Novembre 23, 2020 0

Coronavirus: AstraZeneca afferma che il suo vaccino contro il coronavirus può essere efficace intorno al 90%

Coronavirus: AstraZeneca afferma che il suo vaccino contro il coronavirus può essere efficace intorno al 90%

LONDRA – Il gigante farmaceutico AstraZeneca ha detto lunedì che il suo vaccino Covid-19 potrebbe essere efficace fino al 90% nella prevenzione della malattia, un terzo passo avanti nella lotta contro una pandemia che ha ucciso quasi 1,4 milioni di persone in tutto il mondo.

“L’efficacia e la sicurezza di questo vaccino confermano che sarà altamente efficace contro il Covid-19 e avrà un impatto immediato su questa emergenza sanitaria”, ha affermato in un comunicato il CEO Pascal Soriot.

L’analisi dei dati di uno studio di fase 3 del vaccino sviluppato dall’Università di Oxford nel Regno Unito ha mostrato che era efficace al 90% quando veniva somministrata mezza dose seguita da una dose piena. In un altro regime di dosaggio, quando sono state somministrate due dosi complete, il vaccino era efficace al 62%, hanno detto i ricercatori, con un’efficacia media combinata del 70%.

Un tecnico di laboratorio supervisiona le fiale con tappo durante i test di riempimento e confezionamento per la produzione e la fornitura su larga scala del candidato vaccino Covid-19 dell’Università di Oxford.Vincenzo Pinto / AFP – File Getty Images

Non ci sono stati ricoveri o casi gravi in ​​chiunque abbia ricevuto il vaccino, hanno detto i ricercatori. Sono state necessarie ulteriori analisi per determinare quanto a lungo potrebbe durare la protezione fornita dal vaccino, hanno aggiunto.

I creatori del vaccino, che utilizza una versione indebolita di un comune virus del raffreddore, hanno affermato che potrebbe essere somministrato in strutture sanitarie esistenti, come cliniche mediche e farmacie locali, e conservato a temperature del frigorifero da 2 a 8 gradi Celsius (da 36 a 46 gradi Fahrenheit) per almeno sei mesi, facilitando la sua distribuzione.

Al contrario, il vaccino di Pfizer deve essere conservato a meno 94 gradi Fahrenheit, molto più freddo rispetto ai sistemi di raffreddamento standard delle strutture sanitarie. Il vaccino di Moderna può rimanere stabile alle temperature standard del frigorifero per 30 giorni.

Il fatto che un vaccino possa essere conservato in normali frigoriferi è “di enorme importanza per i paesi a basso reddito” per garantire che il vaccino possa essere somministrato in modo efficiente in tutto il mondo, ha affermato Stephen Evans, professore di farmacoepidemiologia presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine.

Scarica il file App NBC News per le ultime notizie e la politica

L’efficacia del 90% risultante dall’uso iniziale di mezza dose può imitare meglio ciò che accade durante una vera infezione, ha detto Sarah Gilbert, professore all’Università di Oxford, uno dei principali ricercatori, in una conferenza stampa dopo l’annuncio.

“Potrebbe essere che dare una piccola quantità di vaccino per iniziare e poi seguirlo con una quantità maggiore è un modo migliore per mettere in azione la risposta immunitaria”, ha detto.

Un’altra scoperta che entusiasma i ricercatori è il possibile impatto del vaccino sulle modalità di trasmissione del virus. Sebbene l’analisi sia preliminare, ha detto Gilbert, sembra che il vaccino possa ridurre le infezioni asintomatiche, il che contribuirebbe a ridurre la trasmissione del virus.

All’inizio di questo mese, Pfizer e Moderna hanno riportato i risultati preliminari degli studi in fase avanzata, dimostrando che i loro candidati vaccini, che a differenza del vaccino di AstraZeneca utilizzano l’RNA messaggero, o mRNA, per innescare una risposta immunitaria, erano quasi il 95% efficaci.

Nicola Stonehouse, professoressa di virologia molecolare presso l’Università di Leeds, ha affermato di essere cautamente ottimista sui progressi compiuti nello sviluppo di vaccini per combattere il Covid-19, ma ha aggiunto che la comunità scientifica aveva bisogno di vedere i dati per tutti i candidati prima che potessero esserlo. concesso in licenza.

“La notizia che i vaccini possono proteggere dalle infezioni, e che questo sembra essere il caso dei vaccini prodotti in diversi modi, è molto promettente in termini di fornitura potenziale di vaccini su scala globale”, ha aggiunto.

I ricercatori hanno affermato che 131 casi di Covid-19 sono stati rilevati in studi clinici che hanno coinvolto 23.000 volontari di diversi gruppi razziali e geografici in studi clinici nel Regno Unito, Brasile e Sud Africa. Ulteriori sperimentazioni sono in corso anche negli Stati Uniti, Kenya, Russia, Giappone e India.

La società ha affermato che produrrà 200 milioni di dosi entro la fine del 2020, con 700 milioni di dosi che dovrebbero essere pronte a livello globale entro la fine del primo trimestre del 2021.

I dati sull’efficacia del vaccino saranno ora presentati alle autorità di regolamentazione in tutto il mondo, ha affermato la società, anche nel Regno Unito, in Europa e in Brasile, per la revisione e l’approvazione. AstraZeneca richiederà anche un’autorizzazione all’uso di emergenza dall’Organizzazione mondiale della sanità per un percorso accelerato verso la disponibilità di vaccini nei paesi a basso reddito.

L’annuncio di AstraZeneca arriva mentre i casi di Covid-19 continuano a crescere negli Stati Uniti e l’Europa è alle prese con una recrudescenza del virus che ha riportato in blocco molti paesi.

Reuters ha contribuito a questo rapporto.

Laura Saravia ha contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2018. 99CoronaVirus.com. Designed by 99CoronaVirus.com.