Ottobre 13, 2020 0

Coronavirus: Lo scudo per i vulnerabili NON verrà ripristinato per i blocchi locali del coronavirus in Inghilterra

Coronavirus: Lo scudo per i vulnerabili NON verrà ripristinato per i blocchi locali del coronavirus in Inghilterra

Lo scudo per le persone vulnerabili non verrà ripristinato in Inghilterra poiché il paese combatte una seconda ondata di coronavirus attraverso blocchi locali.

Il governo ha annunciato oggi che sta passando ai “ consigli morbidi ” per le persone che sono ad alto rischio di morire se prendono il Covid-19.

All’inizio dell’anno milioni di persone sono state esortate a rimanere a casa a tutti i costi per evitare di contrarre la malattia, ma questa volta verranno offerti consigli su come le persone possono proteggersi al meglio e potranno scegliere quanto rigorosamente seguirla.

I funzionari hanno detto che alcuni hanno seguito il consiglio troppo alla lettera la prima volta e lo hanno visto come regole e non come suggerimenti, e che ha avuto un impatto devastante sulla salute mentale delle persone.

Ora, ai 2,2 milioni di persone nell’elenco “clinicamente estremamente vulnerabili” verranno inviate lettere che illustrano quali misure possono adottare a seconda della gravità dell’epidemia nella loro area.

La guida si allineerà con il nuovo sistema di blocco a tre livelli che divide il paese in aree a rischio “medio”, “alto” e “molto alto”.

Le autorità locali potranno fare appello per ripristinare la schermatura completa se la situazione è disperata, ma nessuno dei tre livelli di allerta lo attiverà automaticamente.

Le persone nell’elenco, che saranno informate delle modifiche ai consigli per posta, includono coloro che hanno subito trapianti di organi, malati di cancro e persone con gravi malattie polmonari. La stragrande maggioranza dei 90.000 bambini inclusi nella prima lista non deve più fare lo scudo perché sembrano così inalterati dal virus.

Le nuove restrizioni sul coronavirus potrebbero vedere il ritorno della schermatura per i britannici estremamente vulnerabili.  Ai pazienti non è attualmente consigliato di fare scudo in nessuna area locale in Inghilterra (nella foto: una donna anziana è limitata a vedere suo nipote attraverso una finestra in Galles)

Le nuove restrizioni sul coronavirus potrebbero vedere il ritorno della schermatura per i britannici estremamente vulnerabili. Ai pazienti non è attualmente consigliato di fare scudo in nessuna area locale in Inghilterra (nella foto: una donna anziana è limitata a vedere suo nipote attraverso una finestra in Galles)

Durante la prima ondata di coronavirus nel Regno Unito, alle persone ritenute clinicamente estremamente vulnerabili in Inghilterra è stato consigliato di prendere precauzioni aggiuntive, note anche come schermature.  Nella foto: la famiglia di un'infermiera autoisolata si incontra attraverso una finestra per ridurre il rischio di trasmettere il coronavirus

Durante la prima ondata di coronavirus nel Regno Unito, alle persone ritenute clinicamente estremamente vulnerabili in Inghilterra è stato consigliato di prendere precauzioni aggiuntive, note anche come schermature. Nella foto: la famiglia di un’infermiera autoisolata si incontra attraverso una finestra per ridurre il rischio di trasmettere il coronavirus

‘Nelle ultime settimane, abbiamo assistito a un forte aumento della prevalenza del virus in tutto il paese e sappiamo che coloro che sono clinicamente estremamente vulnerabili sono alla ricerca di consigli pratici su come possono continuare la loro vita mentre il virus rimane in le nostre comunità “, ha affermato la dott.ssa Jenny Harries, vice ufficiale medico per l’Inghilterra.

“Il nuovo sistema fornirà chiarezza su come i membri di questo gruppo possono mantenersi il più sicuri possibile a seconda delle velocità di trasmissione nella loro area locale.

“Pur consultando, esorto tutte le persone colpite a seguire la guida ovunque possono e a continuare ad accedere ai servizi sanitari per le loro condizioni mediche.”

I consigli forniti alle persone variano a seconda dell’entità delle regole di distanziamento sociale e dei blocchi per la loro area locale.

Nel livello “ medio ”, che è il livello di rischio più basso e attualmente comprende l’intero sud dell’Inghilterra e Londra, alle persone vulnerabili verrà semplicemente consigliato di essere rigorose riguardo alle distanze sociali, incontrare altre persone all’esterno solo se possono ed evitare il pubblico trasporto.

QUAL È IL NUOVO CONSIGLIO?

Il consiglio varia a seconda della gravità di un’epidemia nell’area locale di qualcuno e delle restrizioni locali in vigore:

Per il livello di allerta “Medio” (tutta l’Inghilterra meridionale e orientale, inclusa Londra, più parti delle Midlands):

  • Osserva rigorosamente le distanze sociali e incontra gli altri all’esterno, ove possibile;
  • Limita i viaggi non necessari sui mezzi pubblici e lavora da casa ove possibile.

Per il livello di allerta “Alto” (la maggior parte dell’Inghilterra nord-occidentale e nord-orientale, più Birmingham, Leicester e Nottinghamshire):

Come sopra, più:

  • Limita il numero di persone che incontri e non incontri in casa;
  • Evita i viaggi ad eccezione dei viaggi essenziali;
  • Riduci i viaggi di shopping e cerca di andare in orari meno affollati.

Per il livello di allerta “Molto alto” (solo Liverpool):

  • Lavora da casa e stai a casa il più possibile, senza incontrare persone di altre famiglie;
  • Ridurre in modo significativo i viaggi per la spesa: se possibile, far consegnare le cose o chiedere a un amico o un parente di lasciare generi alimentari e medicinali, ad esempio;
  • L’uscita per l’esercizio fisico è ancora incoraggiata.

Le persone dovrebbero lavorare da casa se possono – che è comunque l’orientamento generale – ma dovrebbe essere sicuro per loro andare al lavoro oa scuola se è inevitabile.

Nel livello successivo “alto”, che comprende la maggior parte delle aree del nord-ovest e del nord-est dell’Inghilterra, oltre a Birmingham, Leicester e Nottingham, si consiglia alle persone di ridurre il numero di persone che incontrano.

Dovrebbero restare a casa “il più possibile” e fare solo viaggi essenziali. Lo shopping online è preferibile all’uscita, oppure le persone potrebbero chiedere ad amici o parenti di consegnare loro cibo e medicine.

Nelle regole di blocco più severe, che attualmente si applicano solo a Liverpool, le persone estremamente vulnerabili dovrebbero seguire tutte le regole di cui sopra ma essere più rigorose nell’incontrare persone e uscire.

La guida implica che le persone nelle aree più colpite dovrebbero rimanere a casa tutto il tempo se possono, ma si ferma prima di dirlo.

La dott.ssa Yvonne Doyle, direttrice medica della Public Health England, ha affermato: “ Le persone che sono definite clinicamente estremamente vulnerabili sono ad altissimo rischio di malattie gravi da Covid-19.

‘Se fai parte di questo gruppo, ti consigliamo di seguire i consigli per proteggerti ad ogni livello di allerta come stabilito nella guida.

Oltre alle regole da seguire a ogni livello di allerta, puoi prendere ulteriori precauzioni.

‘Continua a mantenere un rigoroso distanziamento sociale, lavati le mani regolarmente e cerca di mantenere basso il numero di interazioni sociali che hai. Meno interazioni sociali hai, minore è il rischio di contrarre Covid-19. ‘

Durante la prima ondata di pandemia, alle persone ritenute clinicamente estremamente vulnerabili in Inghilterra è stato consigliato di prendere rigorose precauzioni aggiuntive, note anche come schermature.

Ciò ruotava attorno a quelle persone – che all’epoca includevano anziani e bambini gravemente malati – che rimanevano a casa a tutti i costi, non incontravano nessuno di altre famiglie e facevano consegnare loro la spesa.

Il programma di schermatura nazionale si è concluso il 1 ° agosto, con i resti finali delle regole locali che svaniscono nella prima settimana di ottobre e le persone che sono rimaste a casa per proteggersi dal Covid-19 sono state incoraggiate a tornare al lavoro.

Più di 2,2 milioni di persone in Inghilterra – quasi il 4% della popolazione – sono nell’elenco dei pazienti protetti da NHS Digital.

CHI C’E ‘NELLA SCHERMATURA?

Le persone che si trovano nell’elenco di protezione avrebbero dovuto essere contattate dal proprio medico o dal governo per avvertirle che sono ad alto rischio di contrarre Covid-19 grave.

  • Ci sono attualmente circa 2,2 milioni di persone in Inghilterra che sono sulla lista, tra cui:
  • Destinatari di trapianto di organi;
  • Persone che hanno la chemioterapia per il cancro;
  • Pazienti con cancro del polmone che ricevono radioterapia radicale;
  • Persone con cancro del sangue o del midollo osseo come la leucemia;
  • Malati di cancro che ricevono immunoterapia o altre terapie che influenzano il sistema immunitario;
  • Destinatari di trapianto di midollo osseo o cellule staminali che hanno subito la procedura negli ultimi sei mesi o stanno ancora assumendo farmaci immunosoppressori;
  • Persone con condizioni polmonari debilitanti, inclusa fibrosi cistica, asma grave o BPCO grave;
  • Quelli con condizioni rare che aumentano il rischio di infezione, come l’anemia falciforme omozigote;
  • Pazienti sottoposti a terapie immunosoppressive che aumentano il rischio di infezione;
  • Donne incinte con malattie cardiache significative;
  • Altri che sono stati individualmente giudicati estremamente vulnerabili dai medici.

La nuova guida arriva dopo che è stato rivelato ieri che Boris Johnson ha annullato gli esperti SAGE due settimane fa quando hanno premuto per un “interruttore di circuito” ancora più duro prima di annunciare il suo sistema a tre livelli lunedì.

Il 21 settembre, il gruppo consultivo scientifico ha presentato un elenco ristretto di opzioni che includevano il divieto di tutti i contatti interni tra famiglie, bar in chiusura, ristoranti, caffè, palestre e parrucchieri.

In cima alla lista c’era la raccomandazione per un blocco di due o tre settimane con misure draconiane simili a quelle imposte in precedenza durante la pandemia.

“Se questo fosse rigoroso e rispettato come le restrizioni di fine maggio, ciò potrebbe ritardare l’epidemia di circa 28 giorni o più,” il dossier disse.

Il Labour ha accusato il governo di ignorare il consiglio, ma Downing Street insiste di aver intrapreso un’azione “robusta”.

La scorsa notte, lo scienziato di SAGE, il professor Calum Semple, ha affermato che le nuove restrizioni erano arrivate troppo tardi e che un “interruttore di circuito” potrebbe essere necessario entro poche settimane.

Alla domanda se il livello di risposta annunciato per Londra sia sufficiente, l’accademico dell’Università di Liverpool ha detto a Radio 4: “Sarò difficile e dirò di no, penso che siamo un po ‘in ritardo per reagire”.

“L’epidemia è un po ‘come un super-petroliera, metti i freni ma ci vuole molto tempo prima di vedere l’effetto”, ha aggiunto.

Arriva dopo che il Primo Ministro ha annunciato che il Liverpool sarà il primo a entrare nella categoria “rischio molto alto”, il che significa che i pub sono chiusi e alle famiglie è vietato mescolarsi all’interno o nei giardini.

Ma il professor Chris Whitty ha affermato di non essere “sicuro” che le nuove misure avrebbero arginato la marea, poiché il Regno Unito ha collezionato altri 13.972 casi di Covid lunedì, con un aumento dell’11% lunedì scorso.

Il professor Whitty ha aggiunto: “L’idea che possiamo farlo senza causare danni è un’illusione. È un atto di bilanciamento tra due danni: un danno per la società e l’economia da un lato e un danno per la salute dall’altro. ‘

Il signor Johnson, rivolgendosi alla nazione insieme al cancelliere Rishi Sunak e al professor Whitty, ha affermato che le opzioni erano “lasciare che il virus lacerasse” o “mandasse in frantumi” l’economia.

Una vasta fascia del paese, tra cui Greater Manchester, West Midlands e Nord-est, sta affrontando i freni di secondo livello che si prevede che il giro di vite sulla socializzazione tra le famiglie e un totale di 22 milioni in Inghilterra saranno coperti dai primi due livelli dopo martedì.

Il signor Johnson ha affermato che le cifre in aumento in queste aree “ci lampeggiavano come avvertimenti sul cruscotto di un aereo passeggeri e dobbiamo agire ora”, ma ha escluso la “rotta estrema” di un blocco nazionale completo “in questo momento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.