Ottobre 12, 2020 0

Coronavirus: Coronavirus UK: CQC esaminerà l’uso di ordini di “non rianimare” nelle case di cura

Coronavirus: Coronavirus UK: CQC esaminerà l’uso di ordini di “non rianimare” nelle case di cura

L’uso degli ordini di non tentare la rianimazione sarà riesaminato dalle autorità sanitarie dopo che è emerso che alcune case di cura hanno politiche generali in atto che coprono i residenti.

I medici hanno detto ai gestori delle case di cura di applicare gli ordini a molti residenti contemporaneamente durante l’inizio della pandemia di coronavirus a marzo senza un’adeguata consultazione.

Ciò significava che era improbabile che i residenti venissero portati in ospedale per cure salvavita, e ora si teme che gli ordini diffusi potrebbero ancora essere in vigore mentre il virus si diffonde di nuovo.

Ora, la Care Quality Commission, la commissione sanitaria per l’Inghilterra, esaminerà l’uso degli ordini “non tentare la rianimazione cardiopolmonare” (DNACPR).

Gli ordini significano che un paziente non riceverà la RCP se il suo cuore si ferma e dovrebbero essere concordati tra un medico e la persona colpita o il suo parente prossimo.

La Care Quality Commission esaminerà l’uso degli ordini di “non tentare la rianimazione cardiopolmonare”. Nella foto: un’immagine d’archivio di un uomo con un ventilatore in terapia intensiva

La revisione è stata annunciata da Lord Bethell alla Camera dei Lord il 1 ° ottobre e da allora il CQC ha sviluppato la sua portata e metodologia prima di avviarla.

Compassion In Dying ha richiesto un’inchiesta sull’uso degli ordini DNACPR e Do Not Attempt Resuscitation (DNAR) durante la pandemia.

Cosa sono gli ordini di non rianimare e chi può invocarli?

Che cos’è un ordine di non rianimare?

Un ordine DNR è un ordine legale che dice a un team medico di non eseguire la RCP su un paziente. Tuttavia, ciò non influisce su altri trattamenti medici.

Chi può invocare un DNR?

La British Medical Association e il Royal College of Nursing affermano che gli ordini DNR dovrebbero essere emessi solo dopo che si sono svolte discussioni con i pazienti o la loro famiglia.

Un paziente può rifiutare la rianimazione se dispone delle capacità definite dal Mental Health Act 2005.

Se i pazienti desiderano registrare questo in un documento legalmente vincolante, devono pianificare di prendere una “ decisione anticipata di rifiutare il trattamento ” (ADRT), ma spesso è meglio registrarlo anche su un modulo di decisione sulla RCP, in modo che gli operatori sanitari lo riconoscerlo facilmente. Oppure possono semplicemente chiedere ai tuoi professionisti sanitari di registrare la tua decisione su un modulo di decisione sulla RCP.

Quando non sarebbe opportuno tentare la rianimazione?

Non tutti vogliono ricevere un tentativo di RCP, quindi è importante rispettare i desideri delle persone e assicurarsi che venga loro offerta la possibilità di fare le scelte giuste per loro.

Quando il cuore e il respiro di qualcuno si fermano perché stanno morendo a causa di una condizione avanzata e irreversibile, la RCP lo sottoporrà a un vigoroso intervento fisico che lo priva di una morte dignitosa. Per alcune persone questo può prolungare il processo di morte e, così facendo, prolungare o aumentare la sofferenza.

Quando esiste la possibilità che la RCP possa riportare qualcuno dall’arresto cardiaco a una durata e una qualità di vita che vorrebbero, dovrebbe essere offerto loro:

  • La possibilità di ricevere informazioni chiare e accurate sulla loro condizione e sui probabili rischi e benefici della RCP in caso di arresto cardiaco;
  • La possibilità di esprimere le proprie convinzioni e desideri e di prendere una decisione condivisa con i propri professionisti sanitari sull’opportunità o meno di tentare la RCP in caso di arresto cardiaco.

L’ente di beneficenza ha affermato di aver sentito diversi rapporti da marzo su tali ordini effettuati per i pazienti in una serie di strutture sanitarie in modo generalizzato.

La dott.ssa Rosie Benneyworth, ispettore capo dei servizi medici primari e dell’assistenza integrata presso la Care Quality Commission, ha dichiarato oggi: “Accogliamo con favore questa commissione del Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale e la stiamo portando avanti a ritmo serrato.

‘Questo si basa sulle preoccupazioni che abbiamo segnalato all’inizio dell’anno e siamo lieti che venga prestata loro maggiore attenzione.

“Gli operatori sanitari e di assistenza sociale hanno dovuto affrontare pressioni straordinarie quest’anno. Sia il personale, sia le persone che utilizzano i servizi ei loro cari, a volte ci hanno sollevato preoccupazioni riguardo all’assistenza.

“È fondamentale cogliere questa opportunità per imparare da ciò che è accaduto, sfidando la scarsa assistenza e condividendo i modi in cui i fornitori hanno posto i bisogni delle persone al centro delle loro cure, in modo che gli altri possano imparare da loro”.

Ha aggiunto: “ Insieme ai partner, siamo stati chiari che è inaccettabile che i piani di assistenza anticipata, con o senza il completamento del modulo Non tentare la rianimazione, vengano applicati a gruppi di persone di qualsiasi descrizione.

‘Queste decisioni devono continuare ad essere prese su base individuale in base alle necessità. Attraverso questa revisione cercheremo di identificare e condividere le migliori pratiche in quest’area complessa, oltre a identificare dove le decisioni potrebbero non essere state centrate sul paziente e garantire che gli errori non vengano ripetuti “.

Il 21 settembre, una commissione parlamentare ha sollevato preoccupazioni sulla portata degli avvisi DNACPR nelle case di cura durante la pandemia, avvertendo che il loro uso generale sarebbe stato illegale.

Ha esortato il Dipartimento della Salute ad adottare un “approccio più proporzionato” quando si trattava di fornire orientamenti sulle visite alle case di cura e ha invitato i ministri a garantire che le case non impongano divieti generali ai visitatori.

Il Comitato misto per i diritti umani ha affermato all’epoca: “ Le restrizioni ai diritti di visita devono essere attuate solo sulla base di una valutazione del rischio individualizzata e tale valutazione del rischio deve tenere conto dei rischi per il benessere emotivo e la salute mentale della persona derivanti dalla mancanza di visite. . “

Il comitato ha anche affermato che i ministri dovrebbero organizzare “ una rapida revisione provvisoria ” delle morti per coronavirus per garantire che le lezioni chiave siano apprese prima di qualsiasi secondo picco in autunno e inverno.

Ciò è avvenuto dopo che il governo ha emesso nuove linee guida sugli ordini a luglio, dopo che una donna aveva minacciato azioni legali per timore che i diritti umani dei pazienti malati di coronavirus nelle case di cura e negli ospedali fossero stati ignorati.

Kate Masters aveva minacciato di citare in giudizio il governo per la sua incapacità di fornire consigli coerenti sugli avvisi durante la pandemia.

La dott.ssa Rosie Benneyworth, ispettore capo dei servizi medici primari e dell'assistenza integrata presso la Care Quality Commission, ha affermato che i fornitori di assistenza sociale hanno dovuto affrontare `` pressioni straordinarie ''

La dott.ssa Rosie Benneyworth, ispettore capo dei servizi medici primari e dell’assistenza integrata presso la Care Quality Commission, ha affermato che i fornitori di assistenza sociale hanno dovuto affrontare “ pressioni straordinarie ”

In precedenza aveva affermato che il processo decisionale relativo agli ordini era “ diventato opaco, incoerente e carente ” a causa delle segnalazioni di cattive pratiche, inclusi pazienti anziani apparentemente costretti a firmare i moduli, durante la crisi.

“Queste decisioni devono continuare ad essere prese su base individuale”: Annuncio CQC completo

Dott.ssa Rosie Benneyworth, ispettore capo dei servizi medici primari e assistenza integrata presso la Care Quality Commission

‘Accogliamo con favore questa commissione del Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale e la stiamo portando avanti a ritmo serrato.

‘Questo si basa sulle preoccupazioni che abbiamo segnalato all’inizio dell’anno e siamo lieti che venga prestata loro maggiore attenzione.

‘Gli operatori sanitari e di assistenza sociale hanno dovuto affrontare pressioni straordinarie quest’anno. Sia il personale, sia le persone che utilizzano i servizi ei loro cari, a volte ci hanno sollevato preoccupazioni riguardo all’assistenza.

“È fondamentale cogliere questa opportunità per imparare da ciò che è accaduto, sfidando la scarsa assistenza e condividendo i modi in cui i fornitori hanno posto le esigenze delle persone al centro delle loro cure in modo che gli altri possano imparare da loro.

“Insieme ai partner, abbiamo chiarito che è inaccettabile che i piani di assistenza anticipata, con o senza il completamento del modulo Non tentare la rianimazione, vengano applicati a gruppi di persone di qualsiasi tipo.

‘Queste decisioni devono continuare ad essere prese su base individuale in base alle necessità. Attraverso questa revisione cercheremo di identificare e condividere le migliori pratiche in quest’area complessa, oltre a identificare dove le decisioni potrebbero non essere state centrate sul paziente e garantire che gli errori non vengano ripetuti “.

Il defunto padre della signora Masters, David Tracey, aveva avviato con successo un riesame giudiziario che stabiliva una violazione dei diritti umani della defunta moglie Janet mentre era stata curata all’ospedale di Addenbrooke, a Cambridge, dopo un incidente automobilistico fatale nel 2011.

Nel giugno 2014, la Corte d’appello ha stabilito che i diritti umani della signora Tracey, direttore di una casa di cura di 63 anni, che aveva un cancro ai polmoni in fase terminale, sono stati violati quando un ordine è stato inserito nella sua cartella clinica senza discuterne prima con lei.

Il caso ha stabilito che esisteva il dovere legale di consultare e informare i pazienti se un ordine veniva inserito nei loro registri, tranne in circostanze molto ristrette.

Il 7 aprile, i leader sanitari in Inghilterra hanno scritto ai medici di tutto il paese ricordando loro che “le politiche generali sono inappropriate”.

Il professor Stephen Powis, direttore medico del NHS in Inghilterra, e Ruth May, infermiere capo per l’Inghilterra, hanno scritto: ‘Le politiche generali sono inappropriate, a causa di condizioni mediche, disabilità o età.

“Questo è particolarmente importante per quanto riguarda gli ordini” Non tentare la rianimazione cardiopolmonare “, che dovrebbero essere effettuati solo su base individuale e in consultazione con l’individuo o la sua famiglia.”

Ciò è avvenuto dopo che il 30 marzo il CQC aveva detto a tutti gli operatori sanitari che era “inaccettabile che i piani di assistenza anticipata, con o senza il completamento del modulo DNAR, fossero applicati a gruppi di persone di qualsiasi tipo”.

In una dichiarazione congiunta, si afferma: “L’importanza di disporre di un piano di assistenza personalizzato, in particolare per le persone anziane, le persone fragili o affette da altre gravi condizioni non è mai stata più importante di quanto lo sia ora durante la pandemia di Covid 19”.

‘Laddove una persona ha capacità, come definito dal Mental Capacity Act, questo piano di assistenza anticipata dovrebbe sempre essere discusso direttamente con loro.

“Quando una persona non ha la capacità di impegnarsi in questo processo, è ragionevole produrre un tale piano seguendo le linee guida del miglior interesse con il coinvolgimento dei membri della famiglia o di altri individui appropriati”.

Tale dichiarazione, rilasciata congiuntamente con la British Medical Association, Care Provider Alliance e Royal College of General Practitioners, aggiungeva: “ È inaccettabile che i piani di assistenza anticipata, con o senza il completamento del modulo DNAR, vengano applicati a gruppi di persone di qualsiasi tipo.

“Queste decisioni devono continuare ad essere prese su base individuale in base alle necessità.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.