Dicembre 29, 2020 0

Coronavirus: Il coronavirus può colpire il cervello perché la sua proteina “spike” è in grado di attraversare la barriera sanguigna

Coronavirus: Il coronavirus può colpire il cervello perché la sua proteina “spike” è in grado di attraversare la barriera sanguigna

Covid-19 potrebbe essere in grado di infettare il cervello perché trasporta una proteina in grado di attraversare la barriera nella parte superiore del midollo spinale, suggerisce uno studio.

I ricercatori dell’Università di Washington hanno scoperto che la proteina spike del virus, che utilizza per attaccarsi alle cellule umane, può attraversare la barriera emato-encefalica nei topi, portando con sé il virus.

Credono che lo stesso processo possa accadere nelle persone, il che potrebbe spiegare alcuni dei sintomi più insoliti del coronavirus, come mal di testa, nebbia cerebrale e persino convulsioni.

Quando una persona viene infettata da Covid-19, il suo sistema immunitario prende di mira e attacca le proteine ​​spike, che possono causare infiammazioni perché a volte i tessuti sani vengono danneggiati nel processo.

Il Covid-19 normalmente colpisce i polmoni e le vie respiratorie, motivo per cui i sintomi più comuni sono la tosse e la mancanza di respiro e perché molti pazienti in condizioni critiche necessitano di ventilazione meccanica.

Tuttavia, i ricercatori di Washington ritengono che le proteine ​​spike stiano anche penetrando nel cervello in alcuni pazienti e causando infiammazione. Hanno avvertito che il danno neurologico “potrebbe durare per molto tempo”.

Questo non sarebbe un fenomeno unico, poiché molti pazienti affetti da HIV soffrono di problemi cognitivi simili a causa di una proteina rilasciata da quel virus.

Covid-19 può causare problemi neurologici a lungo termine perché trasporta una proteina in grado di entrare nel cervello, suggerisce uno studio

I ricercatori dell'Università di Washington hanno scoperto che le proteine ​​del virus, che utilizza per attaccarsi alle cellule umane, possono attraversare la barriera emato-encefalica nei topi

I ricercatori dell’Università di Washington hanno scoperto che le proteine ​​del virus, che utilizza per attaccarsi alle cellule umane, possono attraversare la barriera emato-encefalica nei topi

La barriera emato-encefalica è uno strato compatto di cellule che rivestono i vasi sanguigni nel cervello e nel midollo spinale.

Si suppone che agisca come un filtro tra l’organo e il resto del corpo, consentendo solo il passaggio di nutrienti essenziali e tenendo fuori tossine e agenti patogeni.

Covid-19 può causare PARALISI nei bambini in rari casi perché il coronavirus può infettare il midollo spinale, rileva lo studio

L’infezione da coronavirus può causare paralisi nei bambini in casi molto rari, rivela uno studio.

I ricercatori dell’Università di Manchester hanno esaminato i sintomi neurologici in 38 casi insoliti di Covid-19 nei minori di 18 anni.

È stato precedentemente scoperto che SARS-CoV-2 causa problemi neurologici in pazienti adulti, con delirio e ictus tra i problemi segnalati.

Ma c’è stata pochissima ricerca scientifica sulle implicazioni neurologiche del Covid-19 nei bambini.

Nello studio specialistico sono stati valutati un totale di 38 bambini risultati positivi all’infezione che erano stati ricoverati in ospedale in otto paesi.

I casi sono stati individuati dopo che l’American Society of Pediatric Neuroradiology ha lanciato un appello globale per casi di Covid insoliti nei bambini.

Tredici provenivano dalla Francia, otto dal Regno Unito, cinque dagli Stati Uniti, quattro dal Brasile, quattro dall’Argentina, due dall’India, uno dal Perù e uno dall’Arabia Saudita.

Tutti avevano scansioni MRI dopo aver sviluppato sintomi di qualche forma, che vanno da una febbre standard a problemi di movimento delle estremità e ridotta funzione cognitiva.

Otto dei bambini non avevano sintomi respiratori come mancanza di respiro o tosse, come è tipicamente associato al Covid-19.

Quattro bambini nello studio sono morti dopo aver contratto un’altra infezione, come TB e MRSA, dopo che Covid-19 li aveva resi più suscettibili.

E due dei giovani nello studio sono rimasti paralizzati dopo che il virus ha raggiunto il midollo spinale e ha causato infiammazione.

Il ricercatore capo William Banks, professore di medicina all’università, ha detto che le somiglianze tra HIV e Covid nel cervello “erano come un déjà vu”.

Ha aggiunto: ‘L’S1 [spike] le proteine ​​probabilmente inducono il cervello a rilasciare citochine e prodotti infiammatori.

Sappiamo che quando si ha l’infezione da COVID si hanno difficoltà a respirare e questo perché c’è un’infezione nel polmone, ma un’ulteriore spiegazione è che il virus entra nei centri respiratori del cervello e causa problemi anche lì.

‘Non vuoi scherzare con questo virus. Molti degli effetti che il virus Covid ha potrebbero essere accentuati o perpetuati o addirittura causati dal virus che entra nel cervello e quegli effetti potrebbero durare per un tempo molto lungo. “

Lo studio, pubblicato su Nature Neuroscience, potrebbe spiegare perché così tanti pazienti, anche con una malattia lieve, riferiscono di sentirsi stanchi mesi dopo aver eliminato l’infezione.

La ricerca del professor Banks e del suo team si è concentrata sulla barriera emato-encefalica e sul suo ruolo nella malattia di Alzheimer, obesità, diabete e HIV.

Ma ad aprile hanno concentrato tutti i loro sforzi sullo studio della proteina del coronavirus.

Una leggera infiammazione può verificarsi quando il corpo combatte qualsiasi infezione virale, incluso Covid-19.

Ma in alcune persone, in particolare gli anziani e quelli con condizioni di salute sottostanti, il loro sistema immunitario va in tilt mentre cerca di eliminare il Covid-19 nel corpo.

Conosciuta come una “tempesta di citochine”, la complicazione mortale vede le molecole immunitarie iniziare ad attaccare anche i tessuti sani.

Si ritiene che la tempesta di citochine sia una delle cause più comuni di mortalità nella pandemia Covid-19, che infligge danni a cuore, fegato e reni.

Anche la coagulazione del sangue anormale, che causa infarto e ictus, è stata evidenziata come causa significativa di morte nei pazienti con Covid-19.

Non esiste una cifra chiara per la percentuale di pazienti ospedalizzati che sperimentano la tempesta di citochine.

Gli esperti hanno avvertito di gravi problemi neurologici che comportano danni permanenti al cervello e ai nervi causati da Covid dalla tarda primavera.

Durante l’estate è stata creata un’alleanza in tutto il Regno Unito per monitorare questi casi: CoroNerve, il National Surveillance Program for Neurological Complications of Covid-19.

Coinvolge sia l’Associazione dei neurologi britannici che il Royal College of Psychiatrists.

I ricercatori stanno ancora cercando di capire cosa stia causando la “lunga Covid”, i termini generali dati a una vasta gamma di sintomi che persistono mesi dopo che la malattia originale si è risolta.

L’Office for National Statistics afferma che un sopravvissuto a Covid su cinque soffre di sintomi persistenti dopo cinque settimane di eliminazione dell’infezione iniziale, con i più comuni affaticamento, tosse persistente e mal di testa.

I ricercatori ritengono che questi sintomi siano i “ postumi ” del coronavirus, dovuti ai danni causati agli organi, incluso il cervello, nonché ai sistemi immunitario e nervoso.

I medici l’hanno paragonata alla sindrome post-polio, una condizione poco conosciuta che può svilupparsi più di un decennio dopo l’infezione iniziale.

I funzionari rimangono all’oscuro di quante persone abbiano attualmente Covid da tempo, ma gli attivisti dicono che potrebbero essere fino a 500.000 nel Regno Unito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.