Ottobre 23, 2020 0

Coronavirus: I problemi di salute mentale dei bambini sono aumentati del 50% durante la pandemia di coronavirus, mostra un nuovo rapporto

Coronavirus: I problemi di salute mentale dei bambini sono aumentati del 50% durante la pandemia di coronavirus, mostra un nuovo rapporto

La percentuale di bambini con problemi di salute mentale è del 50% superiore rispetto a prima della pandemia, uno studio del NHS ha rivelato ieri.

È emerso che un bambino su sei ora aveva una condizione come ansia, depressione o solitudine.

Gli esperti hanno affermato che le cifre erano “ profondamente angoscianti ” e hanno incolpato la chiusura delle scuole e le preoccupazioni sul Covid-19.

Le giovani donne sono le più colpite, con un quarto delle persone di età compresa tra 17 e 22 anni identificate come affette da un “probabile disturbo mentale”.

La percentuale di bambini con problemi di salute mentale è del 50% superiore rispetto a prima della pandemia, uno studio del NHS ha rivelato ieri. È emerso che un bambino su sei ora aveva una condizione come ansia, depressione o solitudine

Uno studio del NHS ha rivelato che un bambino su sei ora aveva una condizione come ansia, depressione o solitudine (immagine usata)

Uno studio del NHS ha rivelato che un bambino su sei ora aveva una condizione come ansia, depressione o solitudine (immagine utilizzata)

Il sondaggio sulla salute mentale dei bambini e dei giovani in Inghilterra, pubblicato da NHS Digital, è stato condotto a luglio. Si basa su interviste a 3.570 bambini e ai loro genitori.

Il rapporto ha mostrato un forte aumento dei livelli di problemi di salute mentale rispetto al 2017, l’ultima volta che è stato condotto il sondaggio.

Tre anni fa, un bambino su nove è stato classificato come probabilmente affetto da un disturbo mentale. Ma quella cifra è ora una su sei.

L’autore principale Tamsin Ford, professore di psichiatria infantile e dell’adolescenza a Cambridge, ha affermato che il “significativo deterioramento della salute mentale dei bambini” potrebbe essere collegato al blocco.

Ha aggiunto: ‘Sappiamo che la solitudine è molto tossica e l’isolamento sociale è molto tossico per la salute mentale.

Studente morto era stressato per Covid

Finn Kitson, 19 anni, è stato trovato morto nelle residenze universitarie dell’Università di Manchester

Il figlio di un accademico di Cambridge è morto nella sua residenza dopo aver sofferto di “grave ansia” durante la chiusura.

Finn Kitson, 19 anni, è stato trovato morto nel campus di Fallowfield dell’Università di Manchester dopo un picco di casi di Covid-19 tra gli studenti della città.

I funzionari hanno detto che la tragedia dell’8 ottobre non era correlata al virus, ma suo padre, Michael Kitson, ha detto che non era vero.

L’economista di Cambridge ha aggiunto: “Se rinchiudi giovani con scarso sostegno, dovresti aspettarti che soffrano di una grave ansia”.

Il sig. Kitson ha anche espresso la sua preoccupazione “per tutti i giovani che stanno soffrendo così tanto in questo momento”.

La madre di Finn, Jane Denney, ha detto: ‘Il nostro bellissimo, brillante e adorabile figlio Finn è morto. Siamo devastati oltre ogni immaginazione. ‘

“La quantità di cambiamento che bambini e genitori hanno riportato nel sondaggio e le nostre esperienze della pandemia suggerirebbero fortemente che i cambiamenti devono essere correlati a questo.

‘Se pensi a un insegnante con 30 bambini nella loro classe, sono passati da tre bambini della loro classe con difficoltà a cinque bambini della loro classe.

‘La maggior parte dei bambini ci ha detto che ritengono che il blocco abbia peggiorato le loro vite. Questo ovviamente è coinciso con il periodo in cui le scuole sono state chiuse ”.

Quattro bambini su dieci hanno affermato che il blocco ha peggiorato le loro vite, con circa il 15% che ha affermato che era “molto peggio”.

Un altro 37% dei bambini di età compresa tra i cinque ei 16 anni si preoccupava se amici e familiari avrebbero preso il Covid-19, mentre quasi un terzo aveva problemi a dormire.

La dott.ssa Bernadka Dubicka, presidente della facoltà per l’infanzia e l’adolescenza presso il Royal College of Psychiatrists, ha dichiarato: “ È profondamente angosciante vedere un aumento così netto del numero di giovani che vivono con una malattia mentale, tanto più come il blocco e la povertà molte delle loro vite peggiorano notevolmente.

I servizi stavano già lottando per far fronte alla domanda prima del Covid-19, ma l’accesso è stato anche peggiore da quando è iniziato il blocco.

“Ora stiamo vedendo più pazienti che necessitano di cure di emergenza o urgenti perché si sono ammalati in attesa di essere visti”.

Il professor Prathiba Chitsabesan, direttore clinico nazionale associato dell’NHS England per la salute mentale dei bambini e dei giovani, ha detto che molti giovani sperimentavano ansia, tristezza e solitudine a causa della pandemia.

Ha aggiunto: “Semplici passaggi come dormire a sufficienza, parlare con amici o familiari e assicurarsi che tuo figlio abbia una routine semplice possono fare un’enorme differenza positiva.

“ E il NHS, i servizi per l’infanzia, le scuole, i college e il settore del volontariato stanno lavorando insieme per fornire una gamma di supporto tra cui linee di supporto per le crisi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, appuntamenti faccia a faccia, telefonici o digitali e supporto nelle scuole in modo da identificare aiuto offerto prima. “

Anne Longfield, Commissaria per l’Infanzia per l’Inghilterra, ha detto che le cifre sono allarmanti.

“Dovrebbe scuotere il governo affinché agisca immediatamente per affrontare una crescente epidemia”, ha affermato. Anche se negli ultimi anni ci sono stati alcuni miglioramenti positivi nei servizi di salute mentale dei bambini, chiaramente l’entità del problema sta peggiorando e ciò che è stato promesso non è sufficiente.

‘Il NHS dovrà migliorare radicalmente i suoi piani per la salute mentale dei bambini solo per rispettare gli impegni esistenti.

“Ogni scuola ha bisogno come minimo di un consulente finanziato dal NHS e abbiamo bisogno di un servizio di salute mentale per bambini adeguatamente finanziato, senza lotteria con codice postale”.

Richard Crellin, della Children’s Society, ha dichiarato: “Questo deve essere un campanello d’allarme per il governo sulla gravità della situazione e sulla necessità di ulteriori azioni urgenti per sostenere i bambini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.