persone con una storia di allergie gravi e darà loro il colpo sotto supervisione, CNBC segnalato.

Il dottor Alkis Togias, del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) del NIH, ha detto che il suo team spera di iniziare tra poche settimane.

I ricercatori sperano di determinare la componente dell’iniezione che ha causato reazioni pericolose per la vita note come anafilassi.

DailyMail.com ha contattato il NIAID per una richiesta di commento.

L’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive del NIH arruolerà “diverse centinaia” di persone con una storia di allergie gravi e darà loro il colpo di Pfizer sotto supervisione. Nella foto: Rhoda Winkelman, 96 anni, riceve il vaccino contro il coronavirus della Pfizer presso la struttura sanitaria a lungo termine della New Jewish Home a New York City, il 21 dicembre

Almeno sette persone negli Stati Uniti hanno subito gravi effetti collaterali a causa del vaccino Pfizer (nella foto), incluso lo shock anafilattico

Almeno sette persone negli Stati Uniti hanno subito gravi effetti collaterali a causa del vaccino Pfizer (nella foto), incluso lo shock anafilattico

Togias, capo del dipartimento di allergia, asma e biologia delle vie aeree del NIAID. ha detto alla CNBC che lo studio dovrà essere approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense e da un comitato etico prima di iniziare.

“Ovviamente, tutti quando ascoltano uno studio relativo al vaccino, cerchiamo di essere sensibili e di muoverci velocemente”, ha detto.

‘Ma non è qualcosa che possiamo progettare oggi e iniziare domani.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) affermano che almeno sette operatori sanitari hanno subito reazioni avverse al jab di Pfizer.

Tra loro ci sono tre lavoratori in Alaska e quattro persone in un ospedale di Libertyville, un sobborgo di Chicago.

EFFETTI COLLATERALI DEL VACCINO PFIZER

I regolatori britannici consigliano che chiunque abbia una storia di reazioni allergiche “ significative ” a medicinali, cibo o vaccini non dovrebbe ricevere il colpo di coronavirus Pfizer.

Le reazioni allergiche al vaccino sono “molto rare”, secondo gli studi che hanno coinvolto più di 40.000 persone.

Pfizer ha trovato un “numero molto piccolo” durante i suoi studi clinici di fase tre, ovvero 137 persone su 19.000 che hanno ricevuto il vaccino. Ma 111 persone a cui è stato somministrato un placebo hanno avuto anche reazioni allergiche.

Hanno anche identificato 12 possibili effetti collaterali del vaccino, con sette identificati come “molto comuni”, il che significa che è probabile che colpiscano più di una persona su dieci. Di seguito sono riportati gli effetti collaterali noti.

Il foglio illustrativo per la sicurezza del vaccino per il paziente avverte che chiunque sia allergico a uno qualsiasi dei principi attivi del vaccino non deve ricevere il jab.

Le reazioni allergiche al vaccino sono:

Molto comune (Può interessare più di una persona su dieci)

  • Dolore al sito di iniezione
  • Stanchezza
  • Dolore muscolare
  • Brividi
  • Dolori articolari
  • Febbre
  • Mal di testa

Comune (Può interessare fino a una persona su dieci)

  • Gonfiore nel sito di iniezione
  • Rossore al sito di iniezione
  • Nausea

Raro (Può interessare una persona su 100)

  • Linfonodi ingrossati
  • Sentirsi poco bene

Almeno tre persone sono entrate in shock anafilattico, che è una reazione grave e potenzialmente pericolosa per la vita a un’allergia da cibo, medicine o persino un tipo di materiale.

Il sistema immunitario rilascia sostanze chimiche che inondano il corpo, la pressione sanguigna si abbassa improvvisamente e le vie aeree si restringono, impedendo a qualcuno di respirare normalmente.

I sintomi di solito si manifestano in pochi minuti e includono orticaria, polso debole, nausea, vomito, vertigini e gonfiore della lingua o della gola.

Se non trattata immediatamente, può portare alla morte.

Chi ne soffre spesso ha bisogno di un’iniezione di adrenalina, un ormone che rilassa i muscoli delle vie aeree, per alleviare i sintomi.

Le reazioni sono state segnalate solo in persone che hanno ricevuto Il colpo di Pfizer, ma lo studio potrebbe anche guardare a quello di Moderna perché hanno componenti simili.

Nessun volontario in nessuno dei due studi clinici ha subito gravi reazioni allergiche, sebbene i ricercatori abbiano escluso le persone con una storia di anafilassi.

I partecipanti hanno sperimentato effetti collaterali più lievi, come dolore al sito di iniezione, affaticamento, febbre e mal di testa, ma la maggior parte si sono risolti entro una settimana.

Al momento non è chiaro perché le persone abbiano sofferto di reazioni allergiche al vaccino, che sono molto rare.

Il dottor Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, ha detto venerdì che i ricercatori ritengono che le reazioni allergiche potrebbero essere dovute a una sostanza chiamata polietilenglicole (PEG).

Il PEG è un composto chimico che si trova in lassativi, creme e unguenti che è presente anche nei vaccini Pfizer e Moderna.

Si trova anche in lassativi, creme, unguenti e solventi

Il PEG non è mai stato utilizzato nei vaccini sul mercato, ma è stato nei farmaci che hanno scatenato l’anafilassi.

Attualmente, il CDC raccomanda ai medici di osservare le persone che ottengono l’iniezione per 15 minuti o 30 se hanno una storia di gravi reazioni allergiche.

“Siamo un po ‘preoccupati che le persone che hanno avuto molte allergie che hanno avuto reazioni come questa a tutti i tipi di cose, non solo ai vaccini, possano avere paura di farsi vaccinare ora”, ha detto Togias alla CNBC.

‘Semplicemente non vogliamo che ciò accada. Vogliamo trovare un modo per vaccinarli ”.

Le reazioni allergiche non sono state segnalate solo negli Stati Uniti

Nel Regno Unito, due membri del personale del Servizio Sanitario Nazionale con una storia di gravi allergie hanno subito reazioni dopo essere stati immunizzati.

Uno dei lavoratori, una donna di 49 anni, aveva una storia di allergie all’uovo e l’altra, una donna di 40 anni, aveva una storia di allergie ai farmaci.

Entrambi portavano dispositivi che contengono epinefrina, un ormone che rilassa i muscoli delle vie aeree, nel caso in cui avessero subito reazioni.

Anche un terzo paziente ha avuto una “possibile reazione allergica”, ma le autorità britanniche non l’hanno descritta né hanno fornito un aggiornamento sul paziente.

Pfizer dice che il suo jab non è fatto con ingredienti a base di uova.

Dopo le reazioni, l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito ha emesso un avvertimento che chiunque abbia gravi reazioni allergiche al cibo o ai medicinali non ricevere il vaccino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.