Novembre 11, 2020 0

Coronavirus: Coronavirus UK: la pandemia causa un arretrato del NHS di 5 MILIONI di pazienti

Coronavirus: Coronavirus UK: la pandemia causa un arretrato del NHS di 5 MILIONI di pazienti

La pandemia di coronavirus ha causato un “ arretrato nascosto ” di CINQUE MILIONI di pazienti che necessitano di cure NHS, rivela il rapporto

  • I rinvii per cure ospedaliere di routine sono diminuiti di un terzo tra gennaio e agosto
  • Sono state inviate 4,7 milioni di persone in meno rispetto allo stesso periodo del 2019
  • La Health Foundation ha avvertito che le lunghe attese potrebbero diventare la norma per milioni di persone

La pandemia ha causato un “arretrato nascosto” di quasi 5 milioni di persone che necessitano di cure da parte del NHS, ha rivelato un rapporto.

I rinvii per cure ospedaliere di routine sono crollati di un terzo tra gennaio e agosto.

Ci sono stati 4,7 milioni di persone in meno inviate per il trattamento – come la chirurgia dell’anca, del ginocchio e della cataratta – rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ha rivelato la Health Foundation.

Il think-tank ha avvertito che le lunghe attese potrebbero ora “diventare la norma per milioni di persone” a meno che non vengano intraprese azioni per proteggere le cure non Covid.

C’erano 4,7 milioni di persone in meno inviate per il trattamento – come la chirurgia dell’anca, del ginocchio e della cataratta – rispetto allo stesso periodo dell’anno prima, ha rivelato la Health Foundation (File di foto dei chirurghi in una sala operatoria)

La sospensione di molti servizi del NHS e i timori sulla ricerca di cure potrebbero essere alla base del calo del 34%.

Ci sono stati 622.593 rinvii in meno per traumi e ortopedia, che include la chirurgia per la sostituzione dell’anca e del ginocchio.

I servizi di oftalmologia, che includono interventi di cataratta, hanno registrato 531.660 rinvii in meno.

Ci sono state anche 177.591 persone in meno indirizzate per un intervento di chirurgia della bocca nei primi otto mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. E c’è stato anche un calo nel numero di referti in medicina toracica, neurochirurgia e urologia.

Tim Gardner, che ha co-scritto il rapporto, ha avvertito di una “marea crescente di bisogni insoddisfatti che avranno un impatto significativo sulla salute delle persone se non si trova una soluzione sostenibile”.

Ha detto: “L’NHS ha compiuto progressi significativi verso la riapertura completa dei servizi dopo il primo picco della pandemia, ma esiste ancora un potenziale arretrato nascosto enorme, poiché il servizio sanitario sta intraprendendo molte meno procedure di routine rispetto allo scorso anno”.

Un membro del personale clinico indossa dispositivi di protezione individuale (DPI) mentre si prende cura di un paziente con coronavirus presso l'unità di terapia intensiva del Royal Papworth Hospital di Cambridge, il 5 maggio 2020

Un membro del personale clinico indossa dispositivi di protezione individuale (DPI) mentre si prende cura di un paziente con coronavirus presso l’unità di terapia intensiva del Royal Papworth Hospital di Cambridge, il 5 maggio 2020

Ha aggiunto che saranno necessari interventi radicali per evitare ritardi prolungati.

Per ridurre i numeri sarebbero necessari un uso maggiore del settore indipendente, consultazioni a distanza e la creazione di hub diagnostici dedicati e centri di assistenza elettiva.

Gardner ha aggiunto: “Non esiste un proiettile d’argento: affrontare questi problemi richiederà tempo, denaro e determinazione”.

Il professor Neil Mortensen, presidente del Royal College of Surgeons of England, ha affermato che la sospensione della chirurgia elettiva durante la prima ondata di Covid aveva creato “un enorme arretrato di operazioni in un sistema che era già sovraccarico”.

Ha detto che il NHS stava affrontando un “paio di mesi impegnativi” e che ogni opzione dovrebbe essere esplorata per continuare la chirurgia pianificata questo inverno.

Ha aggiunto: “Sebbene il personale in prima linea abbia compiuto enormi sforzi per ripristinare i servizi chirurgici durante l’estate, è stato impossibile recuperare il ritardo.

“La gente capisce che quest’anno è stato molto difficile impedire che le liste d’attesa si allungassero. Ma ora, con una capacità di test ampliata e un vaccino che sembra imminente, non possiamo accettare che la “nuova normalità” significhi aspettare un anno per un’operazione “.

Un portavoce del NHS ha detto: ‘Il messaggio del NHS al pubblico è sempre stato chiaro: non tardare, aiutaci ad aiutarti facendoti avanti per l’assistenza.

“Tenere il virus sotto controllo è fondamentale per poter continuare tutte le cure di routine, quindi è fondamentale che tutti facciano la loro parte seguendo le indicazioni del governo”.

Annuncio pubblicitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.