Ottobre 14, 2020 0

Coronavirus: I casi di coronavirus in Gran Bretagna aumentano del 40% in una settimana con 19.724 infezioni in più

Coronavirus: I casi di coronavirus in Gran Bretagna aumentano del 40% in una settimana con 19.724 infezioni in più

I casi quotidiani britannici di Covid-19 sono aumentati del 40% in una settimana, poiché oggi i funzionari sanitari hanno annunciato 19.724 ulteriori infezioni e 137 nuovi decessi.

I dati del Dipartimento della Salute mostrano 14.162 casi e 70 decessi registrati mercoledì scorso, così come 17.234 casi e un massimo di quattro mesi di 143 morti ieri.

Per fare un confronto, più di 100.000 britannici venivano infettati e almeno 1.000 morivano ogni giorno durante il periodo più buio della prima ondata di marzo e aprile.

Le cifre arrivano mentre Boris Johnson oggi suonava di sfida al suo piano di blocco locale “Tiers”, nonostante gli avvertimenti degli scienziati che fosse il “peggiore di tutti i mondi”. Oggi giravano voci che il Primo Ministro stia seriamente prendendo in considerazione un “interruttore di circuito”.

Ma in brutali scontri ai PMQ, il signor Johnson ha respinto le chiamate di Sir Keir Starmer e SAGE per un “miserabile” interruttore nazionale. Ha insistito sul fatto che il suo lavoro era quello di bilanciare gli interessi economici e più ampi del paese con la scienza.

I leader del Nord oggi hanno appoggiato le richieste di Sir Keir Starmer per un blocco nazionale “interruttore di circuito” e hanno rifiutato di accettare i piani del Primo Ministro per le restrizioni di terzo livello.

Il sindaco di Greater Manchester ei suoi leader del consiglio locale hanno affermato di resistere al livello più alto “fondamentalmente imperfetto” di restrizioni locali senza ulteriori aiuti finanziari, aggiungendosi alle richieste fatte anche dal leader laburista per nuove misure nazionali.

E i ministri gallesi hanno affrontato la rabbia oggi dopo aver svelato uno straordinario tentativo di vietare alle persone dagli hotspot del coronavirus di entrare nel paese. Il primo ministro Mark Drakeford è stato accusato di essere ossessionato dal “bandire gli inglesi” dopo aver annunciato la mossa dicendo che le persone erano “ansiose e timorose” per l’importazione di infezioni.

In altri sviluppi del coronavirus oggi:

  • L’Irlanda del Nord chiuderà i suoi pub per un mese a partire da venerdì e chiuderà le scuole per due settimane a partire dalla prossima settimana in caso di blocco dell’interruttore, ha annunciato il primo ministro Arlene Foster;
  • Il leader del Lancashire County Council ha affermato che è “inevitabile” che l’area verrà presto aggiornata alle restrizioni di livello tre per il coronavirus;
  • Ben 12 distretti londinesi hanno superato la soglia di infezione di 100 casi ogni 100.000 persone, poiché Sadiq Khan avverte che le restrizioni di livello 2 per la capitale sono “inevitabili”;
  • I funzionari sanitari di Liverpool si aspettano di vedere il numero di pazienti con Covid-19 negli ospedali della città superare i livelli del primo picco nei prossimi 7-10 giorni;
  • L’ospedale reale di Liverpool non ha più letti disponibili nella sua unità di terapia intensiva, secondo il sindaco di Liverpool Joe Anderson, e un medico anziano avverte che 58 dei 60 letti sono pieni;
  • Nicola Sturgeon ha esortato gli scozzesi a non recarsi a Blackpool dicendo che 180 infezioni recenti a nord del confine erano state collegate alla città;
  • Le morti totali per coronavirus nel Regno Unito sono salite a 43.155 oggi, mentre il numero di casi diagnosticati dall’inizio dell’epidemia a marzo ha raggiunto 654.644.

I grafici del documento mostrano quale effetto avrebbero i diversi interruttori automatici su decessi, ricoveri e infezioni.  Il giallo rappresenta la forma più rigida di interruttore di circuito, mentre la linea nera tratteggiata mostra cosa accadrebbe se non fossero state attuate misure

I grafici del documento mostrano quale effetto avrebbero i diversi interruttori di circuito su morti, ricoveri e infezioni. Il giallo rappresenta la forma più rigida di interruttore di circuito, mentre la linea nera tratteggiata mostra cosa accadrebbe se non fossero in atto misure

Il Galles dice che ESCLUDERÀ le persone dagli hotspot Covid in Inghilterra

I ministri gallesi hanno affrontato la rabbia oggi dopo aver svelato uno straordinario tentativo di vietare alle persone dagli hotspot del coronavirus di entrare nel paese.

Il primo ministro Mark Drakeford è stato accusato di essere ossessionato dal “bandire gli inglesi” dopo aver annunciato la mossa dicendo che le persone erano “ansiose e timorose” per l’importazione di infezioni.

Ha attribuito la colpa dell’azione direttamente a Boris Johnson, dicendo che il primo ministro aveva ignorato due lettere che chiedevano di introdurre restrizioni di viaggio nelle aree dell’Inghilterra con tassi elevati di casi.

Ma ci sono state domande immediate su come la misura, che dovrebbe entrare dalle 18 di venerdì, possa essere applicata.

I commissari di polizia in Galles hanno suggerito di poter istituire blocchi stradali e seguire i suggerimenti del pubblico.

Ma hanno ammesso che non c’è la capacità di “allineare il confine con le auto di pattuglia”.

Il membro conservatore del parlamento gallese Andrew RT Davies ha dichiarato: “La malsana ossessione del governo gallese per le restrizioni di viaggio e il” divieto degli inglesi “è in contrasto con tutte le prove.

“Il consiglio di SAGE del mese scorso ha affermato che una tale mossa avrebbe un” basso impatto “e sarebbe” complicata “da applicare”.

Le drastiche restrizioni arrivano dopo che Nicola Sturgeon ha suggerito che anche lei sta prendendo in considerazione un divieto e ha avvertito gli scozzesi di non recarsi a Blackpool perché 180 casi a nord del confine erano stati recentemente collegati alla città di mare.

In Galles, ci sono 17 aree soggette a blocchi locali più elevati, che includono regole contro l’ingresso o l’uscita dall’area senza una scusa ragionevole come il lavoro o l’istruzione.

Tuttavia, attualmente le persone che vivono negli hotspot Covid-19 in altre parti del Regno Unito sono libere di entrare nelle aree del Galles non soggette a restrizioni in cui i livelli del virus sono bassi.

In aspri scontri attraverso la casella di spedizione nei PMQ Sir Keir ha sottolineato che il signor Johnson aveva promesso a maggio che il suo approccio sarebbe stato “governato interamente dalla scienza”, ma i documenti SAGE hanno rivelato che avevano chiesto un “interruttore di circuito” nazionale per settimane.

Fece scorrere: “Perché il Primo Ministro ha rifiutato quel consiglio e ha abbandonato la scienza?”

Ma il signor Johnson ha ribattuto: “ Dato che cita il consiglio di SAGE, potrei solo ricordargli che a pagina uno si dice che tutti gli interventi considerati hanno costi associati in termini di salute e benessere e che i responsabili politici dovranno prendere in considerazione annunci e impatti economici e danni associati insieme a questa valutazione epidemiologica. “

Il premier ha proseguito: “Vuole chiudere i pub, vuole chiudere i bar, vuole chiudere le attività nelle zone del Paese dove l’incidenza è bassa”.

Il signor Johnson ha accusato Sir Keir di “opportunismo” e lo ha esortato a incoraggiare i leader locali laburisti nel nord a firmare per i marciapiedi più duri. Ha detto che la sua strategia su più livelli era il modo per “evitare la miseria di un altro blocco nazionale”.

Tuttavia, poiché i colpi sono diventati personali, Sir Keir ha detto: “ So che per qualcuno che è stato un opportunista per tutta la vita questo è difficile da capire, ma dopo aver letto e considerato il consiglio di Sage ho concluso sinceramente che un’interruzione del circuito è nell’interesse nazionale. “

Con l’entrata in vigore del sistema di livello di allarme Covid a tre livelli in tutta l’Inghilterra, la regione della città di Liverpool è attualmente l’unica area nella fascia più alta. Tuttavia, il gruppo “Gold Command” del governo dovrebbe discutere oggi se la Greater Manchester e il Lancashire debbano essere intensificate.

Il signor Burnham e i leader locali hanno effettivamente dichiarato guerra questa mattina respingendo l’idea di passare al Livello Tre come “fondamentalmente imperfetto” e “inaccettabile”, lasciando potenzialmente il Primo Ministro a dover decidere se forzare la questione.

Le relazioni con la comunità scientifica – e soprattutto con i consiglieri principali Chris Whitty e Patrick Vallance – sembrano essersi deteriorate drasticamente quando le divisioni si svolgono in pubblico.

In un brutale thread su Twitter durante la notte, il direttore del Wellcome Trust, il professor Jeremy Farrar, ha avvertito che il governo avrebbe rischiato di danneggiare l’economia e avrebbe dovuto agire tre settimane fa per evitare un blocco ancora peggiore in stile marzo.

“Gli ultimi piani del governo sono un tentativo di compromesso tra salute ed economia, ma potrebbero finire per danneggiare entrambi”, ha detto.

“Non abbiamo utilizzato i mesi estivi per mettere in atto un sistema di tracciabilità e isolamento efficace, di supporto e affidabile come sono riusciti a fare altri paesi. Questo avrebbe aiutato a far scendere r. Invece ci siamo diretti verso l’autunno con r troppo alto. Purtroppo stiamo vedendo le conseguenze di questo ora.

“Le nuove misure trasferiscono la responsabilità alle autorità locali, ma come chiarito chiaramente dall’OCM, alla base avranno un effetto minimo o nullo sulla trasmissione. Questo è il peggiore di tutti i mondi, il danno economico di più restrizioni senza il guadagno di una riduzione della trasmissione. ‘

Il professor Farrar ha detto che il momento migliore per agire sarebbe stato tre settimane fa, ma un “interruttore automatico” immediato sarebbe stato d’aiuto. “Se aspettiamo, il governo dovrà inevitabilmente cambiare di nuovo rotta in 4-6 settimane, ma più a lungo lo lasceranno, più severe saranno le restrizioni e più a lungo dovranno essere imposte”, ha avvertito.

Tuttavia, alla domanda questa mattina se nelle prossime due settimane si profilasse un blocco nazionale, la Coffey ha detto a Sky News: “Non credo che sia così”.

Alla domanda su LBC se ci fosse appetito per un interruttore di circuito in tutta l’Inghilterra nel Partito conservatore, ha risposto: “No, non lo faccio”. Ha aggiunto che “non era l’approccio giusto”

“Il motivo è che il Parlamento ha votato solo ieri sera per questo approccio nazionale dei tre livelli con misure locali molto più forti laddove sono necessarie”, ha detto a LBC.

‘E dobbiamo portare le comunità con noi in tutto il paese per avere alcune delle misure nazionali, ma francamente il Partito laburista stava dicendo che 19 aree su 20 in questi blocchi non hanno fatto alcuna differenza, ora vogliono vedere un cittadino confinamento.

‘Non credo che sia l’approccio giusto. In questo momento dobbiamo dare questa possibilità agli interventi localizzati di avere davvero un effetto in modo che insieme possiamo concentrarci sul salvataggio di vite e mezzi di sussistenza “.

Gli scontri arrivano dopo che gli accademici dietro lo studio sorprendente che ha scoperto che il blocco del coronavirus a metà termine potrebbe salvare fino a 100.000 vite entro Capodanno, ammettono che la Gran Bretagna potrebbe aver “ perso la barca ” su un interruttore di circuito.

Il professor Matt Keeling, dello Scientific Pandemic Influenza Group on Modeling, ha ammesso oggi di desiderare di “non aver inserito questi numeri nello studio” perché lo scenario estremo è stato incluso solo “a scopo illustrativo”.

Il professor Keeling ha dichiarato questa mattina al programma della BBC Radio 4 Today: “Vorrei davvero, davvero, non aver messo questi numeri sul giornale perché erano lì a scopo illustrativo.

“ Abbiamo esaminato una serie di scenari diversi, da un tasso di crescita relativamente basso in avanti in cui potremmo ridurre i decessi di un terzo tra oggi e il nuovo anno ad alcuni scenari estremi, che penso siano quelli che sono stati citati nei giornali, che in realtà erano “cosa succede se non facciamo nulla?” tra oggi e il nuovo anno.

La scoperta si basava sul presupposto che tutte le misure di blocco attualmente in vigore sarebbero state revocate, lasciando il virus non controllato da ora fino a gennaio. Il professor Keeling ha osservato nel documento che questo scenario peggiore non sarebbe mai stato consentito senza l’intervento del governo.

Tuttavia, i risultati del documento sono già stati utilizzati come munizioni da coloro che chiedono il mini-blocco, incluso il leader laburista Sir Keir Starmer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.