Dicembre 19, 2020 0

Coronavirus: Maryland, Virginia invierà un vaccino extra COVID-19 a DC, triplicando la sua assegnazione: Aggiornamenti sul coronavirus: NPR

Coronavirus: Maryland, Virginia invierà un vaccino extra COVID-19 a DC, triplicando la sua assegnazione: Aggiornamenti sul coronavirus: NPR

Washington, DC, Fire and EMS Il tenente Keishea Jackson riceve un vaccino contro il coronavirus della Pfizer giovedì.

Shawn Thew-Pool / Getty Images


nascondi didascalia

alterna didascalia

Shawn Thew-Pool / Getty Images

Washington, DC, Fire and EMS Il tenente Keishea Jackson riceve un vaccino contro il coronavirus della Pfizer giovedì.

Shawn Thew-Pool / Getty Images

Virginia e Maryland stanno inviando migliaia di dosi di vaccino COVID-19 in più dalla loro fornitura al Distretto di Columbia mentre la città si affretta a inoculare gli operatori sanitari in mezzo alla pandemia che peggiora.

Ogni stato sta inviando 8.000 dosi aggiuntive alla capitale della nazione. La mossa triplicherà la quantità di medicinale assegnata dal governo federale.

Secondo l’attuale formula di distribuzione, che si basa sulla residenza, DC ha ricevuto 6.825 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech – una cifra che il sindaco Muriel Bowser ha detto coprirà meno di un decimo degli operatori sanitari della città che sono i primi in fila a ricevere il vaccino .

All’inizio di questo mese, Bowser ha inviato una lettera ai funzionari che guidano l’operazione Warp Speed ​​dell’amministrazione Trump, che sovrintende all’assegnazione e alla distribuzione del vaccino. In esso, ha detto che la misera spedizione era “tristemente insufficiente” per coprire gli 85.000 operatori sanitari della capitale, il 75% dei quali non vive in città ma piuttosto negli stati circostanti. Il sindaco ha esortato i funzionari a distribuire i vaccini in base a dove lavorano gli operatori sanitari, non a dove vivono.

“Se la distribuzione precoce del vaccino rimane legata alla nostra popolazione, riceveremo dosi per meno del 10% dei nostri operatori sanitari”, ha scritto Bowser.

Ha aggiunto: “Washington DC è unica; la nostra popolazione cresce durante il normale orario di lavoro, con un numero significativo di lavoratori federali e sanitari che si recano nel Distretto dalle loro case in Maryland e Virginia”.

Il segretario alla salute del Maryland, Dennis Schrader, ha risposto alla chiamata mercoledì, dicendo che lo stato sarebbe lieto di collaborare con il distretto.

“Crediamo nel lavorare insieme come parte della Regione della Capitale Nazionale per proteggere tutti i nostri cittadini, in particolare i nostri eroi sanitari in prima linea nazionali”, ha detto Schrader in un lettera indirizzato al Direttore Sanitario DC LaQuandra Nesbitt.

L’accordo con Virginia è stato raggiunto durante il fine settimana e annunciato lunedì da Nesbitt. Durante una conferenza stampa, Nesbitt ha spiegato che le dosi aggiuntive consentiranno ai funzionari di passare alla vaccinazione dei residenti dell’assistenza a lungo termine.

“Dobbiamo essere in grado di vaccinare gli individui che si trovano nei gruppi a rischio più elevato prima di poter passare alla fase due e alla fase tre, dove si trova il pubblico in generale”, Nesbitt disse.

Virginia ha ricevuto 72.150 dosi del vaccino Pfizer nel lotto distribuito lunedì e martedì, mentre il Maryland ha ottenuto 50.700 dosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.