Ottobre 28, 2020 0

Coronavirus: Covid a lungo raggio: il ragazzo ha combattuto contro il coronavirus per 6 mesi

Coronavirus: Covid a lungo raggio: il ragazzo ha combattuto contro il coronavirus per 6 mesi

“Ragazzi, mi dispiace dirlo, ma è un grosso problema. Farà male”, ha detto Eli a Chris Cuomo della CNN lunedì. “Devi solo affrontare la verità: a volte non stai bene.”

Eli e suo padre, Jonathan Lipman, fanno parte di una popolazione in crescita di persone che sono state considerate “trasportatori a lungo raggio”, persone a cui è stato diagnosticato il coronavirus e che manifestano sintomi per mesi.

Eli ha descritto di essere dolorante, dolorante e stanco. Ha detto che si sentiva come se “fosse stato sbattuto contro un muro”.

Ma per quanto sia stanco e per quanto vuole, Eli ha detto a Cuomo che non riesce a dormire.

“Il mio corpo è proprio come ‘no'”, ha detto Eli.

Lipman ha detto che i medici inizialmente hanno spazzato via Eli e le sue malattie molte volte. Prima nella diagnosi, poi quando i sintomi persistevano e anche quando la temperatura di Eli è rimasta per mesi a una febbre bassa.

“Nessuno ci crederebbe davvero che siamo ancora malati, e quando continui a non crederci smetti di credere a te stesso”, ha detto Lipman.

Anche Lipman sta ancora combattendo i sintomi. Ha detto che quasi tutte le mattine si sveglia con dolori simili a quando si è rotto una spalla. Non può salire le scale senza ansimare e non può nemmeno cucinare la cena per la sua famiglia come gli piace tanto fare, perché si addormenta.

Dr. William Li, che sta facendo ricerche pazienti a lungo raggio, ha detto che mentre c’è ancora molto da imparare, il problema probabilmente coinvolge i vasi sanguigni.

“Una delle cose importanti è continuare a parlare con il tuo medico, e i medici devono continuare ad ascoltare i tuoi pazienti”, ha detto Li. “C’è davvero qualcosa che si sta svolgendo davanti ai nostri occhi di cui abbiamo bisogno davanti ai nostri occhi di cui abbiamo bisogno per unire effettivamente i nostri pazienti e con noi stessi come ricercatori e come medici per cercare di aiutare a guarire”.

Li ha raccomandato che, oltre a conversare regolarmente con i medici, i trasportatori di lunghe distanze hanno bisogno di dormire quanto più possibile, movimento e verdure a foglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.