Dicembre 29, 2020 0

Coronavirus: Il vaccino contro il coronavirus di Oxford sarà approvato ‘poco dopo Natale’

Coronavirus: Il vaccino contro il coronavirus di Oxford sarà approvato ‘poco dopo Natale’

Le vaccinazioni contro il coronavirus sono iniziate nelle case di cura nel Regno Unito, ha confermato oggi Matt Hancock.

I residenti delle case di cura sono in cima alla lista delle priorità per i vaccini perché sono così a rischio di Covid-19, ma i problemi logistici hanno fatto sì che i colpi non potessero essere portati nelle case all’inizio del lancio.

Il Segretario alla Salute ha detto questo pomeriggio di essere “lieto” che questo sia ora possibile e che venga fatto nel Regno Unito.

Non sono ancora stati rilasciati dettagli su dove siano le case di cura o quanti residenti siano stati vaccinati, ma il NHS ha rivelato di aver lanciato dei jab al Royal Hospital Chelsea di Londra, casa dei Chelsea Pensioners.

I veterani del D-Day erano tra i 300 a casa a cui è stato offerto il vaccino.

Il soldato della seconda guerra mondiale Bob Sullivan, 98 anni, ha dichiarato: “ Vaccinarsi oggi contro il coronavirus è il miglior regalo di Natale anticipato che potremmo sperare e grazie al nostro team di infermieri qui e al personale del SSN come Pippa avremo una vera primavera nel nostro passo come noi vai nel nostro Natale bloccato.

Viene quando Sir John Bell, professore di medicina dell’Università di Oxford e consigliere dei ministri del governo, ha affermato oggi che il colpo fatto da Oxford e AstraZeneca potrebbe essere approvato “poco dopo” Natale.

Sir John ha detto che si aspetta che i dati degli studi clinici in corso “siano migliori che mai” e che il vaccino ottenga il via libera dai regolatori britannici.

Se è approvato, il jab – che può, utilmente, essere conservato in un normale frigorifero – potrebbe iniziare a essere lanciato pochi giorni dopo.

Più di mezzo milione di persone nel Regno Unito sono già state vaccinate contro il Covid-19, secondo il premier Boris Johnson, e il programma sta rapidamente guadagnando velocità in vista del nuovo anno.

Ci sono già più di quattro milioni di dosi del vaccino di Oxford in attesa, quindi il programma di vaccinazione potrebbe esplodere se avrà il via libera.

Bob Sullivan, un veterano del D-Day di 98 anni, è stato uno dei primi pensionati del Chelsea ad essere vaccinato oggi contro il coronavirus

Il Royal Hospital Chelsea, una casa di fama mondiale per i soldati in pensione dell'esercito britannico a Londra, è stata una delle prime case di cura nel paese a ricevere colpi Covid

Il Royal Hospital Chelsea, una casa di fama mondiale per i soldati in pensione dell’esercito britannico a Londra, è stata una delle prime case di cura nel paese a ricevere colpi Covid

Il segretario alla salute Matt Hancock ha detto questo pomeriggio di essere `` felice '' che i vaccini vengano ora distribuiti nelle case di cura nel Regno Unito

Il segretario alla sanità Matt Hancock ha detto questo pomeriggio di essere “ felice ” che i vaccini vengano ora distribuiti nelle case di cura nel Regno Unito

TONY BLAIR CHIEDE CHE A BRITONS VENGA SOLO UNA DOSE DEL VACCINO COVID

Tony Blair ha chiesto alla Gran Bretagna di abolire la sua attuale strategia di vaccinazione contro il coronavirus e di somministrare “a quante più persone possibile” una singola dose di jab per frenare la diffusione del ceppo mutante che corre attraverso il Regno Unito.

L’ex primo ministro ha detto oggi che l’attuale piano di vaccinazione a due dosi, che privilegia le persone anziane e vulnerabili, “deve essere modificato e radicalmente accelerato” di fronte alla variante altamente contagiosa.

Attualmente l’unico vaccino Covid approvato per l’uso nel Regno Unito è Pfizer / BioNTechs, ma quello prodotto dall’Università di Oxford dovrebbe ottenere il via libera nelle prossime settimane: entrambi devono essere somministrati tramite due iniezioni a tre settimane di distanza.

L’autorità di regolamentazione medica britannica ha stabilito che il vaccino della Pfizer può bloccare il Covid una settimana dopo la seconda dose, ma il “regolatore dei farmaci degli Stati Uniti ha scoperto che ha fornito” una forte protezione “a circa la metà dei pazienti 10 giorni dopo la prima.

Tuttavia, il metodo monodose non è stato definitivamente messo alla prova, quindi gli scienziati possono solo dedurre dai dati di prova che l’iniezione iniziale sarebbe sufficiente.

Blair, che non ha credenziali scientifiche o mediche, ritiene che fornire al doppio delle persone una piccola quantità di protezione contro Covid sarebbe meglio ridurre la trasmissione piuttosto che immunizzare pochi gruppi selezionati.

Al momento l’elenco delle priorità per i vaccini Covid si basa sulla vulnerabilità delle persone a morire a causa della malattia.

Ma Blair ha detto che anche gli studenti e altri diffusori asintomatici della malattia che stanno alimentando l’ondata invernale dovrebbero avere la priorità per fermare la trasmissione nelle sue tracce.

Ci sono stati problemi significativi nel distribuire il jab Pfizer alle case di cura quando è iniziato il programma di vaccinazione, perché doveva essere conservato a 70 ° C, molto più freddo di un congelatore domestico.

C’erano anche preoccupazioni sul fatto che potesse essere trasportato in furgoni una volta scongelato, cosa che sarebbe stato necessario per portarlo nelle case di cura.

Ma l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) ha approvato il loro trasporto alle case di cura, affermando che non appena le fiale vengono scongelate il personale ha 12 ore per imballarle, etichettarle e trasportarle.

Intervenendo in una conferenza stampa questo pomeriggio, Hancock ha dichiarato: “ Il vaccino è la nostra via per uscire da tutto questo e, per quanto duri questo Natale e questo inverno saranno, sappiamo che la forza di trasformazione della scienza sta aiutando a trovare una via attraverso.

‘Sono lieto di poterti dire che il vaccino Oxford / AstraZeneca sviluppato qui nel Regno Unito ha presentato il suo pacchetto completo di dati all’MHRA per l’approvazione.

“Questo è il passo successivo verso una decisione sulla distribuzione del vaccino, che è già in fase di produzione, anche qui nel Regno Unito.

‘Stiamo, ovviamente, continuando a distribuire il vaccino Pfizer / BioNTech che viene ora consegnato da oltre 500 siti in tutto il Regno Unito e ne stiamo aggiungendo sempre di più e accelerando il lancio.

‘Sono anche lieto di poter annunciare che abbiamo iniziato la vaccinazione nelle case di cura.

‘Sappiamo che le persone che vivono in case di cura sono più vulnerabili a questa malattia e sono lieto che siamo in grado di farlo.

“Ancora una volta si tratta di un’altra enorme sfida logistica e sono molto, molto grato ai colleghi del NHS e del settore dell’assistenza sociale che hanno lavorato insieme così duramente per far sì che ciò accada”.

Mentre una decisione sul vaccino di Oxford si profila, si pensa che l’MHRA stia valutando se somministrare il jab alle persone in due dosi, come era originariamente previsto, o se somministrare loro 1,5 dopo che una piccola parte del processo ha scoperto che sembrava lavorare meglio in questo modo.

I capi di AstraZeneca affermano di ritenere che entrambe le opzioni di dosaggio – la differenza è del 62% efficace o del 90% – sia abbastanza buona da usare e ridurrebbe le morti.

Sir John ha detto questa mattina al programma Today di BBC Radio 4 che si aspetta l’approvazione dell’MHRA “molto presto”.

Ha detto: “Hanno ottenuto i dati molto tempo fa, ma quella era la prima serie di dati. Ricevono più set di dati.

‘Quindi ora stiamo arrivando alla prima serata, mi aspetto qualche notizia abbastanza a breve. Dubito che faremo il Natale ora, ma subito dopo Natale me lo aspetto.

“Non ho alcuna preoccupazione che i dati siano migliori che mai.”

Il professor Sir John Bell, professore di medicina a Oxford, ha detto oggi che si aspetta che il vaccino contro il coronavirus dell'università possa essere approvato 'poco dopo' Natale

Il professor Sir John Bell, professore di medicina a Oxford, ha detto oggi che si aspetta che il vaccino contro il coronavirus dell’università possa essere approvato ‘poco dopo’ Natale

Il colpo di Oxford e AstraZeneca potrebbe ora essere l’ultima speranza del Regno Unito di revocare le regole di blocco prima della primavera del 2021 perché il paese non può ricevere dosi sufficienti di Pfizer o Moderna – che non arriveranno fino a marzo – per proteggere tutte le persone vulnerabili.

Il regolatore dei farmaci MHRA sta facendo la sua revisione finale del vaccino ormai da tre settimane, dal 27 novembre, con una decisione prevista per martedì prossimo.

Scienziati e politici chiedono che venga approvato il prima possibile in modo che possa essere affrettato a fermare la devastante epidemia.

La Gran Bretagna ha ordinato 40 milioni di dosi del vaccino della Pfizer, di cui circa 500.000 già distribuite e altre in arrivo, e sette milioni del colpo fatto da Moderna.

Il governo degli Stati Uniti ha un accordo esclusivo per il colpo di Moderna, il che significa che il Regno Unito non può procurarsene fino a marzo 2021 – per questo motivo l’MHRA non ha ancora iniziato ad analizzarlo, quindi i suoi sforzi possono essere concentrati su Oxford.

Sono passati ormai 23 giorni da quando all’MHRA è stato ufficialmente comunicato di decidere se approvare il vaccino di Oxford.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.