Novembre 18, 2020 0

Coronavirus: Coronavirus Victoria, lavoratore di carni di cedro positivo al COVID ha rifiutato i test due volte prima che fosse rilevato il primo caso di macello

Coronavirus: Coronavirus Victoria, lavoratore di carni di cedro positivo al COVID ha rifiutato i test due volte prima che fosse rilevato il primo caso di macello

Il 17 aprile, ha detto, un membro dello staff è stato rimandato a casa malato dalla fabbrica di carne ma quella persona non è stata in grado di fare un test per il coronavirus perché “non aveva sintomi per giustificare un test COVID”.

Il lavoratore è stato rifiutato dal test due volte prima di restituire un risultato positivo dopo aver insistito per la terza volta che un medico lo screening per COVID-19, ha sentito l’inchiesta.

Carni di cedro a Brooklyn.Credito:Jason South

Il signor Kairouz ha detto di essere stato avvisato per la prima volta di un caso positivo tra il suo staff il 27 aprile. Ha detto che il caso è venuto alla luce dopo che un altro membro del personale si è tagliato il pollice al lavoro ed è andato al Sunshine Hospital per le cure il 23 aprile, dove ha sviluppato un tosse ed è stato testato per il virus.

Due dozzine di personale al Sunshine Hospital sono state successivamente rimandate a casa dopo che il lavoratore Cedar Meats è risultato positivo. Un’infermiera dell’ospedale, che aveva curato il lavoratore, è successivamente risultata positiva.

Il signor Kairouz ha fortemente contestato i commenti fatti dall’allora ministro della Salute vittoriano Jenny Mikakos al momento in cui il cluster era stato gestito “assolutamente perfettamente” dal dipartimento.

Ha detto che il più grande fallimento nella gestione dell’epidemia è stata una direttiva del Dipartimento della salute e dei servizi umani per il personale di sottoporsi a test in una moltitudine di siti di test, piuttosto che istituire una singola clinica di test al mattatoio.

Il capo scienziato dottor Alan Finkel afferma che i casi non venivano gestiti correttamente, con alcuni addirittura persi, nel sistema di tracciamento dei contatti di Victoria.

Il capo scienziato dottor Alan Finkel afferma che i casi non venivano gestiti correttamente, con alcuni addirittura persi, nel sistema di tracciamento dei contatti di Victoria.Credito:Alex Ellinghausen

“Il mio unico desiderio è che il DHHS sia stato in grado di testare in loco perché saremmo stati in grado di superare l’epidemia”, ha detto all’inchiesta.

“Sapevamo quanto sarebbe stato difficile comunicare con 350 lavoratori con background così diversi e barriere linguistiche una volta che hanno lasciato l’attività. Il tempo era essenziale. Avrebbe assicurato che informazioni dettagliate e più accurate fossero ottenute dal nostro personale attraverso l’uso di Responsabili e interpreti di Cedar. Sfortunatamente, il DHHS non ha potuto organizzare tutto questo “.

Il signor Kairouz ha anche affermato che i ritardi del DHHS nel superare l’epidemia hanno significato che uno dei membri del suo staff ha finito per infettare altri nove membri della loro famiglia.

Caricamento in corso

“E ‘stata una situazione devastante a livello personale”, ha detto Kairouz all’inchiesta. “È stato un momento molto confuso per tutti noi. È stato un momento molto difficile. Siamo stati molestati e abbiamo visto che abbiamo fatto qualcosa di sbagliato ed è stato estremamente difficile per tutti”.

L’età ha precedentemente riferito che la direzione di Cedar Meats ignorava le segnalazioni di lavoratori che credevano di aver avuto il coronavirus a metà aprile come “voci e insinuazioni” settimane prima che i funzionari sanitari chiudessero il macello.

Tra il 13 e il 17 aprile, Cedar Meats and Labour Solutions, l’azienda di assunzione di manodopera che fornisce più della metà della forza lavoro di Cedar Meats, ha ricevuto telefonate quotidiane su un piccolo gruppo di lavoratori, alcuni dei quali erano assenti nei giorni di malattia, che hanno detto credevano di avere il COVID-19 o credevano che i loro colleghi fossero infetti.

Caricamento in corso

Ai lavoratori sono state offerte maschere per il viso solo il 29 aprile, quando il capo della sanità Brett Sutton ha ordinato la chiusura dell’attività.

Dallo scoppio dell’epidemia, Kairouz ha affermato di aver investito quasi 1 milione di dollari in misure per proteggere il personale, comprese le telecamere termiche, che misurano la temperatura del personale che entra nel mattatoio.

Il capo scienziato australiano, Alan Finkel, ha detto che l’inchiesta COVID-19 casi sono stati persi e duplicati durante la seconda ondata mentre il sistema di tracciamento dei contatti di Victoria è stato sopraffatto.

Ha detto che era impossibile determinare se i sistemi di tracciamento dei contatti in altri stati dell’Australia sarebbero stati sopraffatti come il Victoria se fossero stati colpiti da centinaia di nuove infezioni al giorno.

“Tutto dipende dalla preparazione”, ha detto il dottor Finkel.

“Non c’è dubbio che il sistema di Victoria sia stato sopraffatto. Ma è molto difficile essere precisi su questo. Un altro stato crollerebbe a 100 casi, al giorno, sostenuti, per milione?

“So che molti Stati si stanno addestrando per affrontare qualcosa come 50 casi al giorno per milione senza perdere la capacità di gestire quei casi. Non è facile, ma crediamo che sia realizzabile”.

Il dottor Finkel, che ha condotto una revisione dei sistemi di tracciamento dei contatti della nazione, ha anche detto che Victoria dovrebbe continuare a puntare alla minimizzazione del rischio, piuttosto all’eliminazione ed evitare blocchi diffusi e “tutte le loro conseguenze negative”.

Caricamento in corso

“Non ho dubbi che la minimizzazione del rischio sia la strada da percorrere. La minimizzazione del rischio si basa su una preparazione costante, forza lavoro ben addestrata e tecnologia moderna per prevenire le epidemie prima che si verifichino”, ha detto.

L’età ha rivelato la scorsa settimana che il Dipartimento della Salute del Victoria ha permesso ai lavoratori del macello Cedar Meats di tornare al lavoro in attesa dei test COVID-19 durante gli sforzi di ricerca dei contatti a maggio.

In base alle regole attuali, ai contatti di contatti stretti di persone infette viene detto di isolarsi immediatamente: se queste regole fossero state in vigore all’inizio dell’anno, l’intera forza lavoro di 350 dipendenti dello stabilimento sarebbe stata probabilmente messa in quarantena dopo la chiusura. dal Chief Health Officer Brett Sutton.

Nella sua presentazione all’inchiesta, la società ha descritto le prove fornite dall’ex ministro della Salute Jenny Mikakos a un’altra inchiesta parlamentare a maggio come “di fatto errate”.

Caricamento in corso

La signora Mikakos ha detto al comitato che la società ha impiegato diversi giorni per consegnare le informazioni su chi ha visitato il sito.

La sig.ra Mikakos, che ha rassegnato le dimissioni a settembre, ha scritto al sig. Kairouz in agosto spiegando le sue prove.

Ha riconosciuto che la società ha fornito informazioni tempestive, ma ha affermato che i dettagli di contatto a volte erano obsoleti o privi di nomi completi, il che significa che il processo ha richiesto più tempo del previsto e ha ostacolato il tracciamento dei contatti.

Una portavoce del Dipartimento della Salute ha detto che la scorsa settimana il Dipartimento ha sostenuto le prove fornite all’inchiesta.

L’epidemia di Cedar Meats, che ha provocato un’indagine WorkSafe, ha messo sotto i riflettori il sistema di tracciamento dei contatti di Victoria durante la prima ondata di infezioni da COVID-19. Circa 10 giorni dopo la chiusura del macello, il governo di Andrews ha annunciato un team di risposta rapida da 20 milioni di dollari per gestire le epidemie ad alto rischio.

Il premier Daniel Andrews è stato interrogato sui commenti della sig.ra Mikakos, che ha descritto la gestione di Cedar Meats come “assolutamente perfetta” mercoledì, ma ha rifiutato di commentare.

“Non sto cercando di correggerli o di aggiungerli”, ha detto ai giornalisti Andrews.

“Tutto quello che ti direi è che è molto tempo fa, c’è un processo politico in corso al momento a Melbourne su questi temi. Aspetterò il rapporto di quell’inchiesta parlamentare, questa è la cosa appropriata per fare.”

Cattura tutti i titoli della giornata

Alla fine di ogni giornata, ti invieremo i titoli delle ultime notizie più importanti, idee per l’intrattenimento serale e una lunga lettura per divertirti. Iscriviti Qui.

I più visti in nazionale

Caricamento in corso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.