Gennaio 14, 2021 0

Coronavirus: Coronavirus UK: Matt Hancock afferma che sono stati somministrati 3 milioni di vaccini

Coronavirus: Coronavirus UK: Matt Hancock afferma che sono stati somministrati 3 milioni di vaccini

Tre milioni di vaccini Covid sono stati ora somministrati in Gran Bretagna, ha rivelato oggi Matt Hancock.

Il segretario alla sanità ha twittato di essere “felice” della notizia, aggiungendo: “Stiamo accelerando il lancio del vaccino Covid in tutto il Regno Unito”.

Viene dopo che è stato rivelato che ai medici verrà offerto un bonus di £ 30 per ogni residente in una casa di cura che vaccinano prima della fine della settimana.

Gli hub guidati dai medici di base che somministrano il vaccino riceveranno un incentivo in denaro nella speranza di accelerare il lancio dei jab nelle case di cura.

I capi del NHS hanno detto ai medici di famiglia che “si aspetta” che i residenti e il personale delle case di cura in Inghilterra vengano vaccinati entro la fine di questa settimana, o entro il 24 gennaio “al più tardi”.

Matt Hancock ha twittato di essere “felice” della notizia: “Stiamo accelerando il lancio del vaccino Covid in tutto il Regno Unito”

Ci sono attualmente 300.000 residenti in case di cura e 500.000 assistenti domestici nel Regno Unito.

Secondo il Joint Committee on Vaccination and Immunization (JCVI), ogni 20 vaccinazioni somministrate ai residenti delle case di cura per anziani possono salvare una morte.

I residenti delle case di cura sono in cima alla lista che definisce nove categorie di persone più a rischio. La categoria successiva include gli over 80 e tutti gli operatori sanitari e assistenziali in prima linea.

La lettera del NHS England ai medici di base ha rivelato che il tasso tornerà a £ 10 per dose dopo il 24 gennaio.

Il professor Martin Green, amministratore delegato di Care England, ha accolto con favore la notizia “eccellente” e ha invitato anche il personale della casa di cura a dare la priorità.

Vic Rayner, direttore esecutivo del National Care Sector, ha aggiunto: “ La comunicazione e la pianificazione tra i medici di base, le case di cura, i residenti ei loro parenti saranno fondamentali per garantire che tutti coloro che hanno così disperatamente bisogno di questo vaccino possano prendere il loro giusto posto nella parte anteriore del la fila.’

Il governo mira a fare in modo che i primi quattro gruppi prioritari – inclusi i residenti delle case di cura e i loro assistenti, il personale sanitario e sociale in prima linea e tutti gli over 70 – offrano il loro primo colpo entro metà febbraio.

Viene dopo che è stato rivelato che le persone precedentemente infettate dal coronavirus hanno una maggiore protezione contro la reinfezione cinque mesi dopo rispetto alle persone che ricevono il vaccino di Oxford e lo stesso livello di immunità fornito dal colpo Pfizer.

I dati dello studio SIREN della PHE, che segue più di 20.000 operatori sanitari in più di 100 siti in tutta la Gran Bretagna, hanno esaminato il numero di membri del personale del NHS nel gruppo di studio che hanno contratto il virus più di una volta.

Arriva quando è stato rivelato che le persone precedentemente infettate dal coronavirus hanno una maggiore protezione contro la reinfezione cinque mesi dopo rispetto alle persone che ricevono il vaccino di Oxford e lo stesso livello di immunità fornito dal colpo Pfizer

Arriva quando è stato rivelato che le persone precedentemente infettate dal coronavirus hanno una maggiore protezione contro la reinfezione cinque mesi dopo rispetto alle persone che ricevono il vaccino di Oxford e lo stesso livello di immunità fornito dal colpo Pfizer

È stato riscontrato che un totale di 6.614 lavoratori avevano il virus all’inizio del 2020, tramite test anticorpali, tamponi PCR o valutazione clinica basata sui sintomi.

Solo 44 persone di questo gruppo sono successivamente risultate positive al coronavirus a seguito della reinfezione.

Gli scienziati della PHE affermano che ciò significa che una precedente infezione conferisce l’83% di protezione contro le reinfezioni e riduce anche la probabilità di sviluppare sintomi e malattie gravi.

Nel frattempo, l’Inghilterra potrebbe sfuggire a misure di blocco più severe per ora dopo che il capo della scienza Patrick Vallance ha suggerito che le misure attuali sono “sufficienti” per controllare il ceppo Covid mutante e Neil Ferguson ha indicato un “plateau” nei ricoveri ospedalieri.

Boris Johnson è pronto a tenere a bada l’inasprimento delle regole nonostante le morti in aumento e Nicola Sturgeon che impone ulteriori cordoli in Scozia, poiché una mappa del calore dell’epidemia del paese suggerisce che la situazione sta iniziando a migliorare.

Dopo che il Regno Unito ha registrato il suo bilancio più mortale con 1.564 vittime, Sir Patrick ha avvertito la scorsa notte che il Regno Unito sta attraversando un “periodo piuttosto triste” poiché le morti non cadranno per “alcune settimane”.

Ma ha anche indicato che il tasso di casi è stato più incoraggiante, con una serie di quattro giorni di cadute settimanali. I dati del governo mostrano che molte aree dell’Inghilterra sono diventate “verdi” nella settimana fino all’8 gennaio, il che significa che i casi stanno diminuendo, sebbene ci siano anche “punti caldi” preoccupanti come parti del nord-ovest.

Sir Patrick ha detto: ‘Penso che quello che sappiamo ora, che non sapevamo poche settimane fa, sarebbe stato sufficiente questo tipo di restrizioni per tenere sotto controllo questo virus con la nuova variante? E la risposta è sì, sembra che lo sia, e le cose almeno si stanno appiattendo in alcuni punti, non ovunque.

Il professor Ferguson – la cui modellazione si ritiene abbia innescato il primo blocco a marzo – ha detto questa mattina che il tasso di crescita stava rallentando a livello nazionale e in alcune regioni del NHS c’erano “segni di plateau”.

Boris Johnson avverte che un TERZO ceppo di Covid potrebbe essere diretto nel Regno Unito

Boris Johnson ha affermato che il numero 10 sta “adottando misure” per proteggere il Regno Unito da una variante brasiliana di Covid che gli esperti temono sia simile ai ceppi del Kent e del Sud Africa altamente contagiosi.

Il primo ministro ha rivelato che i funzionari stavano cercando dei modi per fermare la variante trovata nei viaggiatori dal Brasile in arrivo a Tokyo, in Giappone, ma ha evitato le domande sul fatto che la Gran Bretagna avrebbe adottato un divieto di viaggio.

Parlando ai parlamentari, ha detto: ‘Siamo preoccupati per la nuova variante brasiliana.

‘Abbiamo già misure severe, come sapete, per fermare le nuove infezioni che arrivano dall’estero. Stiamo adottando misure per farlo in risposta alla variazione brasiliana. ‘

Gli scienziati che lavorano in Gran Bretagna non hanno ancora annunciato alcun caso di coronavirus causato dalla variante sul suolo britannico.

È normale che i virus mutino e i primi segni non suggeriscono che nessuna delle nuove varianti del coronavirus sia più mortale di altre, ma in alcuni luoghi si sta evolvendo per essere in grado di diffondersi più velocemente.

Se il virus si diffonde più velocemente, porterà inevitabilmente a più casi che a loro volta porteranno a un numero di morti più elevato, anche se il ceppo stesso non è più pericoloso.

La variante emersa nel Kent, ora stimata essere circa il 56% più trasmissibile rispetto al suo predecessore, è diventata rapidamente la forma dominante del virus in Inghilterra e ha portato al blocco più lungo e duro del paese da marzo 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.