Ottobre 19, 2020 0

Coronavirus: Lavarsi di più i denti potrebbe aiutare a scongiurare il coronavirus

Coronavirus: Lavarsi di più i denti potrebbe aiutare a scongiurare il coronavirus

Lavarsi i denti ogni volta che esci di casa può aiutare a scongiurare il Covid-19, ha affermato un professore di odontoiatria.

Il professor Martin Addy, dell’Università di Bristol, ha affermato che il dentifricio ha le stesse sostanze chimiche del gel antibatterico per le mani.

Questo, ha affermato, potrebbe uccidere il coronavirus se entra attraverso la bocca, impedendogli di replicarsi e causare malattie.

Potrebbe proteggere gli altri riducendo la carica virale nella bocca di una persona, che alcune ricerche hanno suggerito potrebbe essere collegata a quanto una persona è contagiosa e quindi a quante persone trasmettono la malattia.

La trasmissione del coronavirus tra le persone avviene principalmente attraverso goccioline di tosse o starnuti, che possono essere raccolte dalle superfici. Ma il virus non causa solo un’infezione attraverso la bocca: può entrare nel corpo attraverso il naso e gli occhi, dicono i medici.

Il professor Addy ha affermato che le persone dovrebbero lavarsi i denti ogni volta che escono di casa, ad esempio quando fanno la spesa o fanno esercizio fisico.

E ha chiesto al governo di incoraggiare il pubblico a lavarsi i denti più spesso nello stesso modo in cui raccomandano di indossare la maschera per il viso e lavarsi le mani.

È stato anche suggerito che il colluttorio rimuova le particelle virali dalla bocca e impedisca a una persona infettiva di diffonderlo ad altri.

Lavarsi i denti più spesso potrebbe aiutare a scongiurare il coronavirus, ha affermato un professore (stock)

Parlando con Il telegrafo, Il professor Addy ha detto: ‘Il dentifricio contiene gli stessi detergenti di quelli che si trovano nei gel lavamani consigliati.

“L’azione antimicrobica del dentifricio in bocca persiste da tre a cinque ore e, quindi, ridurrebbe la carica virale nella saliva o l’infezione da virus che entrano nella bocca.”

Ha aggiunto: ‘Per la stragrande maggioranza, i tempi dello spazzolamento dei denti dovrebbero essere concentrati quando stanno per uscire di casa per fare esercizio o fare shopping.

“Idealmente, la frequenza dello spazzolamento dei denti dovrebbe essere aumentata.”

IL COLLUTORIO ‘POTREBBE FERMARE LA DIFFUSIONE DI COVID-19’

Il colluttorio potrebbe fermare la trasmissione del coronavirus, secondo gli scienziati in Germania.

I virologi guidati dalla Ruhr-Universität Bochum, nella Germania occidentale, hanno testato otto collutori con diversi ingredienti disponibili nelle farmacie o nelle drogherie in Germania.

Hanno mescolato ogni collutorio con particelle di virus e una sostanza interferente, che aveva lo scopo di ricreare l’effetto della saliva in bocca. La miscela è stata quindi agitata per 30 secondi per simulare l’effetto dei gargarismi.

Quindi hanno misurato il titolo del virus, che è un valore dato alla quantità di virus in un volume di fluido, in questo caso la saliva.

Tre collutori lo hanno ridotto a tal punto che nessun virus è stato rilevato dopo un tempo di esposizione di 30 secondi. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire se questo impedisce effettivamente la diffusione del virus e per quanto tempo dura l’effetto.

Il team guidato da Toni Meister ha detto il loro ricerca non dimostra che i risciacqui della bocca siano adatti per proteggere dalla cattura del coronavirus o per trattarlo.

La signora Meister ha dichiarato: “ Fare i gargarismi con un collutorio non può inibire la produzione di virus nelle cellule, ma potrebbe ridurre la carica virale a breve termine da cui proviene il maggior potenziale di infezione, vale a dire nella cavità orale e nella gola – e questo potrebbe essere utile in determinate situazioni, come dal dentista o durante le cure mediche dei pazienti Covid-19. ‘

I ricercatori di Lima, in Perù, hanno anche incoraggiato il collutorio per le procedure odontoiatriche per proteggersi dal coronavirus.

Andrea Vergara-Buenaventura, Dipartimento di Parodontologia, Universidad Científica del Sur, ha esaminato le prove di una serie di collutori antisettici convenzionali utilizzati in odontoiatria per la protezione dalle malattie infettive.

Lei e colleghi hanno concluso nel loro carta: “Entro i limiti di questa breve revisione e nonostante le scarse evidenze cliniche, suggeriamo l’uso di collutori preprocedurali nello studio dentistico per ridurre la carica virale SARS-CoV-2 da precedenti procedure dentali e per ridurre il rischio di infezioni crociate durante il trattamento dei pazienti durante la pandemia.

“La ricerca è urgentemente necessaria per determinare il suo potenziale di utilizzo contro questo nuovo virus.”

Il professor Addy ha detto che gli agenti antibatterici nel dentifricio potrebbero aiutare a eliminare il coronavirus se entra attraverso la bocca. In teoria, ciò renderebbe meno probabile la malattia, ma non è stato dimostrato.

I ricercatori hanno affermato che ridurre la dose di virus a cui la persona è esposta può ridurre il rischio e la gravità della malattia.

E la quantità di esposizione al virus all’inizio dell’infezione è anche collegata a una maggiore carica virale, che si riferisce a quanto una persona è contagiosa per gli altri.

Membri dell’Oxford Covid-19 Evidence Service Team a marzo: “La dose iniziale di virus e la quantità di virus che un individuo ha in qualsiasi momento potrebbero peggiorare la gravità della malattia di Covid-19. La quantità di esposizione al virus all’inizio dell’infezione – la dose infettiva – può aumentare la gravità della malattia ed è anche collegata a una carica virale più elevata [in infected patients]. “

Non è la prima volta che il professor Addy promuove l’idea di lavarsi i denti più spesso per ridurre il rischio di Covid-19.

In una precedente lettera al British Dental Journal ad aprile, il professor Addy si è detto sorpreso che la professione odontoiatrica non avesse promosso lo spazzolamento dei denti come approccio preventivo al coronavirus.

Ha scritto: ‘Dalla mia conoscenza e dall’ascolto di esperti, una delle principali fonti di goccioline è derivata dalla saliva.

‘Sono quindi un po’ sorpreso che la nostra professione non abbia promosso l’igiene orale, attraverso lo spazzolamento dei denti con il dentifricio, nell’approccio preventivo al Covid-19.

“La maggior parte, se non tutti i dentifrici, contengono detergenti, che conferiscono al prodotto significative proprietà antimicrobiche, infatti gli stessi detergenti sono presenti in molte formulazioni lavamani, consigliate contro il coronavirus.”

Ha detto che il governo dovrebbe incoraggiare tutti a lavarsi i denti per due minuti, due volte al giorno.

Anche se tutti dovrebbero lavarsi i denti già due volte al giorno, il professor Addy ha detto che molti che sono a maggior rischio di Covid-19 non lo fanno, come gli anziani che possono contare su una persona che si prende cura di lui.

Il professor Addy non è entrato nei dettagli su quali sostanze chimiche nel dentifricio possono essere protettive contro il coronavirus.

Il Triclosan è un agente antibatterico comunemente aggiunto ai dentifrici per prevenire la formazione di placca.

La maggior parte dei saponi antibatterici contiene triclosan, sebbene siano comuni anche altri additivi chimici.

Il triclosan è una sostanza chimica controversa che è stata bandita dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense nel 2016.

Ha affermato che non c’erano informazioni sufficienti sugli effetti sulla salute a lungo termine di 19 sostanze chimiche antibatteriche e una mancanza di prove sulla loro efficacia, bandendole dai prodotti in America dal 2017.

Il professor Addy ha anche affrontato l’idea di usare il collutorio più spesso per proteggersi dal Covid-19, nella sua lettera BDJ.

Ha promosso i prodotti a base di clorexidina proprio per la loro “azione antivirale”. Ma ha ammesso che ci sono poche ricerche per dimostrare che saranno efficaci contro il coronavirus.

Tuttavia, da allora, uno studio condotto da scienziati del Korea University College of Medicine, Seoul, hanno scoperto che SARS-CoV-2 è stato soppresso per due ore dopo l’applicazione della clorexidina, suggerendo che potrebbe essere in grado di controllare la trasmissione di Covid-19.

Hanno concluso: “Il collutorio alla clorexidina è stato efficace nel ridurre la carica virale SARS-CoV-2 nella saliva per un breve periodo”.

I collutori vengono utilizzati per sciacquare la bocca prima di una procedura odontoiatrica per ridurre i germi negli aerosol e gli schizzi prodotti durante le procedure dentali.

Le particelle di Coronavirus sono rivestite da una membrana grassa che protegge il materiale genetico all’interno.

Può essere scomposto da gel e saponi antibatterici, ma non necessariamente da collutorio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha respinto l’idea che il collutorio fosse protettivo a febbraio.

Ha detto che alcune marche o collutori possono eliminare alcuni microbi per alcuni minuti nella saliva in bocca.

“ Tuttavia, questo non significa che ti proteggano dall’infezione 2019-nCoV ”, ha detto l’OMS, prima che al coronavirus venisse dato il nome formale di Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.