Novembre 17, 2020 0

Coronavirus: Gli Stati Uniti dovrebbero chiudersi di nuovo per fermare il coronavirus?

Coronavirus: Gli Stati Uniti dovrebbero chiudersi di nuovo per fermare il coronavirus?

“The 360” ti mostra diverse prospettive sulle principali storie e dibattiti della giornata.

Cosa sta succedendo

Gli Stati Uniti hanno visto un aumento senza precedenti delle infezioni da coronavirus nelle ultime settimane. La nazione ha impostato un nuovo record per i casi COVID-19 per quattro giorni consecutivi la scorsa settimana, arrivando a 184.000 nuovi casi venerdì. Gli esperti prevedono che la situazione non farà che peggiorare. Il numero di morti quotidiane ha raggiunto livelli che non si vedevano dalla primavera. In risposta, alcuni stati fermato i piani di riapertura o stabilito nuove restrizioni per arginare la diffusione del virus.

La nuova ondata di infezioni rispecchia i picchi osservati di recente in molti paesi europei. Alcune di queste nazioni, tra cui Regno Unito, Francia e Germania, hanno reimposto alcune delle misure di blocco più complete utilizzate durante le prime fasi della pandemia, con promettenti primi risultati.

La gravità dell’epidemia negli Stati Uniti ha sollevato dubbi sul fatto che gli americani possano essere dovuti per un altro round delle rigide restrizioni stabilite a marzo, che hanno aiutato tamponare l’ondata iniziale di infezioni, ma ha avuto gravi conseguenze economiche.

È improbabile che gli Stati Uniti vedano un blocco nazionale come quelli recentemente istituiti in Europa. Il presidente Trump l’ha fatto affermato con enfasi che la sua amministrazione non ne appoggerà uno. Il presidente eletto Joe Biden preferisce un “approccio più sfumato” a un arresto diffuso, ha detto uno dei suoi principali consiglieri sul coronavirus. È possibile, tuttavia, che un numero sufficiente di singoli stati imponga restrizioni che la maggior parte degli americani finisca per vivere sotto una qualche forma di blocco.

Perché c’è dibattito

I sostenitori di un’altra ondata di blocchi ritengono che sia l’unico modo per prevenire una catastrofe per la salute pubblica nel corso dell’inverno. I picchi di numeri dei casi mostrano che il virus si è già diffuso troppo ampiamente perché più passaggi incrementali possano fare una grande differenza, e i trattamenti COVID-19 migliorati non sono di alcuna utilità se gli ospedali sono sopraffatti, sostengono. Alcuni sostengono anche che il danno economico a breve termine di, diciamo, un blocco di sei settimane sarebbe molto inferiore al danno persistente causato dal lasciare il virus senza controllo per mesi, specialmente se il Congresso approvasse un altro pacchetto di soccorso completo.

Gli oppositori di più blocchi dicono che farebbero più male che bene. Milioni di americani non si sono ancora ripresi dal primo round di blocchi. Una seconda ondata di chiusure di aziende e scuole potrebbe significare che non si rialzeranno mai più, sostengono alcuni. Ci sono anche dubbi che le persone seguano nuove regole restrittive. Dall’inizio della pandemia c’è stata una forte, a volte violenta, resistenza alle politiche di mitigazione dei virus negli Stati Uniti. I sondaggi suggeriscono che la disponibilità del pubblico a rispettare gli ordini di soggiorno a casa è diminuita negli ultimi mesi.

Un terzo gruppo chiede una via di mezzo in cui le attività che hanno maggiori probabilità di diffondere il virus vengano chiuse e i luoghi che presentano un rischio minore rimangano aperti. Ristoranti e palestre, ad esempio, sono stati individuati come particolarmente pericolosi. C’è un cauto ottimismo sul fatto che le scuole, d’altro canto, possano essere tenute aperte in modo più sicuro.

Qual è il prossimo

È probabile che i singoli stati continuino a stabilire nuove restrizioni man mano che i numeri dei casi aumentano in tutto il paese. Qualsiasi cambiamento significativo nella risposta federale alla pandemia, come un possibile mandato di maschera nazionale, probabilmente non arriverà fino a quando Biden non entrerà in carica, a gennaio.

Prospettive

Sostenitori

I blocchi sono dannosi, ma non abbiamo opzioni migliori

“I blocchi rimangono un’arma rozza, ma a nove mesi dall’inizio della pandemia, la mossa rimane la migliore che alcune nazioni hanno.” – Adam Taylor, Washington Post

Non riuscire a controllare il virus causerà più danni economici che più blocchi

“L’impatto economico a lungo termine di una pandemia incontrollata impallidisce rispetto ai costi di un blocco temporaneo.” – Emily Sadecki e Dominic Sisti, Penn Live

I blocchi funzionerebbero come parte di una più ampia strategia di contenimento dei virus

“Dobbiamo smetterla di pensare ai blocchi come se fossero fine a se stessi. Un blocco davvero severo – in cui alle persone viene letteralmente ordinato di restare a casa – sospende la trasmissione abbastanza a lungo da consentire il lancio di strumenti reali: test rapidi e accurati, tracciamento rapido dei contatti, isolamento delle persone infette lontano dalle loro famiglie e così via. La Cina l’ha fatto. La Nuova Zelanda l’ha fatto. Ma non abbiamo mai avuto niente di tutto questo qui. Il nostro “blocco nazionale” in primavera era uno scherzo “. – Donald G. McNeil Jr., New York Times

Gran parte della resistenza ai blocchi è il risultato della paura politica

“Alcuni scettici del blocco fanno sembrare che i sostenitori preferiscano il blocco permanente fino all’arrivo di un vaccino, mentre la maggior parte vede il blocco come uno strumento drastico da utilizzare per brevi periodi di tempo – un passaggio di emergenza, come far cadere le barre di controllo in un reattore nucleare sciogliersi. ” – Mark Buchanan, Bloomberg

Avversari

Nuovi blocchi causerebbero più danni che benefici

“I costi di gravi blocchi sono orrendi. Gli Stati Uniti si stanno ancora riprendendo dalla catastrofe primaverile, quando il tasso di disoccupazione è salito in due mesi al 14,7%, il più alto dalla Grande Depressione. Decine di migliaia di aziende chiuse e molte non riapriranno mai. Il costo umano è anche peggiore. ” – Editoriale, giornale di Wall Street

Restrizioni limitate sulle attività più pericolose è la migliore strategia

“Se hai intenzione di intraprendere interventi di salute pubblica, devono essere molto mirati verso attività specifiche che stanno effettivamente portando a diffondersi. Usi un blocco solo quando hai sbagliato la tua risposta così male che è tutto ciò che ti resta da fare “. – Esperto di malattie infettive Dr. Amesh Adalja a CBC

I blocchi non sarebbero necessari se un numero sufficiente di persone indossasse maschere

“Il modo migliore per evitare ulteriori blocchi è mascherarsi.” – Editoriale, Los Angeles Times

È improbabile che il pubblico segua nuove regole restrittive

“Un altro blocco sarebbe un terribile errore. Oltre al danno economico e al disagio che provocherebbe, porterebbe anche un’enorme resistenza. E creerebbe ancora più sfiducia nei consigli pandemici del governo “. – Joe Nocera, Pittsburgh Post-Gazette

C’è spazio per una via di mezzo tra il blocco e la riapertura completa

“La risposta è porre fine ai blocchi adottando misure per proteggere i vulnerabili – aggiungerei, le protezioni dovrebbero essere una priorità, non un ripensamento. Questo è il dolce centro di questo dibattito “. – Debra J. Saunders, Rivista di Las Vegas

C’è un argomento che vorresti vedere trattato in “The 360”? Invia i tuoi suggerimenti a [email protected]

Leggi di più “360”

Illustrazione della foto: Yahoo News; foto: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.