Gennaio 5, 2021 0

Coronavirus: Lo studio rileva che quasi 47 milioni di americani erano stati infettati dal coronavirus entro il 15 novembre

Coronavirus: Lo studio rileva che quasi 47 milioni di americani erano stati infettati dal coronavirus entro il 15 novembre

Secondo un nuovo studio, circa il 14% della popolazione statunitense potrebbe già avere anticorpi contro il nuovo coronavirus e potrebbe aspettare tranquillamente di ottenere un vaccino.

I ricercatori di Pfizer Vaccines hanno esaminato le indagini sui test degli anticorpi condotte dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) lo scorso anno.

Hanno determinato che quasi 47 milioni di americani erano stati infettati da COVID-19 entro il 15 novembre, che è più del doppio dell’attuale cifra riconosciuta.

È anche 4,3 volte superiore ai 10,8 milioni di casi registrati all’epoca.

Inoltre, il team ha stimato che un milione di persone erano state ricoverate in ospedale e circa 305.000 erano morte entro quella data.

Mentre il governo federale lancia milioni di dosi di vaccino questa settimana, i risultati suggeriscono che lo sforzo di immunizzazione può concentrarsi su coloro che non sono mai stati esposti in modo che la popolazione degli Stati Uniti possa ottenere l’immunità di gregge più rapidamente.

Viene anche come suggerito da diversi ricercatori, come il professore della Johns Hopkins, il dottor Marty Makary, che solo il 20% deve essere vaccinato immediatamente per frenare la pandemia.

I ricercatori hanno esaminato cinque sondaggi CDC che hanno testato i livelli di anticorpi del coronavirus tra aprile e agosto e hanno trovato anticorpi nel 23% dei partecipanti

Hanno stabilito che 46.910.006 persone erano state infettate dal coronavirus entro il 15 novembre, ovvero più del 14% degli americani.  Nella foto: Shayleen Ojeda utilizza un tampone nasale per un test COVID-19 in Ontario, California, dicembre 2020

Hanno stabilito che 46.910.006 persone erano state infettate dal coronavirus entro il 15 novembre, ovvero più del 14% degli americani. Nella foto: Shayleen Ojeda utilizza un tampone nasale per un test COVID-19 in Ontario, California, dicembre 2020

Questa cifra significa che il 14% degli americani è probabilmente protetto contro il virus e potrebbe aspettare tranquillamente mesi per ottenere un vaccino.  Nella foto: il 4 maggio riceve un'iniezione il primo paziente arruolato nella sperimentazione clinica sul vaccino COVID-19 di Pfizer presso la University of Maryland School of Medicine di Baltimora

Questa cifra significa che il 14% degli americani è probabilmente protetto contro il virus e potrebbe aspettare tranquillamente mesi per ottenere un vaccino. Nella foto: il 4 maggio riceve un’iniezione il primo paziente arruolato nella sperimentazione clinica sul vaccino COVID-19 di Pfizer presso la University of Maryland School of Medicine di Baltimora

Ricerche precedenti hanno concluso che il numero ufficiale di casi segnalati del virus, noto come SARS-CoV-2, è una sottostima.

Per questo motivo, gli scienziati dicono che l’intera popolazione deve essere vaccinata.

Di lunedi, Lo ha detto Makary, professore di chirurgia e politica sanitaria Fox News che l’immunità della mandria potrebbe essere raggiunta solo con il 20% delle persone vaccinate.

“C’è un falso costrutto là fuori, c’è una raccomandazione che dobbiamo immunizzare ogni americano per gestire la pandemia”, ha detto.

‘La realtà è che circa il 25-50% degli americani ha già avuto l’infezione e ha una certa immunità naturale.

‘Ora, non sappiamo se sia un po’ meglio, un po ‘peggio o lo stesso dell’immunità vaccinata, ma … potremmo aver bisogno di ottenere solo un ulteriore 20% della popolazione immunizzata entro febbraio o marzo per colpire davvero quei livelli di immunità del 70 per cento del gregge. “

Per lo studio, pubblicato su JAMA Network Open, il team ha partecipato a quattro indagini di sieroprevalenza regionali e una nazionale del CDC.

I sondaggi di sieroprevalenza utilizzano test anticorpali per stimare la percentuale della popolazione che è stata infettata e ha sviluppato anticorpi contro COVID-19.

I sondaggi sono stati condotti da aprile ad agosto e includono le risposte di oltre 95.000 partecipanti.

Le indagini regionali si sono svolte in 10 stati specifici: California, Connecticut, Florida, Louisiana, Minnesota, Missouri, New York, Pennsylvania, Utah e Washington)

I ricercatori hanno moltiplicato la percentuale di campioni che avevano anticorpi dalla popolazione per stimare il numero di infezioni.

Il numero di ricoveri è stato calcolato moltiplicando il numero stimato di infezioni sintomatiche con il rapporto stimato tra casi sintomatici e ospedalizzazioni del 3,4%.

I dati sulla morte sono stati misurati anche moltiplicando il rapporto infezione / mortalità dello 0,65%.

I risultati hanno mostrato che molte indagini hanno mostrato una percentuale di pazienti con anticorpi rispetto alla popolazione generale.

Ad esempio, in un sondaggio di New York su otto contee tra cui New York City, il 23,2% dei 1.116 campioni testati aveva anticorpi contro il coronavirus.

All’epoca, a maggio, erano stati segnalati solo 281.670 casi.

Ma, in base alle dimensioni della popolazione, hanno stimato che questo significasse che il numero reale di infezioni era in realtà 2,83 milioni, 10 volte superiore.

Dopo aver calcolato la mediana di tutte le indagini, i ricercatori stimava che 46.910.006 persone fossero state infettate da COVID-19 entro il 15 novembre, ovvero più del 14% degli americani.

Questo è più del doppio dell’attuale pedaggio stimato di 20,8 milioni e xx volte superiore al totale di 10,8 milioni riportato a quella data.

Di questi casi, hanno stimato che 28,1 milioni, circa il 60%, fossero infezioni sintomatiche.

Moltiplicando il numero di casi sintomatici del 3,4 per cento, hanno determinato che circa 956.174 persone hanno richiesto il ricovero in ospedale.

I calcoli rivelano anche questo 304.915 decessi si sono verificati negli Stati Uniti fino al 15 novembre, che è 1,2 volte superiore ai circa 245.000 decessi registrati all’epoca.

Potrebbe significare che il vero bilancio delle vittime è di 424.000.

Tuttavia, gli autori avvertono che una percentuale considerevole della popolazione deve essere vaccinata prima di ottenere l’immunità di gregge

“Il carico della malattia SARS-CoV-2 può essere molto più grande dei casi COVID-19 segnalati a causa della sottostima,” hanno scritto.

“Anche dopo l’adeguamento per la sottostima, rimane un divario sostanziale tra la percentuale stimata della popolazione infetta e la proporzione infetta necessaria per raggiungere l’immunità della mandria.

“Sono necessarie ulteriori indagini di sieroprevalenza per monitorare la pandemia, anche dopo l’introduzione di vaccini sicuri ed efficaci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.