Dicembre 10, 2020 0

Coronavirus: DOD svela il suo piano di distribuzione del vaccino contro il coronavirus: Aggiornamenti per il coronavirus: NPR

Coronavirus: DOD svela il suo piano di distribuzione del vaccino contro il coronavirus: Aggiornamenti per il coronavirus: NPR

Ronald Place, direttore dell’esercito dell’Agenzia sanitaria per la difesa, il 9 dicembre. Il Dipartimento della Difesa prevede di ricevere circa 44.000 dosi di vaccino contro il coronavirus della Pfizer già la prossima settimana.

Drew Angerer / Getty Images


nascondi didascalia

alterna didascalia

Drew Angerer / Getty Images

Ronald Place, direttore dell’esercito dell’Agenzia sanitaria per la difesa, il 9 dicembre. Il Dipartimento della Difesa prevede di ricevere circa 44.000 dosi di vaccino contro il coronavirus della Pfizer già la prossima settimana.

Drew Angerer / Getty Images

Il Dipartimento della Difesa mira a somministrare poco meno di 44.000 dosi di vaccino contro il coronavirus di Pfizer entro 24-48 ore dall’autorizzazione per l’uso di emergenza. I funzionari della Food and Drug Administration degli Stati Uniti hanno detto che prenderanno una decisione subito dopo aver sentito da un comitato consultivo che si riunirà giovedì.

Il vaccino sarà distribuito attraverso 16 installazioni DOD, 13 negli Stati Uniti e tre all’estero. Le strutture selezionate si trovano in California, Florida, Indiana, Maryland, New York, North Carolina, Texas, Virginia e Washington, ha detto in un comunicato il direttore della Defense Health Agency Army, il tenente generale Ronald Place. conferenza stampa mercoledì.

Ogni località è stata selezionata per far parte del programma pilota di controllo del DOD per la distribuzione del vaccino. Le installazioni selezionate hanno popolazioni considerevoli per ricevere il vaccino, ampio personale medico e le capacità di conservazione frigorifera richieste, ha spiegato Place. Gli operatori sanitari e le persone ad alto rischio in questi luoghi verranno vaccinati per primi.

Il vice segretario alla Difesa per gli affari sanitari Thomas McCaffery ha detto che anche alcuni dirigenti senior riceveranno il vaccino “come un modo per contribuire a comunicare la sicurezza e l’efficacia, e sottolineano che stiamo incoraggiando tutto il personale idoneo a prendere il vaccino”.

L’autorizzazione all’uso di emergenza proibirebbe la somministrazione del vaccino a chiunque non voglia prenderlo. Ma i funzionari del DOD sono ottimisti sul fatto che i loro 11 milioni di dipendenti avranno fiducia nella FDA.

“Tutto ciò che facciamo nella vita, ogni farmaco che assumiamo, ogni procedura chirurgica che abbiamo è tutta una questione di rischio”, ha detto Place. “E il rischio di questi vaccini, da quello che sappiamo, è molto inferiore al rischio del processo reale della malattia”.

Se la FDA autorizza il vaccino Pfizer per uso di emergenza, l’attenzione si rivolge ai Centers for Disease Control and Prevention. Lì, il comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione esaminerà il vaccino e poi deciderà chi riceve il vaccino per primo e come.

“Non appena la FDA rilascia un’autorizzazione all’uso di emergenza, l’assegnazione del DOD sarà pre-posizionata nelle nostre posizioni iniziali”, ha detto McCaffery. “Ci aspettiamo di avere colpi di arma da fuoco del personale DoD entro 20-48 ore dal momento in cui il [CDC] emette la sua raccomandazione finale “.

Ma questa prima ondata di vaccinazioni non è tanto per fermare la diffusione quanto per appianare eventuali problemi di distribuzione. Le 44.000 dosi tratteranno solo circa il 9% degli individui ad alto rischio del DOD. Questo dimostrerà se il processo di distribuzione funziona o meno. Se le cose vanno bene, il DOD ha centinaia di siti in tutto il mondo che possono essere utilizzati per distribuire un vaccino una volta che la produzione aumenta.

Il DOD si è comportato bene con il coronavirus rispetto al resto del Paese. È stato appena sotto 131.000 casi e solo 143 morti. L’applicazione di misure di protezione e restrizioni di viaggio hanno permesso alle forze americane di mantenere la prontezza al combattimento, ha detto McCaffery.

Molti membri del servizio sono giovani e in buona salute, il che significa che saranno alcuni degli ultimi a ricevere il vaccino. Una volta che gli operatori sanitari e le popolazioni ad alto rischio sono stati trattati, le persone coinvolte in posizioni di capacità nazionali critiche riceveranno il vaccino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.