Ottobre 28, 2020 0

Coronavirus: Coronavirus USA: l’amministrazione Trump deve pagare 375 milioni di dollari per un farmaco anticorpale

Coronavirus: Coronavirus USA: l’amministrazione Trump deve pagare 375 milioni di dollari per un farmaco anticorpale

Il governo degli Stati Uniti giocherà a Eli Lilly & Co per oltre 1 miliardo di dollari in cambio di circa un milione di dosi del suo trattamento sperimentale con anticorpi contro il coronavirus.

È l’ultima mossa dell’amministrazione Trump che fa scorta di vaccini e farmaci nel tentativo di domare la pandemia che ha ucciso più di 225.000 americani.

Lilly inizierà a fornire 300.000 dosi di anticorpo, LY-CoV55, noto anche come bamlanivimab, per il quale viene pagato $ 375 milioni, se riceve l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Il prezzo per dose è di $ 1.250 come da contratto, ma le fiale acquistate dal governo saranno gratuite per il pubblico americano.

La notizia arriva dopo che il produttore di farmaci ha concluso la sua sperimentazione clinica sull’anticorpo e il remdesivir dopo che il National Institutes of Health ha scoperto che la combinazione non è riuscita ad aiutare il recupero dei pazienti ospedalizzati.

Il governo degli Stati Uniti giocherà a Eli Lilly & Co $ 375 milioni in cambio di 300.000 dosi del suo trattamento sperimentale con anticorpi contro il coronavirus. Nella foto: un ricercatore di Eli Lilly testa possibili anticorpi COVID-19 in un laboratorio a Indianapolis, maggio 2020

All'inizio di questo mese, Lilly ha fatto domanda per l'uso di emergenza con la FDA per l'anticorpo come trattamento per i pazienti COVID-19 lievemente e moderatamente malati.  Nella foto: la sede di Eli Lilly & Co si trova a Indianapolis, giugno 2010

All’inizio di questo mese, Lilly ha fatto domanda per l’uso di emergenza con la FDA per l’anticorpo come trattamento per i pazienti COVID-19 lievemente e moderatamente malati. Nella foto: la sede di Eli Lilly & Co si trova a Indianapolis, giugno 2010

L’accordo iniziale prevede che Lilly fornisca le dosi nei due mesi successivi a un’UEA

Fornisce inoltre al governo la possibilità di acquistare ulteriori 650.000 fiale per 812,5 milioni di dollari, ha affermato in una dichiarazione il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

“Lilly ha sfruttato la nostra profonda capacità scientifica per combattere questa pandemia e siamo orgogliosi dei nostri sforzi per sviluppare potenziali farmaci per combattere COVID-19”, ha affermato in una dichiarazione il CEO David Ricks.

“Gli accordi di fornitura con i governi – come questo con il governo degli Stati Uniti per raggiungere gli obiettivi dell’operazione Warp Speed ​​- sono fondamentali per consentire l’accesso più diffuso ed equo alla nostra potenziale terapia”.

Gli Stati Uniti hanno anche firmato accordi con AstraZeneca e Regeneron Pharmaceuticals per le loro terapie anticorpali, nell’ambito del programma Operation Warp Speed ​​dell’amministrazione Trump.

L’accordo con Regeneron copre i costi di produzione, mentre l’accordo con AstraZeneca include anche il supporto per lo sviluppo.

Mentre i vaccini sono considerati fondamentali per porre fine alla pandemia, i governi stanno sempre più cercando altri trattamenti efficaci per rallentare la diffusione del virus e avviare l’attività economica.

Recentemente, Lilly ha presentato una richiesta di approvazione della FDA per il trattamento di pazienti COVID-19 da lievi a moderatamente malati dopo aver promesso i risultati di uno studio.

I ricercatori hanno scoperto che l’ospedalizzazione o le visite al pronto soccorso si sono verificate nell’1,7% dei 302 pazienti trattati con il farmaco e nel 6% di quelli trattati con il placebo, una riduzione del rischio del 72%.

Non sono stati riportati effetti collaterali gravi o decessi tra i pazienti.

La terapia anticorpale è simile a un farmaco di Regeneron che è stato somministrato a Trump durante il suo incontro con COVID-19.

I trattamenti appartengono a una classe di farmaci chiamati anticorpi monoclonali che sono copie fabbricate di anticorpi creati dall’organismo per combattere un’infezione.

Recentemente, Lilly è stata costretta a terminare la sua sperimentazione clinica su un farmaco anticorpale prima che fosse stato dimostrato che non aiutava i pazienti con coronavirus ospedalizzati a riprendersi.

Lo studio ACTIV-3 è stato sospeso il 13 ottobre a causa di “potenziali problemi di sicurezza” e per “abbondanza di cautela”.

Tuttavia, i funzionari dell’azienda non hanno ancora rivelato quali fossero i problemi di sicurezza o quanti partecipanti ospedalizzati fossero interessati, dopo che una pausa era stata raccomandata da un comitato di sicurezza indipendente.

In un dichiarazione lunedì, ha detto il National Institutes of Health (NIH), che sponsorizzava il processo il trattamento con anticorpi non ha comportato alcun rischio per la sicurezza.

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che non vi era alcuna differenza significativa nei risultati tra i pazienti che assumevano il farmaco di Lilly e quelli che ricevevano un placebo.

La terapia con anticorpi è simile a un farmaco di Regeneron che è stato somministrato a Trump durante il suo incontro con COVID-19.

I trattamenti appartengono a una classe di farmaci chiamati anticorpi monoclonali che sono copie fabbricate di anticorpi creati dall’organismo per combattere un’infezione.

L’azienda ha presentato all’inizio di questo mese una richiesta alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per l’autorizzazione all’uso di emergenza del farmaco per il trattamento di pazienti COVID-19 da lievi a moderati. Il farmaco ha avuto una recente battuta d’arresto dopo che non è riuscito a mostrare benefici nei pazienti ospedalizzati.

Inoltre, Reuters ha riferito che gli ispettori della droga statunitensi hanno scoperto gravi problemi di controllo della qualità in uno stabilimento di Eli Lilly che si sta preparando per la sua terapia con anticorpi.

La terapia con anticorpi è simile a un farmaco di Regeneron che è stato somministrato a Trump durante il suo incontro con COVID-19.

I trattamenti appartengono a una classe di farmaci chiamati anticorpi monoclonali che sono copie fabbricate di anticorpi creati dall’organismo per combattere un’infezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.