Gennaio 8, 2021 0

Coronavirus: La variante brasiliana del coronavirus può indebolire gli effetti dei vaccini “nascondendosi” da loro

Coronavirus: La variante brasiliana del coronavirus può indebolire gli effetti dei vaccini “nascondendosi” da loro

Il Brasile ora ha una sua pericolosa variazione di coronavirus mutante contro cui i vaccini potrebbero non funzionare.

Condivide le mutazioni osservate nella variante sudafricana – ma è una forma completamente separata, per quanto ne sanno gli scienziati – che potrebbe mascherarla dagli anticorpi che il sistema immunitario sviluppa dopo essere stato infettato o aver ricevuto un vaccino.

Gli scienziati dicono che è improbabile che queste mutazioni rendano completamente inutile l’immunità naturale o l’immunità offerta da un vaccino.

Ma queste mutazioni influenzano la parte del virus che gli anticorpi riconoscono, quindi potrebbe essere necessario più tempo affinché il sistema immunitario rappresenti la minaccia e si metta in moto per combattere il virus, anche dopo la vaccinazione o un’infezione precedente, hanno detto gli esperti Stat News.

Si presenta quando la variante emersa nel Regno Unito, nota come B117, si sta diffondendo in tutto il mondo. La variante più infettiva è in almeno 33 paesi, inclusi gli Stati Uniti, dove sono stati confermati 64 casi in poco più di una settimana da quando è stato rilevato per la prima volta.

Una mutazione (blu scuro) osservata nelle varianti di coronavirus trovate in Brasile e Sud Africa può aiutarli a “ sfuggire ” agli anticorpi innescati da vaccini o infezioni precedenti più spesso (mostrati in blu scuro, aumentando con la frequenza con cui la mutazione ‘sfugge)

Questa nuova variante (verde chiaro) è stata individuata per la prima volta in Brasile a ottobre e ha rappresentato una quota crescente di infezioni lì a novembre

Questa nuova variante (verde chiaro) è stata individuata per la prima volta in Brasile a ottobre e ha rappresentato una quota crescente di infezioni lì a novembre

Le nuove varianti dal Sud Africa e dal Brasile hanno il mondo in bilico perché potrebbero non rispondere anche ai vaccini, ma sono ancora relativamente rare.

Una nuova variante in Brasile è stata identificata per la prima volta a Rio de Janeiro, la città tentacolare ma densamente popolata sul mare del paese in ottobre.

All’inizio, era per lo più isolato dalla città, ma già riportando casi e infezioni nella città duramente colpita, che ha visto 470.138 casi fino ad oggi.

Ma, entro il 23 dicembre, i ricercatori dell’Università Federale di Rio de Janeiro che lo scoprirono si stavano preoccupando.

“Il significativo aumento della frequenza di questo lignaggio solleva preoccupazioni sulla gestione della salute pubblica e sulla necessità di sorveglianza genomica durante la seconda ondata di infezioni”, hanno scritto.

All’epoca, era chiaro che la variante stava diventando più comune, ma non era chiaro quanto esattamente differisse e potesse essere più pericoloso.

Ma entro il 26 dicembre, i potenziali rischi delle sue mutazioni stavano diventando più chiari.

I virus mutano costantemente. Alcuni cambiamenti non cambieranno affatto il modo in cui uno influenza gli esseri umani.

Qualche altro potrebbe renderlo un po ‘più contagioso, ma comunque reattivo agli stessi anticorpi e altre difese immunitarie che hanno funzionato contro le sue altre forme.

Né la variante del Sud Africa né quella del Brasile sono state rilevate negli Stati Uniti, ma in poco più di una settimana, la variante britannica più contagiosa è stata trovata in otto stati

Né la variante del Sud Africa né quella del Brasile sono state rilevate negli Stati Uniti, ma in poco più di una settimana, la variante britannica più contagiosa è stata trovata in otto stati

Ma abbastanza mutazioni e un virus potrebbe diventare irriconoscibile per il nostro sistema immunitario.

La variante che si sta diffondendo in Brasile, quella proveniente dal Sud Africa e quella che sta devastando il Regno Unito (e ora in almeno otto stati degli Stati Uniti) condividono tutte una mutazione che li rende più attaccabili ai recettori sulla superficie delle cellule umane.

Per il momento, B117 è una minaccia più pressante perché sta già diventando dominante in alcuni luoghi e si è rapidamente diffuso in dozzine di paesi.

Gli esperti avvertono che la variante più infettiva significherà che più persone si ammaleranno e saranno ricoverate in ospedale, aumentando il rischio che gli ospedali vengano sopraffatti, il che, a sua volta, può portare a più vittime.

Il mondo si trova in un periodo di tempo pericoloso ma ristretto per una variante come B117. Una volta che i paesi raggiungono l’immunità di gregge

Le mutazioni di B117 lo rendono migliore nell’infettare le cellule umane. Più è bravo ad aggrapparsi ai recettori, più efficacemente può assumere il controllo del nostro apparato cellulare e sfornare più copie di se stesso.

Più copie può riempire il corpo di un ospite, più è probabile che l’ospite “ elimini ” quelle particelle virali – il che significa che lo starnuto, la tosse o persino il respiro di una persona infetta è molto più carico di virus, aumentando le probabilità che venga trasmesso a qualcun altro.

Ma questo non lo rende meno riconoscibile agli anticorpi che suonano l’allarme per il sistema immunitario per montare una difesa.

È improbabile che la vitamina B117 interferisca con il sistema immunitario.

Le varianti identificate in Brasile e Sud Africa, sebbene non identiche, condividono un’ulteriore mutazione in una posizione sul genoma virale nota come E484K.

Questo è “ il sito di maggiore preoccupazione per le mutazioni virali ”, hanno scritto i ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Center, perché potrebbe rendere il nuovo virus più difficile per il sistema immunitario riconoscere e impedire agli anticorpi di neutralizzarlo bloccando i recettori che altrimenti si legherebbero ad altri cellule umane.

Un vaccino che è abbastanza bravo nell’insegnare al corpo a identificare questa variante – ma non perfetto – varrà comunque la pena, probabilmente impedendo alla maggior parte delle persone di ammalarsi gravemente del virus.

Ma è il tipo di cambiamento su cui gli scienziati tengono d’occhio. La maggior parte presume che alla fine i vaccini dovranno essere aggiornati per tenere conto di tali mutazioni.

Negli Stati Uniti non sono state identificate né la variante brasiliana, né quella sudafricana.

La variante sudafricana è, tuttavia, già nel Regno Unito. Gli scienziati statunitensi presumono in generale che una volta che qualcosa è nel Regno Unito, è negli Stati Uniti, a causa degli stretti legami economici dei paesi.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stanno aumentando il numero di campioni di coronavirus su cui esegue una sequenza completa del genoma per scoprire se si tratta di una nuova variante.

A dicembre venivano sequenziati circa 3.5000 campioni a settimana. Ora il CDC punta a più di 6.000.

Ma sta andando lentamente, e gli Stati Uniti sono rimasti molto indietro rispetto ad altri paesi per quanto riguarda il sequenziamento, sollevando il timore che quando gli americani sapranno che una nuova variante è qui, sarà ovunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.