Dicembre 7, 2020 0

Coronavirus: La casa di cura in cui la metà dei residenti è morta a causa del coronavirus potrebbe dover attendere TRE MESI per il vaccino

Coronavirus: La casa di cura in cui la metà dei residenti è morta a causa del coronavirus potrebbe dover attendere TRE MESI per il vaccino

A una casa di cura del Nottinghamshire in cui il coronavirus ha ucciso quasi la metà dei suoi residenti è stato detto che potrebbe essere necessario attendere tre mesi per un vaccino.

I capi della casa di cura di Wren Hall dicono che gli è stato detto che potrebbe essere febbraio prima che i colpi vengano distribuiti alla struttura nel tranquillo villaggio di Selston.

I residenti dovranno essere trasportati in un ospedale a miglia di distanza a Nottingham o Mansfield se vogliono ricevere i loro colpi durante la prima ondata di vaccinazioni.

Il jab Covid approvato da Pfizer / BioNTech deve essere conservato a -70 ° C e può essere trasportato solo in lotti di 975 dosi attualmente. Ciò pone sfide logistiche nel tentativo di consegnarlo a case di cura che ospitano solo diverse dozzine di persone.

Wren Hall afferma che i suoi residenti, molti dei quali sono mentalmente o fisicamente disabili, sono troppo fragili per essere trasferiti fuori casa, il che significa che dovranno aspettare mesi per essere vaccinati.

La casa di cura, che ospita 54 residenti, è stata devastata dalla prima ondata di Covid-19 in primavera, registrando 23 morti.

Dalla primavera più di 20.000 residenti in case di cura sono stati uccisi dal coronavirus. Una revisione indipendente della Commissione ha affermato che le case di cura sono state “date in pasto ai lupi” quando decine di migliaia di pazienti ospedalieri sono stati dimessi nel settore senza essere testati per Covid.

Il NHS si sta preparando a lanciare domani il suo più grande programma di vaccinazioni di massa nella storia, in quello che viene soprannominato “V Day”.

Il comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI) ha posto i residenti delle case di cura e il loro personale in cima alla sua lista di priorità per i vaccini. Anche se ha ammesso che “se ciò sia effettivamente fattibile dipende dalla distribuzione e dall’implementazione”.

Wren Hall Nursing Home a Selston, Nottinghamshire, è stato informato che potrebbe essere necessario attendere tre mesi per un vaccino contro il coronavirus. Nella foto: un’infermiera si prende cura di un residente malato di coronavirus ad aprile

Wren Hall (nella foto) è stata devastata dalla prima ondata di Covid-19 in primavera, con 23 dei suoi 54 residenti che muoiono a causa della malattia

Wren Hall (nella foto) è stata devastata dalla prima ondata di Covid-19 in primavera, con 23 dei suoi 54 residenti che muoiono a causa della malattia

Un grafico mostra dove si trovano i 50 hub del NHS, i centri speciali per i jab e le cliniche GP che offrono il vaccino la prossima settimana

Un grafico mostra dove si trovano i 50 hub del NHS, i centri speciali per i jab e le cliniche GP che offrono il vaccino la prossima settimana

Un grafico mostra l'ordine di priorità ideale in cui verrà distribuito il vaccino, a partire dai residenti nelle case di cura

Un grafico mostra l’ordine di priorità ideale in cui verrà distribuito il vaccino, a partire dai residenti nelle case di cura

Lo ha detto il manager di Wren Hall Anita Peet Nottingham Post: “Stavamo per essere in prima linea per ottenere il vaccino, ma ora non lo siamo.

«Dobbiamo trasportare tutti al Queen’s Medical Center di Nottingham o agli ospedali della foresta di Sherwood a Mansfield, poi potranno farsi vaccinare o aspettare fino a gennaio o febbraio.

«Non va bene, vero? È davvero frustrante, metà delle volte sembra che il governo stia fornendo informazioni per avere un bell’aspetto e poi ci lascia tutti dentro.

Niente panico se non sei stato contattato per il vaccino contro il coronavirus, dicono i capi della sanità

I capi della sanità hanno detto alle persone con più di 80 anni di non farsi prendere dal panico se non sono state contattate in merito al vaccino contro il coronavirus, poiché è stato rivelato che la maggior parte di loro non riceverà un colpo fino al nuovo anno quando inizierà l’immunizzazione di massa.

Le vaccinazioni verranno somministrate in dozzine di centri ospedalieri da martedì – in quello che è stato soprannominato “ V-Day ” da Matt Hancock – con persone di età pari o superiore a 80 anni, personale delle case di cura e operatori del SSN a rischio più elevato in prima fila.

Chris Hopson, amministratore delegato di NHS Providers, ha detto che le persone devono “appendere il fuoco” e avere la certezza di non essere state dimenticate, nonostante non abbiano ricevuto una lettera o una telefonata sul vaccino.

Ha detto all’agenzia di stampa PA: “ Non credo che la gente dovrebbe aspettarsi nulla nei prossimi giorni perché la realtà è, come ho detto, che per la vasta, vasta, vasta maggioranza delle persone questo sarà fatto a gennaio, febbraio , Marzo.

“E l’unica cosa per cui non vogliamo che le persone si preoccupino o si preoccupino è” Dov’è la mia lettera? ” in dicembre.’ Ha aggiunto: ‘Le persone non dovrebbero davvero preoccuparsi se hanno più di 80 anni e non hanno ricevuto una lettera.

‘Sono sicuro che nelle prossime settimane ci saranno comunicazioni che diranno alle persone quanto velocemente stiamo superando gli ultraottantenni e ci saranno molte comunicazioni da dire, al punto giusto, se non hai avuto una lettera poi dovresti parlare con il tuo medico di famiglia, ma mancano molte settimane a questo.

‘Quindi, come ho detto, le persone devono solo appendere il fuoco e aspettare una comunicazione proattiva.

‘Se ciò non è accaduto, non preoccuparti, non ti abbiamo dimenticato e ti diremo sicuramente al punto in cui dovrai iniziare a preoccuparti se non sei stato contattato, ma saranno molti , molte settimane di distanza.

‘Non c’è modo che possiamo portarli tutti lì. Sarà una sfida. Pensavamo davvero di riceverlo prima di Natale, ma non sembra essere il caso ”.

I capi sanitari ritengono che a dicembre sarà disponibile solo una quantità “limitata” di vaccini per il Nottinghamshire.

Il dottor Andrew Haynes, direttore medico per l’Integrated Care System di Nottingham, ha dichiarato: “Il vaccino è stato approvato ma non lo abbiamo consegnato e disponibile. La logistica su questo è in corso e verrà risolta.

“ La fornitura di vaccini determinerà il volume di consegna, quindi è probabile che nelle prossime settimane avremo una fornitura limitata disponibile, ma sappiamo che ci sono altri due vaccini che stanno attraversando il processo di approvazione e prevediamo che nel nuovo anno ci saranno altri vaccini disponibili .

“Abbiamo in programma di fornire 80.000 vaccini alla settimana una volta che questo programma sarà completamente avviato, stabilito e funzionante.

“È importante capire che questo non è un programma in cui è possibile intervenire e ottenere un vaccino. Le persone saranno chiamate avanti in coorti. Ti verrà data una notifica. “

Un programma di vaccinazione di massa che tratta gli over 80, i lavoratori delle case di cura e il personale del NHS ad alto rischio inizierà domani mattina presso 50 hub del NHS, centri speciali di jab e cliniche di medicina generale in tutto il Regno Unito.

Le dosi iniziali del vaccino – che la scorsa settimana hanno ricevuto il via libera dalla Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA) – vengono considerate prioritarie per le persone più a rischio.

È probabile che i pazienti anziani, di età superiore agli 80 anni, che frequentano l’ospedale per altri appuntamenti siano i primi in fila per il colpo, seguiti dalla casa di cura e dal personale del NHS.

Il Regno Unito ha ordinato 40 milioni di dosi, sufficienti per vaccinare 20 milioni di persone, e si aspettava fino a dieci milioni di dosi entro la fine dell’anno.

Agli ambulatori medici in Inghilterra è stato detto di iniziare a fornire personale ai centri di vaccinazione COVID-19 entro il 14 dicembre.

I timori che le persone avrebbero perso la prima ondata di vaccinazioni a causa della scarsità di rifornimenti sono stati sollevati la scorsa settimana dopo che il governo ha annunciato che solo 800.000 dosi del colpo Pfizer erano state inviate nel Regno Unito.

Ma i capi del NHS hanno cercato di annullare le preoccupazioni ieri, con Saffron Cordery, il vice CEO di NHS Providers, assicurando al pubblico che il paese si aspettava “fino a quattro milioni di dosi” entro la fine di dicembre.

Domenica ha detto a Sky’s Sophy Ridge: ‘Sappiamo che il primo lotto di 800.000 sta arrivando nel paese ora. Sappiamo che molti dei 50 hub ospedalieri su e giù per il paese hanno già ricevuto la loro assegnazione e oggi se ne aspettano altri, quindi sappiamo che quella spedizione è qui.

‘Ci aspettiamo che pochi milioni, quindi fino a quattro milioni di dosi, saranno con noi entro la fine di dicembre. Quindi quella spedizione e quella distribuzione sono davvero sulla buona strada ora. ‘

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.