Dicembre 4, 2020 0

Coronavirus: Londra ‘a rischio di terzo livello’ a causa del rallentamento della caduta dei casi di coronavirus

Coronavirus: Londra ‘a rischio di terzo livello’ a causa del rallentamento della caduta dei casi di coronavirus

Londra rischia di essere immersa nel terzo livello prima di Natale perché l’epidemia di Covid nella capitale si è bloccata ei casi non stanno più calando rapidamente, ha affermato il suo capo della sanità pubblica.

Il professor Kevin Fenton ha cercato di versare acqua fredda sulla ripresa dell’economia della città, poiché ha avvertito che le “riduzioni promettenti” che stavano vedendo hanno “mostrato segni di rallentamento” negli ultimi giorni.

I dati del Dipartimento della Salute mostrano che il numero di infezioni da coronavirus registrate ogni giorno è crollato a metà novembre, ma poi ha iniziato a stabilizzarsi il 23 novembre.

Ma i dati di Public Health England mostrano che nel periodo di sette giorni fino al 29 novembre, l’ultimo per il quale sono disponibili i dati, 27 dei 32 distretti della capitale hanno registrato un calo dei tassi di infezione da Covid. Solo Camden, Lewisham, Haringey, Bromley e Kingston-upon-Thames hanno registrato un picco di casi nell’ultima settimana di blocco.

E i numeri del NHS rivelano che i ricoveri giornalieri Covid sono stabili a soli 145 al giorno, in media. Per fare un confronto, hanno superato gli 800 durante il picco della prima ondata ad aprile.

Sir Iain Duncan Smith dei pesi massimi conservatori e parlamentare londinese ha suggerito che Londra sarebbe stata costretta al livello tre oggi, avvertendo che sarebbe stato un “disastro assoluto” per la capitale.

“Londra è il fulcro dell’economia britannica, non dobbiamo essere trasferiti al terzo livello”, ha detto a MailOnline.

‘I tassi stanno diminuendo e una tale decisione non può essere presa dai soli funzionari sanitari, deve esserci equilibrio in questo processo decisionale. Il livello tre sarebbe un disastro assoluto “.

Anche il sindaco di Londra Sadiq Khan si è radunato dietro la capitale, avvertendo che migliaia di posti di lavoro e mezzi di sussistenza sarebbero messi a rischio se il livello più duro fosse imposto in città.

Si tratta di dati che oggi rafforzano le affermazioni che milioni di persone che vivono sotto le restrizioni più severe potrebbero essere declassate al livello due perché le infezioni sono cadute in ogni autorità locale del nord. Ma gli esperti hanno avvertito che i ministri sarebbero stati “cauti” nel periodo che precede le vacanze di Natale, quando si teme che un rilassamento possa causare un “urto” nelle infezioni.

I livelli sono determinati dal numero totale di infezioni insieme alla variazione percentuale, al numero di infezioni negli ultrasessantenni e alla pressione sul SSN.

Solo cinque quartieri di Londra hanno visto aumentare i tassi di casi di Covid-19 nella settimana fino al 29 novembre. Sopra è il tasso di casi in tutta Londra. Quattro distretti hanno meno di 100 casi ogni 100.000 abitanti

Infezioni da Covid-19 per variazione percentuale in tutta l'Inghilterra.  Londra è stata ritagliata dalla mappa e posizionata sul lato sinistro.  Solo cinque distretti hanno registrato un aumento delle infezioni nell'ultima settimana

Infezioni da Covid-19 per variazione percentuale in tutta l’Inghilterra. Londra è stata ritagliata dalla mappa e posizionata sul lato sinistro. Solo cinque distretti hanno registrato un aumento delle infezioni nell’ultima settimana

Sir Iain Duncan Smith dei pesi massimi conservatori e parlamentare londinese ha avvertito oggi che il trasferimento di Londra al terzo livello sarebbe un `` disastro assoluto '' per la capitale britannica

Il sindaco della città, Sadiq Khan, ha anche affermato che potrebbe mettere a rischio migliaia di posti di lavoro e mezzi di sussistenza

Sir Iain Duncan Smith, dei pesi massimi conservatori e parlamentare londinese, ha avvertito oggi che il trasferimento di Londra al terzo livello sarebbe un “disastro assoluto” per la capitale britannica. Il sindaco della città, Sadiq Khan, ha anche affermato che potrebbe mettere a rischio migliaia di posti di lavoro e mezzi di sussistenza

La maggior parte dei casi nella capitale riguarda persone di età compresa tra 16 e 29 anni, che corrono un rischio molto più basso di essere ricoverati in ospedale se prendono il virus

La maggior parte dei casi nella capitale riguarda persone di età compresa tra 16 e 29 anni, che corrono un rischio molto più basso di essere ricoverati in ospedale se prendono il virus

Sollevando la prospettiva che i londinesi venissero nuovamente banditi da pub e ristoranti, il professor Fenton oggi ha ordinato loro di “attenersi alle regole” e di mantenere le distanze sociali e l’autoisolamento appena tre giorni dopo la revoca del blocco.

“Le promettenti riduzioni che avevamo iniziato a vedere con le recenti restrizioni nazionali nella capitale hanno mostrato segni di rallentamento negli ultimi giorni – un chiaro promemoria di quanto sia delicata la nostra situazione”, ha detto.

Il professor Kevin Fenton ha avvertito che la capitale potrebbe finire nel terzo livello

Il professor Kevin Fenton ha avvertito che la capitale potrebbe finire nel terzo livello

“Se vogliamo evitare di essere inseriti nel livello tre, è fondamentale mantenere bassa la trasmissione.”

Ha aggiunto: “Mentre programmiamo di uscire questo fine settimana, che si tratti di fare la spesa, mangiare o incontrarci con gli amici fuori, è fondamentale rimanere vigili e tenere presente che il virus è ancora presente”.

Il professor Lawrence Young, esperto di malattie infettive presso la Warwick Medical School, ha dichiarato a MailOnline che si trattava di una “dichiarazione sorprendente” del direttore della sanità pubblica della città.

“Al momento siamo in uno stato di estrema cautela”, ha detto. ‘Penso che quello che sta succedendo qui sia che siamo molto molto cauti e cerchiamo di non correre rischi davvero nel periodo che precede il Natale.

“Gennaio e febbraio sono un periodo in cui il NHS è molto sotto pressione. Questa è un’altra cosa di cui tutti sono molto diffidenti. ‘

Il signor Khan ha avvertito oggi che sarebbe stato “disastroso” per la città essere spostata al livello più alto.

“Non lo sottolineerò mai abbastanza: dobbiamo fare tutto il possibile per impedire a Londra di passare alle restrizioni di livello tre”, ha detto. “Questo sarebbe disastroso per la nostra città: non possiamo rischiare più vite e mezzi di sussistenza.”

I dati del Dipartimento della Salute rivelano che i casi della capitale si sono stabilizzati dal 23 novembre dopo essere scesi del 21% da un picco di 2.559,6 al giorno il 12 novembre a 1.977,9 il 23 novembre.

Sono rimasti a questo livello per tre giorni, con 2.013 come media per il 26 novembre, l’ultima data per la quale sono disponibili i dati.

Il numero di pazienti con Covid-19 ricoverati in ospedale nella capitale è rimasto stabile e non si avvicina ai livelli visti durante la prima ondata

Il numero di pazienti con Covid-19 ricoverati in ospedale nella capitale è rimasto stabile e non si avvicina ai livelli visti durante la prima ondata

Anche il numero di pazienti con Covid-19 ricoverati in ospedale nella capitale resta al di sotto della prima ondata

Anche il numero di pazienti con Covid-19 ricoverati in ospedale nella capitale resta al di sotto della prima ondata

E il numero di pazienti Covid-19 con ventilatori meccanici nella capitale rimane al di sotto dei livelli delle prime ondate

E il numero di pazienti Covid-19 con ventilatori meccanici nella capitale rimane al di sotto dei livelli delle prime ondate

L’epidemia della capitale si concentra nella zona est della città, secondo gli ultimi dati del Dipartimento della Salute.

Redbridge è l’hotspot del coronavirus della città, registrando un tasso di infezione di 306 ogni 100.000. È stato seguito da Havering, con un tasso di casi di 286,6 per 100.000, e da Barking e Dagenham, con 254,6 per 100.000.

Dieci distretti di Londra hanno tassi settimanali di casi di coronavirus inferiori a 110 su 100.000, con quattro che hanno tassi inferiori a tre cifre.

Richmond-upon-Thames ha il tasso più basso di Londra, con 90,4 per 100.000. È seguito da Westminster, a 94,5 per 100.000, e Camden, a 97 per 100.000.

Il rapporto di Public Health England ha rivelato che il picco più alto di infezioni durante la quarta settimana di blocco, l’ultimo per il quale sono disponibili dati, è stato a Bromley, dove sono aumentati dell’11,8% a 142,9 casi di Covid-19 su 100.000 persone.

Kingston-upon-Thames ha visto i casi aumentare del 7,8% a 163,9 per 100.000. È stato seguito da Lewisham, dove sono aumentati del 6,6% a 106,3 per 100.000, e da Haringey, dove sono aumentati del 6% a 138,5 per 100.000. A Camden i casi sono aumentati dell’1,7%, arrivando all’89,6 per 100.000.

Tutti gli altri distretti hanno registrato un calo dei tassi di infezione. Hammersmith e Fulham hanno registrato il calo maggiore, quando i casi sono diminuiti del 38,5 per cento a 92,4 per 100.000. È stato seguito da Lambeth, dove sono scesi del 28,4% a 94,2 per 100.000, e da Kensington e Chelsea, dove sono diminuiti del 24,9% a 96,7 per 100.000.

C’è stata una furia crescente per lo schiaffo di intere regioni con gli stessi livelli nonostante le nette differenze nei tassi di infezione.

Nel Kent, ad esempio, c’è stata una protesta da parte dei leader locali dopo che l’intera contea è stata immersa nel livello tre, nonostante l’epidemia di coronavirus fosse concentrata in un’area. Swale, che è anche l’hotspot del Regno Unito, registra un tasso di 566,4 casi su 100.000. Ma nella verdeggiante Tunbridge, anche nel Kent, il tasso è sceso a 96 per 100.000. Questo è inferiore a quello di molte contee del Livello Due.

Boris Johnson ha accennato la scorsa settimana che le città e i villaggi vicino agli hotspot del coronavirus potrebbero essere eliminati dalle misure più dure nei piani in fase di elaborazione per sedare una crescente ribellione dei Tory sulle restrizioni.

I sostenitori conservatori hanno già sottolineato che Slough nel Berkshire e Scarborough nel North Yorkshire sono già stati “disaccoppiati” dalle loro regioni essendo inseriti in livelli diversi.

La mossa ha spinto gli esperti ad accusare i ministri di una strategia del “dito in aria” quando si determinano i livelli per le diverse regioni, poiché il governo deve ancora rivelare i suoi criteri per spostarsi tra i livelli.

Ben 55 sostenitori conservatori si sono ribellati martedì contro il governo in una votazione per l’entrata in vigore del sistema a gradini, segno di una crescente agitazione nelle file del partito.

QUALE BOROUGH DI LONDRA HA IL PIÙ ALTO TASSO DI INFEZIONE DA COVID-19?

Borgo

Redbridge

Havering

Abbaiare

Newham

Bexley

Foresta di Waltham

Tower Hamlets

Kingston

Ealing

Hounslow

Merton

Brent

Hillingdon

Enfield

Greenwich

Bromley

Tasso di infezione

306

286.6

254.6

235

218.3

205.1

200.2

179.1

175.8

167.6

164.1

159.8

156.1

152.8

147.3

144.1

% modificare

+ 2,8%

-15,2%

-4,1%

+ 4,9%

-5,7%

-3,4%

-12,4%

+ 17,8%

-13,5%

-16,7%

-7,4%

-19,9%

-19%

-28,6%

-21,8%

+ 6%

Per questa tabella sono stati utilizzati i dati del dashboard del Dipartimento della salute. Le tariffe sono in casi per 100.000 persone.

QUALE BOROUGH DI LONDRA HA IL PIÙ BASSO TASSO DI INFEZIONE DA COVID-19?

Borgo

Richmond

Westminster

Camden

Southwark

Lambeth

Hammersmith

Wandsworth

Islington

Lewisham

Kensington

Sutton

Croydon

Haringey

Erpice

Hackney

Barnet

Tasso di infezione

90.4

94.5

97

97.9

100

100.5

102.8

103.1

106.6

107.6

125

126.5

132.9

136.2

139.6

144

% modificare

-13,1%

-17,9%

+ 11,5%

-9,8%

-25,6%

-36,1%

-7,4%

-17,5%

+ 2,5%

-17,2%

-13,4%

-20,1%

-0,3%

-21,7%

-7,5%

-6,2%

Per questa tabella sono stati utilizzati i dati del dashboard del Dipartimento della salute. Le tariffe sono in casi per 100.000 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.