Gennaio 4, 2021 0

Coronavirus: Moderna aumenta l’obiettivo di produzione del suo vaccino contro il coronavirus da 500 a 600 milioni entro la fine del 2021

Coronavirus: Moderna aumenta l’obiettivo di produzione del suo vaccino contro il coronavirus da 500 a 600 milioni entro la fine del 2021

Moderna farà PIÙ dosi del suo vaccino COVID-19 quest’anno: l’azienda aumenta l’obiettivo di produzione da 500 a 600 milioni di dosi entro la fine del 2021 – e spera di raggiungere 1 miliardo

  • Lunedì, Moderna Inc ha dichiarato che produrrà un minimo di 600 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus nel 2021
  • Questo è il 20% in più rispetto ai 500 milioni di dosi che l’azienda ha dichiarato di essere in grado di produrre entro la fine dell’anno
  • Finora Moderna ha distribuito 18 milioni di dosi dei 200 milioni che ha promesso al governo federale
  • Il lancio del vaccino negli Stati Uniti è stato molto lento, con appena 4,2 milioni di persone che hanno ricevuto iniezioni, meno dei 20 milioni che l’amministrazione Trump sperava

Moderna Inc ha annunciato lunedì che aumenterà la produzione del suo vaccino contro il coronavirus del 20%.

La società di biotecnologie ha dichiarato che prevede di produrre un minimo di 600 milioni di dosi, in aumento rispetto ai 500 milioni originariamente previsti, entro la fine del 2021.

L’azienda con sede nel Massachusetts afferma che sta investendo e assumendo nella speranza di poter produrre fino a un miliardo di dosi entro la fine dell’anno.

Arriva mentre lo sforzo di vaccinazione COVID-19 negli Stati Uniti è rimasto indietro, con i medici che inoculano solo 4,2 milioni di persone, una cifra inferiore a quella a cui i funzionari avevano mirato.

Lunedì, Moderna Inc ha dichiarato che produrrà un minimo di 600 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus nel 2021, il 20% in più rispetto ai 500 milioni originariamente previsti

Finora Moderna ha distribuito 18 milioni di dosi dei 200 milioni che ha promesso al governo federale

Finora Moderna ha distribuito 18 milioni di dosi dei 200 milioni che ha promesso al governo federale

Il 18 dicembre Moderna ha ricevuto l’autorizzazione per l’uso di emergenza (EUA) dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il suo vaccino COVID-19 per adulti di età pari o superiore a 18 anni.

Da allora, la società afferma di aver distribuito circa 18 milioni di dosi dei 200 milioni che ha promesso al governo federale.

Dosi aggiuntive sono state fornite anche al governo canadese dopo che il jab è stato autorizzato il 23 dicembre.

“La nostra efficacia nel fornire una fornitura tempestiva ai governi degli Stati Uniti e del Canada e la nostra capacità di aumentare le stime di produzione di base per il 2021 sono entrambi segnali che il nostro aumento della produzione di vaccini mRNA è un successo”, ha affermato Juan Andres, Chief Technical Operations e Quality Officer di Moderna, in a dichiarazione.

“Voglio ringraziare i numerosi collaboratori privati ​​e governativi, gli appaltatori e le centinaia di dipendenti di Moderna che hanno lavorato premurosamente e instancabilmente per raggiungere questo obiettivo”.

Il vaccino di Moderna è stato sviluppato in collaborazione con il National Institutes of Health.

Utilizza una parte del codice genetico dell’agente patogeno chiamato RNA messaggero, o mRNA, per indurre il corpo a riconoscere il coronavirus e ad attaccarlo se una persona viene infettata.

Il candidato, chiamato mRNA-1273, lavora inducendo il corpo a produrre alcune delle proteine ​​virali, che il sistema immunitario riconosce e contro le quali costruisce una risposta difensiva.

Quando somministrato in due dosi a distanza di quattro settimane, il vaccino è risultato avere un effetto del 94,1% nella prevenzione del COVID-19 e del 100% efficace nella prevenzione della malattia grave nei dati degli studi clinici.

I funzionari dell’operazione Warp Speed ​​- il piano del governo per accelerare la produzione di dosi di vaccino negli Stati Uniti entro il 2021 – avevano detto il mese scorso che circa sei milioni di dosi sarebbero state distribuite dopo l’EUA.

Ma il lancio è stato molto più lento del previsto con solo 4,2 milioni di persone negli Stati Uniti che hanno ricevuto la loro prima dose di vaccino Pfizer o Moderna, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

Questa cifra è ben al di sotto dei 20 milioni di persone che l’amministrazione Trump aveva sperato di immunizzare entro la notte di Capodanno.

Tuttavia, lunedì, il segretario alla salute e ai servizi umani (HHS) Alex Azar ha affermato che l’obiettivo dell’amministrazione era quello di avere 20 milioni di prime dosi disponibili, contraddicendo direttamente i commenti fatti dai funzionari della Casa Bianca.

Quello che abbiamo detto che il nostro obiettivo era in realtà quello di avere 20 milioni di prime dosi disponibili nel mese di dicembre. Quelli sono disponibili “, ha detto a ABC Buon giorno America.

“Ma c’è un ritardo tra la disponibilità delle dosi e poi gli ordini da parte del fornitore e degli stati, la spedizione e quindi l’eventuale vaccinazione.”

Axar ha difeso la distribuzione e si è detto davvero sorpreso “sorpreso che non ci siano stati più problemi” dall’inizio del lancio il mese scorso.

“Questo è solo … è normale”, ha detto al presentatore Robin Roberts.

‘Questa è la più grande campagna di vaccinazione nella storia degli Stati Uniti. In realtà sono sorpreso che non ci siano stati più difetti che abbiamo visto finora. ‘

Annuncio pubblicitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.