Dicembre 1, 2020 0

Coronavirus: Le morti per coronavirus in Inghilterra e Galles stanno rallentando, mostrano i dati ufficiali

Coronavirus: Le morti per coronavirus in Inghilterra e Galles stanno rallentando, mostrano i dati ufficiali

L’aumento delle morti per coronavirus in Inghilterra e Galles ha iniziato a rallentare nella seconda metà di novembre, le statistiche mostrano – ei dati del governo suggeriscono che il conteggio giornaliero è già in calo.

Un rapporto settimanale dell’Ufficio per le statistiche nazionali ha mostrato che il numero di persone che muoiono di Covid-19 nella settimana terminata il 20 novembre era 2.697, rispetto a 2.466 della settimana precedente.

Si trattava di un aumento di appena il 9% dopo un aumento del 27% una settimana prima, quando erano aumentati da 1.937, e un aumento del 53% a metà ottobre, dopo che la seconda ondata era sfuggita al controllo.

Il rallentamento del tasso di aumento mostra che il peggio della seconda ondata britannica è già passato e le vittime avrebbero potuto raggiungere il picco e ora diminuire di nuovo.

Ciò è supportato dai dati giornalieri del Dipartimento della Salute che mostrano che le morti per coronavirus in Inghilterra hanno raggiunto il picco il 21 novembre – circa due settimane dopo che è stato imposto il blocco nazionale – e poi hanno iniziato di nuovo a diminuire.

In media, il governo ha registrato 375 morti ogni giorno il 21 novembre. Il dato è poi sceso a 351 il 23 novembre, il dato più recente.

Le morti continueranno a rimbombare poiché il numero di nuove infezioni rimane alto – la media giornaliera dei test positivi è attualmente di 14.778 per il Regno Unito nel suo insieme – e un importante statistico ha avvertito che il bilancio delle vittime della seconda ondata è destinato a raggiungere i 20.000 Natale.

I dati del Dipartimento della Salute per l'Inghilterra suggeriscono che i decessi nella seconda ondata di coronavirus hanno raggiunto il picco nella terza settimana di novembre e ora potrebbero essere di nuovo in calo

I dati del Dipartimento della Salute per l’Inghilterra suggeriscono che i decessi nella seconda ondata di coronavirus hanno raggiunto il picco nella terza settimana di novembre e ora potrebbero essere di nuovo in calo

Lo statistico dell’Università di Cambridge, il professor David Spiegelhalter, ha sottolineato oggi che il Covid-19 sta uccidendo più di otto volte più persone dell’influenza e della polmonite.

Mentre ci sono stati 280 decessi causati da influenza o polmonite nella settimana fino al 13 novembre, ce ne sono stati 2.361 causati da Covid-19, afferma il rapporto dell’ONS. Le morti “coinvolgenti” Covid-19 sono state 2.697, mentre quelle legate all’influenza sono state 2.605.

Ha aggiunto: ‘Tra il 5 settembre e il 20 novembre, nel Regno Unito sono stati registrati 12.907 decessi che hanno coinvolto Covid, e da allora sono stati circa 3.000, per un totale di 16.000 nella seconda ondata.

Purtroppo, la previsione che la seconda ondata coinvolgerebbe decine di migliaia di morti di Covid sembra che si avvererà e possiamo aspettarci che il totale della seconda ondata salga a oltre 20.000 entro Natale.

Ancora una volta, ci sono stati oltre 1.000 decessi aggiuntivi nelle case private rispetto al normale, un aumento del 40%.

“Questo sembra essere un cambiamento a lungo termine nel modo in cui le persone muoiono in questo paese e merita molta attenzione.”

Sebbene le morti non Covid siano ancora al di sotto della media – potenzialmente perché molte persone che sarebbero morte per altre malattie sono state uccise dal coronavirus – ci sono state ancora migliaia di morti in eccesso quest’anno, e queste sono aumentate di nuovo durante la seconda ondata.

Nelle case private ci sono stati 1.001 morti in più rispetto alla media nella settimana fino al 20 novembre, insieme a 999 negli ospedali e 180 nelle case di cura.

Per l’anno da marzo, ci sono stati un totale di 34.663 morti in eccesso nelle case private e 25.428 nelle case di cura, mentre ci sono stati 7.460 morti in meno rispetto al normale negli ospedali durante quel periodo.

I decessi nelle case di cura – dove le persone sono più vulnerabili al Covid-19 – sono aumentati nel mese di novembre, più che raddoppiando in due settimane tra l’inizio e la metà del mese, ma hanno anche iniziato a stabilizzarsi.

I dati mostrano che 467 residenti in case di cura sono morti a causa della malattia nella terza settimana del mese, rispetto ai 425 della settimana prima, 280 la settimana precedente e 168 nell’ultima settimana di ottobre.

Fino a novembre, il bilancio delle vittime delle case di cura era rimasto relativamente basso durante la seconda ondata del Regno Unito, con morti settimanali pari o inferiori a 150 a settimana per le otto settimane di settembre e ottobre.

I numeri impallidiscono rispetto a un massimo di 2.800 a settimana durante il primo picco dell’epidemia ad aprile.

Un totale di 2.697 decessi per coronavirus sono stati registrati nella settimana terminata il 13 novembre, 231 in più rispetto alla settimana precedente e rappresentavano più di un quinto (21,5%) dei 12.535 decessi per tutte le cause in quella settimana.

Sebbene le morti di Covid della settimana siano il numero più alto dalla settimana terminata il 15 maggio, l’aumento minore suggerisce che il numero raggiungerà presto il picco e inizierà a diminuire di nuovo.

I dati dell’ONS mostrano che l’aumento dei decessi ha iniziato a rallentare alla fine di ottobre, dopo essere aumentato sulla scia di un massiccio picco di infezioni a settembre, quando le scuole e le università sono tornate.

È noto che ci vogliono circa tre settimane prima che un aumento dei test positivi si traduca in morti.

I decessi sono aumentati del 53% nella settimana fino al 16 ottobre, ha rilevato l’ONS, poi del 46% la settimana successiva, poi del 41%, 40%, 27% e più recentemente del 9%.

Ogni regione dell’Inghilterra tranne una – l’Est dell’Inghilterra – ha registrato un aumento dei decessi per Covid-19.

Il nord-ovest aveva 629, il più alto, seguito da 481 nello Yorkshire e nell’Humber, 306 nelle Midlands occidentali e 289 nelle Midlands orientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.