Novembre 17, 2020 0

Coronavirus: I cani diffondono il coronavirus? Uno studio spagnolo rileva che i proprietari hanno il 78% in più di rischio di prenderlo

Coronavirus:  I cani diffondono il coronavirus?  Uno studio spagnolo rileva che i proprietari hanno il 78% in più di rischio di prenderlo

Gli animali possono catturare Covid-19?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la possibilità che il tuo cane contragga il ceppo Covid-19 è molto bassa.

Il professor James Wood, capo della medicina veterinaria presso l’Università di Cambridge, ha dichiarato: “Nonostante milioni di persone abbiano avuto il Covid-19, il numero di animali domestici che si trovano ad essere malati o infetti è ancora esiguo.

“In parole povere, i nostri cani e gatti possono prendere il Covid-19 da noi, quando vivono con noi, ma lo fanno solo in occasioni molto rare.”

Gli scienziati affermano che gli animali domestici non sembrano ammalarsi molto di Covid-19 e varie organizzazioni di animali domestici e associazioni di beneficenza affermano che non è necessario preoccuparsi.

Il primo cane al mondo a contrarre il coronavirus è morto dopo essere stato dichiarato libero da malattia ed è tornato a casa dal suo proprietario a Hong Kong.

Il proprietario del diciassettenne Pomerania, che aveva anche Covid-19, non ha permesso al cane di essere sottoposto ad autopsia, quindi la causa esatta della morte rimane sconosciuta.

Come vengono infettati gli animali?

È probabile che gli animali prendano il virus nello stesso modo in cui farebbe un essere umano, quando le goccioline respiratorie entrano nel naso o nella bocca degli animali domestici.

Il professor Wood ha detto: ‘I gatti possono essere infettati dalle alte dosi di virus trasmesse dai loro proprietari infetti in alcuni ambienti.

“La dimensione relativa di un gatto rispetto a un essere umano significa che c’è molto meno respiro espirato da un gatto in una casa, rispetto ai volumi di respiro espirato da un paziente umano.

“Inoltre, il comportamento di cura dei gatti significa che hanno maggiori probabilità di contrarre l’infezione da un proprietario che viceversa.”

Quando è stato segnalato che gli animali domestici hanno il virus, hanno segni che indicano una malattia respiratoria.

Downing Street ha detto che il primo gatto infetto in Inghilterra aveva sintomi di un’infezione respiratoria con secrezione nasale e mancanza di respiro.

Gli scienziati hanno dimostrato che gatti, furetti e criceti sono sensibili alla SARS-CoV-2. Ma anatre, polli e maiali non sembrano esserlo.

Il professor William Weir, della School of Veterinary Medicine dell’Università di Glasgow, ha affermato che “il significato di SARS-CoV-2 come patogeno per gatti o cani è sconosciuto”.

Ha aggiunto che non ci sono state segnalazioni di gatti che trasmettono il virus ai cani o viceversa.

Gli esseri umani possono catturare Covid-19 dagli animali?

Non ci sono prove che un essere umano possa contrarre il coronavirus da un animale nello stesso modo in cui lo farebbe da un altro essere umano.

Il Covid-19 si diffonde principalmente attraverso le goccioline prodotte quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla.

Jonathan Ball, professore di virologia molecolare presso l’Università di Nottingham, ha affermato che gli animali domestici producono “livelli molto bassi di virus” rispetto agli esseri umani.

Il professor James Wood, capo del dipartimento di medicina veterinaria dell’Università di Cambridge, ha aggiunto che gli animali domestici espirerebbero molto meno respiro – che potrebbero contenere goccioline di virus all’interno – rispetto agli esseri umani.

In ogni caso in cui un animale domestico è risultato positivo al virus, il proprietario lo ha avuto per primo.

L’OMS afferma: “Sebbene ci sia stato un caso di infezione di un cane a Hong Kong, ad oggi, non ci sono prove che un cane, un gatto o un animale domestico possa trasmettere il Covid-19”.

Il professor Weir ha detto: “Al momento, non ci sono prove che gatti, cani o altri animali domestici abbiano un ruolo nell’epidemiologia delle infezioni umane da SARS-CoV-2”.

Un rapporto ufficiale del miglior veterinario del Regno Unito ha affermato che gli animali domestici possono portare il virus sulla loro pelliccia, che rischia di diffondere la malattia da persona a persona.

Diceva: “Il contatto ravvicinato come coccole, toelettatura, alimentazione e consentire agli animali di condividere il cibo potrebbe consentire il trasferimento del virus”.

Il documento, preparato dal Chief Veterinary Officer del Regno Unito, è stato esaminato il 30 aprile in una riunione del gruppo consultivo scientifico del governo per le emergenze (SAGE).

Il rapporto ha avvertito che il virus potrebbe sopravvivere sulla pelliccia di animali domestici, il che significa che “ esiste un percorso plausibile che l’animale possa agire come una fomite [infectious object] per almeno alcune ore e trasferire il virus ad altri nella famiglia. ‘

Ha aggiunto che i proprietari di animali domestici che hanno sintomi per impedire al loro cane o gatto di entrare in contatto con “esseri umani sensibili”.

Quali precauzioni devo prendere quando si tratta di animali?

Se sei malato di Covid-19, ti consigliamo di limitare il contatto con il tuo cane e vedere se altre persone possono prendersi cura di loro.

Il Center for Disease Control and Prevention afferma: “Si raccomanda ancora alle persone malate di Covid-19 di limitare il contatto con gli animali fino a quando non saranno disponibili maggiori informazioni sul virus. Questo può aiutare a garantire che sia tu che i tuoi animali rimangiate in salute.

Come stare al sicuro con il tuo animale domestico:

  • Lavati le mani dopo aver maneggiato animali, cibo, rifiuti o provviste
  • Pratica una buona igiene degli animali domestici e pulisci adeguatamente gli animali domestici
  • Porta regolarmente gli animali dal veterinario e parla con loro se hai domande sulla salute del tuo animale domestico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.