Dicembre 10, 2020 0

Coronavirus: L’acquisto negli Stati Uniti di più dosi di vaccino contro il coronavirus Pfizer potrebbe essere complicato: colpi

Coronavirus: L’acquisto negli Stati Uniti di più dosi di vaccino contro il coronavirus Pfizer potrebbe essere complicato: colpi

Una fiala del vaccino COVID-19 sviluppato da Pfizer e BioNTech che è stata utilizzata martedì presso il Royal Victoria Hospital di Belfast, nel Regno Unito.

Liam McBurney / Bloomberg tramite Getty Images


nascondi didascalia

alterna didascalia

Liam McBurney / Bloomberg tramite Getty Images

Una fiala del vaccino COVID-19 sviluppato da Pfizer e BioNTech che è stata utilizzata martedì presso il Royal Victoria Hospital di Belfast, nel Regno Unito.

Liam McBurney / Bloomberg tramite Getty Images

Con il vaccino COVID-19 di Pfizer pronto per l’autorizzazione della Food and Drug Administration per l’uso di emergenza, si specula su quando gli Stati Uniti acquisteranno un altro lotto di dosi e se l’amministrazione Trump abbia già perso l’occasione.

Sebbene un membro del consiglio di Pfizer affermi che il governo ha rifiutato di acquistare più dosi oltre i 100 milioni iniziali concordati a luglio, il segretario per la salute e i servizi umani Alex Azar ha detto a PBS Newshour che questo è impreciso. L’azienda non ha mai fatto un’offerta formale indicando quante dosi avrebbe erogato e quando – due cose che sono necessarie per firmare un accordo aggiuntivo.

“Si sono rifiutati di impegnarsi in qualsiasi altra produzione o consegna entro un certo periodo di tempo”, ha detto, spiegando che le dosi iniziali saranno consegnate entro marzo, e dopo che c’è un’opzione per il governo di acquistare altri 500 milioni. “Certamente non ho intenzione di firmare un accordo con la Pfizer, dando loro 10 miliardi di dollari per acquistare un vaccino che potrebbero consegnarci tra cinque, dieci anni. Non ha alcun senso”.

Azar ha detto che il governo ha avviato nuovi negoziati con Pfizer all’inizio di ottobre, ma “si sono comunque opposti a darci qualsiasi data entro la quale lo avrebbero fatto”. Ha detto che stanno facendo progressi nei loro negoziati, ma il governo è disposto a usare “ogni potere del Defence Production Act” per ottenere le dosi aggiuntive di vaccino Pfizer necessarie.

Il membro del consiglio di amministrazione della Pfizer ed ex commissario della FDA Scott Gottlieb ha dichiarato martedì alla CNBC che il governo federale ha rifiutato “più volte” di acquistare più dosi di vaccino della Pfizer durante l’estate e potrebbe aver perso di più nel secondo trimestre del 2021.

“Pfizer ha offerto più volte un’allocazione aggiuntiva derivante da tale piano, in pratica l’allocazione del secondo trimestre,” Gottlieb ha detto alla CNBC.

Gottlieb ha osservato che il governo ha accordi per acquistare centinaia di milioni di dosi di vaccini da sei produttori come parte dell’operazione Warp Speed, la spinta da oltre 10 miliardi di dollari dell’amministrazione Trump per rendere disponibile un vaccino contro il coronavirus a tempo di record. Sospetta che il governo stia scommettendo che più di un vaccino alla fine otterrebbe l’autorizzazione della FDA.

“Questo forse potrebbe essere il motivo per cui non hanno accettato quell’accordo aggiuntivo di 100 milioni di opzioni che in realtà non avrebbe richiesto loro necessariamente di anticipare i soldi. Era solo un accordo che avrebbero acquistato quei vaccini”, ha detto Gottlieb. “Quindi Pfizer è andata avanti e ha stipulato alcuni accordi con altri paesi per vendere loro parte di quel vaccino nel secondo trimestre del 2021”.

E questo potrebbe significare che c’è meno disponibilità per l’acquisto da parte del governo degli Stati Uniti quando è pronto a farlo.

Il New York Times segnalato per la prima volta Lunedì sulla trattativa per più dosi, dicendo che la Pfizer ha offerto al governo degli Stati Uniti tra 100 milioni e 500 milioni di dosi aggiuntive e ha avvertito che il suo vaccino potrebbe scarseggiare, vista la domanda in tutto il mondo. Di conseguenza, una seconda assegnazione potrebbe non essere disponibile per gli Stati Uniti fino al prossimo giugno.

Un alto funzionario dell’amministrazione ha detto ai giornalisti durante un briefing lunedì che il file Volte i rapporti non erano accurati: “Siamo nel bel mezzo di una trattativa in questo momento e non possiamo parlarne pubblicamente, ma siamo assolutamente fiduciosi che otterremo le dosi di vaccino per le quali abbiamo contratto e avremo un numero di dosi per vaccinare tutti gli americani che ne desiderano uno entro la fine del secondo trimestre 2021 “.

Un portavoce di HHS ha fatto eco a quella spiegazione in a serie di tweet Martedì, dicendo: “In nessun momento OWS ha rifiutato un’offerta da Pfizer per un numero qualsiasi di milioni di dosi con una data di consegna e una quantità fisse, ed è un peccato che qualcuno stia male informando il pubblico americano”.

Pfizer non ha risposto alla richiesta di NPR di commentare questa storia.

A luglio, Pfizer ha firmato un accordo da 1,95 miliardi di dollari con l’operazione Warp Speed. Come parte dell’accordo, il governo ha accettato di acquistare 100 milioni di dosi del vaccino della Pfizer, ma la transazione sarebbe avvenuta solo se il vaccino che Pfizer sta sviluppando in collaborazione con BioNTech, una società tedesca, avesse ricevuto l’ok della FDA.

Non è insolito per una società sotto contratto con il governo suggerire una modifica, come più dosi nel primo lotto, ha detto Franklin Turner, un partner di McCarter & English specializzato in contratti governativi. Ma ci possono essere diversi motivi per cui il governo potrebbe declinare.

“Se avessi un centesimo per ogni volta che il governo fa un passo o una posizione che sembra controintuitivo e francamente sbalorditivo, sarei un essere umano molto ricco a questo punto della mia vita”, ha detto Franklin.

Il vaccino della Pfizer potrebbe ricevere il via libera questa settimana. Un gruppo di esperti esterni si riunirà giovedì e consiglierà la FDA sull’opportunità di autorizzare il vaccino per l’uso di emergenza nella pandemia.

È possibile che il governo avrebbe potuto ottenere termini di contratto di consegna successivi migliori per cominciare, ha detto James Love, direttore di Knowledge Ecology International. Anche se ha notato che i diritti di proprietà intellettuale nel contratto non sono particolarmente favorevoli nemmeno al governo federale, come ha riferito NPR. “Ad un certo punto, non effettuare ordini quando il mondo intero sta effettuando ordini, è stato un errore”, ha detto Love .

Se gli Stati Uniti perdessero più dosi perché le hanno rifiutate, sarebbe “un fallimento spettacolare”, ha detto Rena Conti, economista della salute alla Boston University.

“I contratti sono lungimiranti, il che significa che avremmo potuto (e abbiamo fatto) firmare contratti con altri produttori che riservano la capacità futura quando sarà disponibile”, ha detto. “Dovremmo avere [been] includendo la lingua in ogni contratto che riservi i diritti su più quantità in anticipo a un dato prezzo. “

sebbene il Contratto Pfizer include l’opzione di acquistare altri 500 milioni di dosi del suo vaccino, tale transazione richiederebbe un accordo separato e il prezzo sarebbe soggetto a modifiche, dice il contratto.

“Avere più quantità riservate è un’economia intelligente data l’incertezza che comporta il fatto che il vaccino arrivi sul mercato in un determinato periodo di tempo e quale vaccino sarà più sicuro, [effective] e in grado di produrre su larga scala “, ha detto Conti.” Non ci sono costi o rischi al ribasso per avere questi contratti a termine e c’è molto da guadagnare per il pubblico americano “.

Puoi contattare il corrispondente di NPR Pharmaceuticals Sydney Lupkin all’indirizzo [email protected].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.