Gennaio 6, 2021 0

Coronavirus: L’ospedale si affretta a trovare i pazienti prima che il guasto del congelatore rovini 830 vaccini: Aggiornamenti sul coronavirus: NPR

Coronavirus: L’ospedale si affretta a trovare i pazienti prima che il guasto del congelatore rovini 830 vaccini: Aggiornamenti sul coronavirus: NPR

Alla fine della giornata, lunedì, più persone hanno ricevuto un’iniezione di quante ne siano state vaccinate dall’inizio del programma vaccinale il 18 dicembre, ha detto Judson Howe, presidente di Adventist Health.

Elise Amendola/AP


nascondi didascalia

alterna didascalia

Elise Amendola/AP

Alla fine della giornata, lunedì, più persone hanno ricevuto un’iniezione di quante ne siano state vaccinate dall’inizio del programma vaccinale il 18 dicembre, ha detto Judson Howe, presidente di Adventist Health.

Elise Amendola/AP

Un team di operatori sanitari ad azione rapida ha salvato la giornata – e potenzialmente centinaia di vite – lunedì dopo che un malfunzionamento del congelatore ha quasi distrutto 830 dosi del vaccino Moderna COVID-19.

Da qualche parte intorno alle 2 del mattino il compressore del congelatore che contiene le fiale della medicina presso l’Adventist Health Ukiah Valley Medical Center nella contea di Mendocino, in California, ha fallito, ha detto il presidente Judson Howe a NPR.

Ciò ha avviato un ticchettio sulla durata di conservazione dei vaccini, che possono essere utilizzati solo per 12 ore una volta rimossi dalla refrigerazione da 36 a 46 gradi Fahrenheit.

Normalmente, questo avrebbe fatto scattare un allarme, ha spiegato Howe. Ma per qualche motivo sconosciuto, anche questo fallì.

Non è stato fino a quando “un membro del personale l’ha controllato fisicamente – ha infilato la mano nel congelatore” alle 11:45 circa che qualcuno si è reso conto che c’era qualcosa di gravemente sbagliato.

Ciò ha dato al personale poco più di due ore prima che i vaccini fossero dichiarati inutilizzabili.

Entro 15 minuti da quando sono stati avvisati del potenziale disastro, ha detto Howe, sono entrati in azione facendo affidamento sui protocolli di emergenza esistenti.

“Siamo un po ‘stagionati in crisi sensibili al tempo”, ha detto Howe.

“Abbiamo incendi annuali che uccidono. Ci occupiamo di interruzioni di corrente di PG&E. Quindi siamo un po ‘esperti nel coordinare con la leadership della contea il modo in cui vogliamo gestire le situazioni di crisi”.

In questo caso, hanno prima contattato Moderna per avere indicazioni su come gestire i vaccini, ma dopo aver ricevuto nessuna risposta dal produttore di farmaci, Howe ha detto che la loro prossima chiamata era ai funzionari sanitari della contea.

Insieme, il personale ospedaliero ha lavorato sui telefoni, ha inviato messaggi di testo e ha fatto affidamento sul passaparola per garantire che ogni dose di vaccino disponibile fosse somministrata in ogni braccio disponibile.

Duecento dosi sono state immediatamente inviate alla Mendocino County Public Health, che le ha distribuite ad alcuni dei dipendenti e cittadini più ad alto rischio della regione, inclusi i vice dello sceriffo, il personale della prigione e alcuni detenuti.

Altre 70 dosi sono andate a due case di cura della zona che ospitano molti dei pazienti più vulnerabili della contea. Howe ha aggiunto che l’ospedale ha fornito anche infermieri per somministrare le vaccinazioni.

Le dosi rimanenti sono state somministrate presso cliniche di vaccinazione di emergenza istituite in varie località presidiate da dipendenti ospedalieri o altri operatori di pronto intervento provenienti da tutta la regione.

Alla fine della giornata, più persone hanno ricevuto un’iniezione in appena un paio d’ore di quante ne siano state vaccinate dall’inizio del programma vaccinale il 18 dicembre, ha detto Howe.

Ha aggiunto che, oltre a spargere la voce, uno degli ostacoli più difficili è stato quello di garantire che ogni dose e paziente fosse correttamente registrato e inserito nel database sanitario della contea per le iniezioni di follow-up e il monitoraggio futuro.

Era una posizione sfortunata in cui essere costretti e l’attenzione che il quasi disastro ha attirato per l’ospedale è nel migliore dei casi inquietante.

“La crisi sarebbe diventata virale in ogni caso”, ha detto Howe. “Il nostro compito era assicurarci che nessun vaccino andasse sprecato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.